Giovanni Rappazzo, il padre del film sonoro
Apr30

Giovanni Rappazzo,
il padre del film sonoro

Il 6 ottobre del 1927 segna la data di nascita del primo film parlato della storia del cinema. Quella sera al Warners’ Theatre di New York si proietta in anteprima mondiale Il cantante di jazz diretto da Alan Crosland, un lungometraggio che al di là della sua semplicità rappresenta una pietra miliare nello sviluppo dell’industria cinematografia. Il tutto è reso possibile grazie alla messa a punto del sistema Vitaphone, nato dalla...

Read More
Abreu, il gigante della gentile rivoluzione a suon di musica
Apr10

Abreu, il gigante della gentile
rivoluzione a suon di musica

Dal 1969 le Giornate internazionali di studio del Centro Pio Manzù hanno visto arrivare a Rimini duemila tra capi di Stato, premi Nobel, First Ladies che qui hanno delineato i grandi scenari del pianeta. Eppure, quando mi concesse la sua ultima intervista per Sette/Corriere della Sera, nel gennaio 2014, il “motore” del Pio Manzù, Gerardo Filiberto Dasi, non esitò a indicarmi nella “bacchetta delle baraccopoli” il suo eroe. Gli chiesi:...

Read More
Sanremo a sorpresa: tra una canzone e l’altra, premiatevi con Nobel
Feb09

Sanremo a sorpresa:
tra una canzone e l’altra,
premiatevi con Nobel

Complice il Festival, vi consigliamo un bagno di cultura visitando la casa-museo dello scienziato fondatore del premio più prestigioso del mondo. Che inventò anche la dinamite e dal suo giardino terrorizzava villeggianti e pescatori sparando cannonate in mare. Un invito a chi arriva a Sanremo per una botta di cultura extracanora tra una canzone e l’altra del Festival della canzone italiana in corso al Teatro Ariston. Come? Ma...

Read More
“Imagine” ci ricorda che un altro mondo è possibile
Gen10

“Imagine” ci ricorda che
un altro mondo è possibile

Quando avevo un milione di capelli in più e suonavo con la chitarra poco più del giro di Do, non era raro ascoltarmi nei primi, rudimentali karaoke. Uno dedicato a Imagine (la mia canzone preferita, la più celebre composta nel 1971 da John Lennon dopo lo scioglimento dei Beatles, mi ricordava che un altro mondo è possibile, più giusto e più pacifico) me lo concessi durante un viaggio negli Stati Uniti, in Florida. Dopo la visita alle...

Read More
Quei giorni trascorsi nella via Gluck che ora i milanesi vogliono proteggere nel segno di Adriano Celentano, 80 anni
Gen06

Quei giorni trascorsi nella via Gluck
che ora i milanesi vogliono proteggere
nel segno di Adriano Celentano, 80 anni

Adriano Celentano, il ragazzo della via Gluck, fa 80 anni (auguri anche da Giannella Channel) e nella mia mente affiora un ricordo speciale. Era l’estate del 2011 e mi occupavo della cura di un numero speciale dei Nomi di Oggi dedicato ai primi 50 anni di Adriano Celentano (risaliva al 1961 la canzone “Con 24 mila baci” con cui aveva conquistato Sanremo e l’Italia). Nella Milano spopolata divenni sei anni fa un...

Read More
Caro Bregovic, ecco la storia di Giulio Turci e di Ico: amore e arte, bellezza e amicizia tra le sponde dell’Adriatico
Set01

Caro Bregovic, ecco la storia
di Giulio Turci e di Ico:
amore e arte, bellezza e amicizia
tra le sponde dell’Adriatico

Caro Goran Bregovic, nel nostro ultimo incontro a Rimini, dove con la tua musica senza frontiere hai dato vita a una festa allegra e coinvolgente, mi hai salutato evocandomi l’Adriatico, “il mare che da sempre ci unisce”. E io ti avevo promesso di ricostruire (per te, ma anche per i tanti romagnoli dalla memoria spesso corta) una storia d’amore, di bellezza e di amicizia tra due artisti che lega le due sponde dell’Adriatico. Una...

Read More
Quando Paolo Limiti mi raccontò Mina e la febbre del sabato sera
Lug05

Quando Paolo Limiti mi raccontò
Mina e la febbre del sabato sera

Ero a Milano, nella chiesa di Santa Maria Goretti in via Melchiorre Gioia, a dare l’ultimo saluto a Paolo Limiti, galantuomo della Tv e (aspetto poco conosciuto) tra i maggiori esperti in Italia di cinematografia hollywoodiana degli anni Venti e Trenta: magistrale la sua inchiesta su Hollywood per Novella 2000 del 1992 che meriterebbe una ripubblicazione. A portarmi ai funerali, mercoledì 28 giugno, confuso tra la gente comune delle...

Read More
Il maestro Tony Pappano riabbraccia il piccolo borgo paterno ed è subito magia
Lug02

Il maestro Tony Pappano
riabbraccia il piccolo borgo paterno
ed è subito magia

Farete fatica a trovare sulla carta geografica Castelfranco in Miscano. È un paese di mille anime, in provincia di Benevento, famoso da queste parti della Campania per gli speciali sapori del suo caciocavallo. Qui, ogni anno, arriva uno dei maggiori direttori d’orchestra del pianeta: Sir Antonio Pappano, detto Tony, direttore musicale dell’Orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma e del Covent Garden Royal Opera...

Read More
Dalla Romagna fino in Nuova Zelanda: a Jovanotti partito per un viaggio in bici di 3.000 chilometri consigliamo la visita dei piccoli musei che hanno molto da insegnarci
Apr27

Dalla Romagna fino in Nuova Zelanda: a Jovanotti
partito per un viaggio in bici di 3.000 chilometri consigliamo
la visita dei piccoli musei che hanno molto da insegnarci

[jpshare] Caro Jovanotti, Viaggiare, vedere tutti gli angoli della terra, fotografare il mondo in movimento, coi piedi per bagaglio e il mondo per famiglia, partire, viaggiare e non fermarsi mai cantavi qualche anno fa nella canzone Marco Polo. Ora hai deciso di mettere in pratica quella canzone e di partire per un viaggio in solitaria in bicicletta che per 20 giorni ti ha portato in giro per la Nuova Zelanda (“perché se...

Read More
E Gianni Boncompagni scelse Arturo Benedetti Michelangeli, il più grande pianista del mondo tifoso di Enzo Ferrari e Topolino
Apr17

E Gianni Boncompagni scelse
Arturo Benedetti Michelangeli,
il più grande pianista del mondo
tifoso di Enzo Ferrari e Topolino

Buongiorno Gianni, negli anni Settanta con Renzo Arbore conquistavi l’Italia con Alto gradimento, una trasmissione geniale e irriverente che realizzò indici di ascolto impensabili per la radio dell’epoca. Oggi qual è il personaggio della storia che riscuote il tuo alto gradimento? “Arturo Benedetti Michelangeli, il più grande pianista del mondo. Ho avuto la fortuna di conoscerlo nella mia città, Arezzo. Lui, bresciano, veniva a...

Read More
Il più antico musicista e una moderna scoperta: ascoltare musica dà una sensazione simile all’orgasmo
Feb15

Il più antico musicista e una moderna scoperta:
ascoltare musica dà
una sensazione simile all’orgasmo

Conosciuto dai cronisti col nome di Marchetto Padovano, non si sa l’anno di sua nascita né quando morì, ma si sa che fu contemporaneo di Dante e che visse tra il 1250 ed il 1350. Lo storico padovano Bernardino Scardeone lo chiama “uno dei più rinomati fondatori dell’armonia e del ritmo moderno”. Intendiamoci, moderno per lo Scardeone che nacque nel 1478 e morì nel 1556, non per noi. Marchetto scrisse un...

Read More
Nella provincia italiana il tesoro della cultura
Gen03

Nella provincia italiana
il tesoro della cultura

[jpshare] E se provassimo davvero a investire sulla cultura? Senza chiacchiere, senza la melassa retorica della cultura che è il nostro petrolio e che Paese straordinario è l’Italia e bla-bla-bla. Ripartendo dai fondamentali, musei archivi biblioteche e teatri funzionanti da quei basici servizi pubblici che sono, ma mettendo sul piatto un po’ di risorse, e magari usandole bene. Perché il problema italiano non è che mancano solo i...

Read More
“La febbre vorrei non averla”: un foglio nella sua villa toscana svela la fine di Giacomo Puccini
Dic07

“La febbre vorrei non averla”:
un foglio nella sua villa toscana
svela la fine di Giacomo Puccini

Torre del Lago, gaudio supremo, paradiso, eden, empireo, «turris eburnea», «vas spirituale», reggia… abitanti 120, 12 case. Paese tranquillo, con macchie splendide fino al mare, popolate di daini, cignali, lepri, conigli, fagiani, beccacce, merli, fringuelli e passere. Padule immenso. Tramonti lussuriosi e straordinari. Aria maccherona d’estate, splendida di primavera e di autunno. Vento dominante, di estate il maestrale,...

Read More
Io, cittadino anglo-romagnolo, invito a tenere alto il volume dell’Inno alla gioia per rilanciare il nostro sogno europeo
Giu28

Io, cittadino anglo-romagnolo,
invito a tenere alto il volume
dell’Inno alla gioia per rilanciare
il nostro sogno europeo

[jpshare] (FORLÍ) Venerdí mattina, 24 giugno, mi sono svegliato alle 6 e ho appreso subito l’esito del referendum che sancisce l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Da cittadino inglese, dopo 34 anni di residenza in Italia, è difficile esprimere quello che ho sentito. Ma ci provo. Innanzitutto è scomparsa l’Europa che avevo sognato, l’Europa guidata da un senso di direzione, verso uno spazio cosmopolito...

Read More
L’Italia creativa e della cultura vale 47 miliardi di euro e offre un lavoro a quasi 1 milione di italiani
Feb09

L’Italia creativa e della cultura
vale 47 miliardi di euro e offre
un lavoro a quasi 1 milione di italiani

La filiera creativa in Italia vale 46,8 miliardi di euro, di cui 40,1 diretti, pari al 2,9% del Pil, e occupa quasi 1 milione di persone. Lo dicono i dati diffusi oggi alla Triennale di Milano da Italia Creativa, il primo studio sull’industria della cultura e della creatività in Italia, realizzato da Ernst & Young con il supporto delle principali associazioni di categoria, guidate da Mibact e Siae. Nel 2014, spiega lo studio, gli...

Read More
La storia segreta di un pioniere dell’enigmistica: Leonardo da Vinci
Nov03

La storia segreta di un pioniere
dell’enigmistica: Leonardo da Vinci

La settimana scorsa sugli schermi televisivi di Rai5, il canale specializzato dedicato alla storia e alla cultura, correva per l’ennesima volta il pluripremiato sceneggiato, datato 1971 e firmato da Renato Castellani, dedicato alla Vita di Leonardo da Vinci, con il genio impersonato da Philippe Leroy. Un cronista, mentre gusta il caffè post pranzo, ascolta di sfuggita, “con la coda dell’orecchio”, un brano dei dialoghi di quello...

Read More
Sergio Bardotti, mio padre, colonna sonora dei nostri ricordi
Giu19

Sergio Bardotti, mio padre,
colonna sonora dei nostri ricordi

Incontro Michela Bardotti a una festa di compleanno al 32mo piano di un grattacielo di Hong Kong. Lei è una manager che, dopo aver lavorato per anni con il gruppo Coin, è attualmente di stanza nella porta d’Oriente nel settore della moda. Formatasi in Lingue e letteratura cinesi all’Università Ca’ Foscari di Venezia, porta nel cuore la sua Italia e un uomo in particolare: suo padre, il grande musicista Sergio Bardotti. Che così...

Read More
Vito Paternoster condivide il suo violoncello con noi. Ovvero: se è il musicista a chiedere di essere copiato
Mag23

Vito Paternoster condivide il suo violoncello con noi.
Ovvero: se è il musicista a chiedere
di essere copiato

  Beati i creatori di miti e di leggende, di cose introvabili nelle trame del tempo. (JRR Tolkien) Se devo pensare a un suono caldo, profondo, rilassante ed avvolgente, mi sembra di sentire la straordinaria vibrazione del violoncello. Uno strumento che va abbracciato prima ancora che suonato, e talmente a misura d’uomo da confondersi col musicista. Strumento e uomo, uomo e musica, crine e legno: alla pari. Come sarebbe il mondo se...

Read More
Vincent van Gogh, una lucida pazzia
Lug28

Vincent van Gogh,
una lucida pazzia

Proseguono, per la mia rubrica varata il 26 aprile 2013 su Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera diretto da Pier Luigi Vercesi, i miei incontri con protagonisti della società moderna che mi indicano il loro spirito guida. In questa ultima settimana di luglio, l’appuntamento n. 65 (in fondo pagina l’elenco dei precedenti 64 intervistati con, tra parentesi, il loro eroe) è con il cantautore e rapper Caparezza, che mi...

Read More
Oggi anche la musica può aiutare a perdonare
Apr27

Oggi anche la musica
può aiutare a perdonare

Vengono dagli Stati Uniti, dall’Uganda, da altri paesi del mondo e a Città del Capo trovano ciò che cercano: l’ispirazione. Nel giro dei musicisti si fanno chiamare con nomi inventati, nomi d’arte, che li identificano spesso anche con il genere che suonano. Mugiha viene dall’Uganda e ha 30 anni, anche se è conosciuto in diversi paesi africani con il nome di N.1 Suspect, perché, dice “Sono il sospettato numero uno per aver ucciso la...

Read More
E il direttore (del Conservatorio) disse al direttore (della rivista): “Per lei la Music@ è vietata”
Gen10

E il direttore (del Conservatorio) disse al direttore (della rivista): “Per lei la Music@ è vietata”

Confesso che ho un debole per i figli del Sud che con le loro qualità si affermano nei vari campi della società civile, per tutti quei piccoli grandi uomini che partono dalla loro terra forti di un Dna che, nella sequenza, ha in più quello che gli scienziati chiamano ‘il gene di Ulisse’, cioè la molla che spinge a mettere da parte la nostalgia canaglia e l’affetto per la propria terra e mettersi in viaggio verso ambienti...

Read More
Note in libertà all’ombra della Torre Eiffel
Lug06

Note in libertà all’ombra della Torre Eiffel

Sono le 8.30 e come ogni mattina vi state recando al lavoro in metropolitana. Nel vagone, alcune facce note, gente con le vostre stesse abitudini. All’uscita della scala mobile, l’inaspettato: uno di questi sconosciuti si mette a suonare un pianoforte, così, en plein air. Che fate, non vi fermate a guardare e ad ascoltare, non chiedete agli altri curiosi che cosa sta succedendo? Se vi capita (come è già capitato a due...

Read More
Francesco Traversi, giovane direttore d’orchestra italiano nell’America di celluloide
Mag12

Francesco Traversi, giovane direttore d’orchestra italiano nell’America di celluloide

  A febbraio un italiano compositore di musiche, Francesco Traversi, è volato a Los Angeles. Il soggiorno americano nell’America di celluloide è il premio che gli è stato assegnato in quanto vincitore di una selezione internazionale di compositori. Nell’ultima settimana di maggio si esibirà con la prestigiosa orchestra della Stanford University di San Francisco. L’Italia perde così, momentaneamente si spera, un altro...

Read More
Suonate musica con i vostri cannoni!
Apr09

Suonate musica
con i vostri cannoni!

“Suonate musica con i vostri cannoni” è il messaggio che la Post War Orchestra lancia con il suo progetto: riciclare armi trasformandole in strumenti musicali. In questo modo contribuiscono a eliminare dalla circolazione ordigni bellici, tramutandoli in simboli di pace. Al Palazzo di Vetro di New York, le Nazioni Unite discutono per giungere allo storico accordo relativo alla compravendita internazionali di armi, volto a regolamentare...

Read More
La musica: storia romagnola sulla “prima” moscovita della “Francesca da Rimini” di Ciajkovskij e del suo amore platonico con la vedova del costruttore della Transiberiana
Mar27

La musica: storia romagnola sulla “prima” moscovita della “Francesca da Rimini” di Ciajkovskij e del suo amore platonico con la vedova del costruttore della Transiberiana

La fantasia sinfonica Francesca da Rimini di Petr Ilic Ciaijkovskij è stata rappresentata per la prima volta a Mosca nel mese di febbraio del 1877 sotto la bacchetta del maestro Nicolaj Rubinstein che “l’ha diretta perfettamente”. Così annoterà il grande compositore di musica russo nel suo diario. A margine di questa nota c’è anche la famosa domanda di Dante: “Ma dimmi al tempo de’ dolci sospiri a che e come concedette amore che...

Read More
Il fuoco. I roghi dei due mari (Rimini e Livorno) con la colonna sonora delle sinfonie di Berezovskij
Mar26

Il fuoco. I roghi dei due mari (Rimini e Livorno) con la colonna sonora delle sinfonie di Berezovskij

Maksim Berezovskij (1745-1777) è stato il primo studente russo in Italia venuto per studiare l’arte della musica. Nel 1771 diventa membro dell’Accademia Filarmonica di Bologna, in via Guerrazzi. Nell’anno precedente ebbe questo onore Wolfgang Amadeus Mozart. Grazie al riconoscimento accademico bolognese Berezovskij si trovò nel seguito del conte Aleksej Orlov di Cesme. Il suo titolo il conte lo doveva alla battaglia navale di Cesme,...

Read More
Fate concerti, non fate la guerra: elogio di Pedro Reyes, artista che crea strumenti musicali dalle armi sequestrate
Feb18

Fate concerti, non fate la guerra: elogio di Pedro Reyes, artista che crea strumenti musicali dalle armi sequestrate

Artista di Città del Messico, Pedro Reyes crea strumenti musicali riciclando pistole, fucili e lanciagranate. L’iniziativa si chiama Disarm e non è la prima volta che Pedro sale alla ribalta della cronaca per i suoi riciclaggi creativi. Vanghe per pistole. Nel 2008 lo scultore messicano lanciò una campagna, “Palas por pistolas” (Vanghe per pistole), con lo scopo di recuperare pistole e trasformarlein vanghe per...

Read More
Sanremo, il brano nato due volte
Feb14

Sanremo, il brano nato due volte

Domani sera, venerdì 15 febbraio, milioni di italiani che guardano il Festival di Sanremo ascolteranno, nella puntata dedicata alle canzoni più famose della rassegna, Chiara Galiazzo (la giovane cantante padovana vincitrice della sesta edizione di X-Factor) impegnata a ripresentare “Almeno tu nell’universo” resa eterna da Mia Martini. L’autore delle note di questo brano è Maurizio Fabrizio, secondo compositore...

Read More
La piccola grande storia arrivata a Milano con un pianoforte voce di Napoli
Feb12

La piccola grande storia arrivata a Milano con un pianoforte voce di Napoli

  La piccola grande storia può venirti incontro nei luoghi più inattesi, come la Spilleria che ti accoglie sulle rive del Naviglio Martesana, nella frazione Sant’Agata di Cassina de’ Pecchi, 20 chilometri a est di Milano. Lì, in occasione del primo anno di attività del locale, è apparso nello spazio mostre una micro-rassegna fotografica e un oggetto in più: un pianoforte antico, sistemato con discrezione in un angolo del locale. “E’...

Read More
Domenico De Masi: “Il 2012 è stato l’anno del fallimento. Per risollevare l’Italia impariamo dal Brasile”
Gen10

Domenico De Masi: “Il 2012 è stato l’anno del fallimento. Per risollevare l’Italia impariamo dal Brasile”

“Il 2012 lascia alla storia un grande tentativo di risanamento della situazione economica italiana secondo una strategia che di giorno in giorno appare sempre più sbagliata. I conti non tornano: la miseria aumenta, come la disoccupazione e il deficit. I tre problemi principali che il governo Monti era stato chiamato a risolvere si stanno rivelando un disastro”. Così la pensa il sociologo Domenico De Masi, che con...

Read More
graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!