Tutti in fila per tre: la falsa e pericolosa armonia del conformismo. Il monito di un noto psicologo alle folle plaudenti di parate militari

Lo sgabello del cittadino (il nostro “Speaker’s corner”)

testo di Fulvio Scaparro¹ per Giannella Channel

Tutti in fila per tre: la falsa e pericolosa armonia del conformismo. Il monito di un noto psicologo alle folle plaudenti di parate militari

Speaker's corner

testo di Fulvio Scaparro¹ per Giannella Channel

Ho assistito alla meravigliosa esibizione delle Farfalle Azzurre che a fine ottobre hanno conquistato (foto in basso) la medaglia d’oro ai mondiali di ginnastica ritmica in Giappone. Si resta a bocca aperta di fronte alle straordinarie prestazioni di donne e uomini nella danza classica, negli sport, nel mondo dello spettacolo, in ogni occasione in cui gli esseri umani riescono ad agire in armonia tra loro. Colpisce come la dura fatica del loro lungo e rigoroso addestramento non traspaia nella naturalezza e leggerezza dei gesti.

Gran parte di noi, per età e condizioni fisiche e psichiche, è ben lontana da quei livelli, se non del tutto impossibilitata. Malgrado questo, quegli exploit non sono solo fonte di stupore ma anche di ispirazione. Il passaggio dalla motricità grossolana ai movimenti fini e il successivo passaggio a ottenere prestazioni rapide e automatizzate con movimenti sincronizzati impegna il nostro corpo e la nostra mente fin dall’infanzia in un succedersi di vittorie e sconfitte, progressi e regressioni, a seconda del nostro stato psico-fisico e dell’influenza dell’ambiente nel quale ci muoviamo.

È forse questa esperienza di apprendimento comune a tutti noi che spiega l’incantamento dell’assistere a prestazioni di perfetto coordinamento e padronanza del proprio corpo. Organizzati dal sistema nervoso centrale i gesti motori ben coordinati esaltano la flessibilità, la forza, la resistenza e la velocità e diventano per chi come noi non possiede queste doti o non può svilupparle per ragioni di forza maggiore uno spettacolo affascinante.

farfalle-azzurre
giorgio-parisi-nobelEmozioni del genere le proviamo osservando quanto avviene in natura. Il fisico Giorgio Parisi (foto a destra), premio Nobel per i suoi studi sui sistemi complessi, dichiara di perdersi dietro le fantastiche evoluzioni dei grandi stormi di storni che d’improvviso, in volo, esplodono in figure bellissime. Lo scienziato si chiede come e perché inizino a girare, chi comincia per primo, chi per ultimo, comunque tutti insieme dal primo all’ultimo. Una probabile tattica per confondere i predatori. Passando dal cielo al mare, osserviamo il comportamento delle sardine che confondono i predatori improvvisando aperture a ventaglio, a fontana, a nuvola, disperdendosi e riunendosi, cambiando direzione e velocità, sempre in sincronia tra loro.

Fin qui ho accennato alla faccia luminosa dell’armonia. La faccia oscura non è la sempre possibile disarmonia ma l’armonia forzata in cui la preda viene incantata dal predatore con il miraggio di entrare in un mondo ordinato, rassicurante, garantito da una guida suprema che toglie al suddito la fatica di scegliere in prima persona in cambio di una fedeltà assoluta. L’omologazione e il conformismo diventano obiettivi da perseguire e proteggere contro ogni tentativo di scelte individuali o di gruppo che potrebbero minare l’armonia del sistema basata sulla mancanza di un’opposizione.

Si susseguono negli ultimi anni parate militari spettacolari (nella foto d’apertura, una recente in Corea del Nord) degne di quelle che oltre ottant’anni fa, prima della Seconda guerra mondiale, mandavano in visibilio gli spettatori tedeschi, italiani, giapponesi e non solo. Fantastiche coreografie di uomini e donne in divisa addestrati a sfilare “come un sol uomo” al suono delle marce militari e in uno sventolio di bandiere davanti ai potenti di turno, ai loro corifei e a folle plaudenti. Parate muscolari con esibizioni di armi di distruzione sempre più letali che servono a intimorire gli avversari e, da sempre, hanno preceduto conflitti locali o mondiali.

Per non parlare delle immagini dei maxi-congressi di partito organizzati per confermare a vita la guida suprema di turno. Guardando queste immagini, il primo pensiero è che quelle persone tutte uguali le une alle altre anche nell’abbigliamento e perfino nelle fattezze fisiche, siano il risultato dell’uso di un software di realtà aumentata con cui si crea un avatar delle persone in modo da ottenere un falso pubblico che reagisce all’unisono applaudendo, osannando, approvando all’unanimità. Purtroppo non è così: il software non c’entra, le immagini rappresentano quello che in certe piazze e sale del mondo avviene ogni giorno con nostri simili in carne e ossa.

Ricordo “In fila per tre”, una canzone di Edoardo Bennato comparsa nell’album Buoni e cattivi, in uno dei periodi più fertili della sua carriera. Era il 1974. Piacque a me e a molti ma non mancò chi storse il naso per il contenuto critico nei confronti di partiti, istituzioni e potenti dell’epoca. Risentitela, se ne avete voglia, e ditemi se a quasi cinquant’anni di distanza non vi sembra del tutto attuale.

Edoardo Bennato, "In Fila Per Tre" (1974).

Chi ha la fortuna di vivere nelle nostre scalcagnate e spesso contraddittorie democrazie non si lasci affascinare dall’esibizione di armonia forzata di regimi dittatoriali comunque mascherati, ottenuta al prezzo dell’annullamento dell’individuo e della sua sacrosanta libertà di scegliere di non aderire. Se proprio ci piacciono le parate, accontentiamoci di quelle nostrane, meno tronfie e perfette, quelle che celebrano le ricorrenze storiche nazionali e mettono in mostra l’addestramento e l’efficienza dei vari corpi impegnati in vario modo nella difesa, nel soccorso e nel mantenimento dell’ordine democratico. L’amor di patria non deve farci dimenticare che apparteniamo a una patria comune, il mondo in cui viviamo e che sopravviverà non armandoci ma amandoci gli uni con gli altri.

Se siamo costretti a vivere come “un sol uomo”, da schiavi contenti, c’è da chiedersi se valga la pena di nascere. Stare insieme agli altri, amare, collaborare, aiutare, condividere, costruire, non significa annullarci come individui e non fare sentire il nostro dissenso quando è necessario. Siamo simili ma diversi e dobbiamo imparare a distinguere il conflitto, fertile e creativo, dalla guerra, sempre mortifera. Nei conflitti si confrontano, anche animatamente, opinioni diverse senza rinunciare a dialogare, a mediare tra posizioni differenti, a sacrificarsi, quando è necessario, per il bene pubblico, mantenendo però sempre il rispetto reciproco. Nella guerra si rinuncia al dialogo, l’altro è nemico e si ricorre inevitabilmente a prove di forza. Non c’è rispetto per nulla e per nessuno.

Care Farfalle Azzurre, continuate a dimostrarci che la vera armonia è difficile da raggiungere e mantenere ma quando la si realizza, sia pure per breve tempo, riusciamo a intravedere squarci di bellezza nel nostro mondo.

bussola-punto-fine-articolo

* Fulvio Scaparro (Tripoli, 1937), psicoterapeuta, ha insegnato psicologia all’Università degli studi di Milano. Collabora con il Corriere della Sera, con il Messaggero di Sant’Antonio. Tra i suoi libri editi nel terzo millennio: Il coraggio di mediare (Guerini editore); La voglia di sorridere (Frassinelli); Vecchi leoni e la loro irresistibile alleanza con i giovani (Rizzoli); La bella stagione (Vita e Pensiero); La vita segreta del bambino (Salani); L’antispocchia (Bompiani); Vecchi con grinta (Messaggero di Padova); Pacificare le relazioni familiari (con Chiara Vendramini, Trento, Erickson, 2018). A questo link la bibliografia completa. Mail: [email protected]. Direttore scientifico dell’Associazione GeA – Genitori Ancòra (associazionegea.it), fondata nel 1987, l’associazione italiana che ha introdotto in Italia la pratica della mediazione familiare. Potete contribuire all’impegno di Scaparro nella pacificazione delle relazioni familiari associandovi a Gea (quota associativa annua € 50,00) oppure versando un contributo liberale superiore a € 50,00 oppure apponendo la vostra firma nel riquadro “sostegno del volontariato e delle altre attività non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art.10 c.1 lett.a del d.l.gsn.469 del 1997” presente in tutti i modelli per dichiarare il reddito delle persone fisiche (Unnico, 730, CUD, ecc.) e inserite il codice fiscale 97059120150).

Il cerchio della vita: la nascita

  Invito i lettori a un affascinante viaggio intorno ai riti dell’uomo, tra misteri, sacro e favola. A illuminare il Cerchio della vita nelle culture del mondo e, più in piccolo, nel mio paese dove sono nato (Trinitapoli, nel Tavoliere pugliese) ci fanno da guida...

Il cerchio della vita: l’adolescenza

  Invito i lettori alla seconda tappa dell’affascinante viaggio intorno ai riti dell’uomo, tra misteri, sacro e favola. A illuminare il Cerchio della vita nelle culture del mondo e, più in piccolo, nella terra di Puglia dove sono nato, ci fanno da guida le parole...

Il cerchio della vita: la morte

  Invito i lettori alla quarta e ultima tappa dell’affascinante viaggio intorno ai riti dell’uomo, tra misteri, sacro e favola. A illuminare il Cerchio della vita nelle culture del mondo e, più in piccolo, nella terra di Puglia dove sono nato, ci fanno da guida...

Tate e bambini: quella relazione profonda che non ha nome

Sei anni fa, proprio in questo periodo dell’anno, sono venuta a Hong Kong a cercare casa in previsione del mio trasferimento da Milano. Stavo passeggiando in una strada di Midelevel, una bella zona residenziale a metà collina, tra il Peak e il porto, quando vedo due...

Storie: l’infermiera israeliana che allatta il bimbo di una donna palestinese in coma

Durante il suo turno di lavoro presso l’ospedale Hadassah di Gerusalemme, l’infermiera Ula Ostrowski-Zak, mamma di 34 anni, si è trovata di fronte a una situazione un po’ particolare: un bimbo palestinese di nove mesi, Yamen Abu Ramila, si trovava nella struttura...

Marzo 2020: il dono di una poetessa, le lacrime di un sindaco, l’augurio di Einstein

  Sono molte le artiste e gli artisti che in questi giorni, fra sale chiuse e manifestazioni cancellate, offrono la propria creatività come segno di vicinanza umana e solidarietà. È delle scorse ore il contributo di Mariangela Gualtieri, la poetessa cesenate che...

Scuole chiuse? Con i bambini facciamo come la volpe e il Piccolo Principe. I consigli della psicoterapeuta Maria Rita Parsi

  E adesso che le scuole non riapriranno più il 3 aprile che si fa? “Facciamo come il Piccolo Principe e la volpe” risponde Maria Rita Parsi, psicologa e psicoterapeuta. In che senso? “Dobbiamo imparare ad addomesticare” continua in una conversazione con...

Scaparro, lettera ai genitori: «Scopriamoci salmoni, dimostriamo ai nostri figli come si affrontano le difficoltà»

  Cari lettori, nel silenzio malsano che circonda tutti noi in quarantena mi raggiunge una lettera firmata da Fulvio Scaparro, noto psicologo già docente all’Università di Milano (che voi avete conosciuto in precedenti occasioni: trovate i testi correlati in...

Il cerchio della vita: il matrimonio

  Invito i lettori alla terza tappa dell’affascinante viaggio intorno ai riti dell’uomo, tra misteri, sacro e favola. A illuminare il Cerchio della vita nelle culture del mondo e, più in piccolo, nella terra di Puglia dove sono nato, ci fanno da guida le parole...

Tutti in fila per tre: la falsa e pericolosa armonia del conformismo. Il monito di un noto psicologo alle folle plaudenti di parate militari

Lo sgabello del cittadino (il nostro "Speaker's corner") testo di Fulvio Scaparro¹ per Giannella ChannelHo assistito alla meravigliosa esibizione delle Farfalle Azzurre che a fine ottobre hanno conquistato (foto in basso) la medaglia d’oro...