Vito Paternoster condivide il suo violoncello con noi. Ovvero: se è il musicista a chiedere di essere copiato
Mag23

Vito Paternoster condivide il suo violoncello con noi.
Ovvero: se è il musicista a chiedere
di essere copiato

  Beati i creatori di miti e di leggende, di cose introvabili nelle trame del tempo. (JRR Tolkien) Se devo pensare a un suono caldo, profondo, rilassante ed avvolgente, mi sembra di sentire la straordinaria vibrazione del violoncello. Uno strumento che va abbracciato prima ancora che suonato, e talmente a misura d’uomo da confondersi col musicista. Strumento e uomo, uomo e musica, crine e legno: alla pari. Come sarebbe il mondo...

Read More
Il caffé etico nel mondo? Per il terzo anno parla in italiano e viene da Trieste
Apr17

Il caffé etico nel mondo?
Per il terzo anno
parla in italiano e viene
da Trieste

Si rinnova l’appuntamento con il World’s Most Ethical Companies, l’elenco delle cento aziende più etiche al mondo stilato dall’Istituto Ethisphere. Dall’abbigliamento alla consulenza, dai prodotti di bellezza all’automotive, passando per le big delle nuove tecnologie la lista è lunga e comprende aziende quali Gap, H&M, Levi Strauss & Co, Accenture, Capgemini, L’ORÉAL, Shiseido, Ford Motor Company, Google e...

Read More
Giorgio Salvini, l’addio di uno scienziato ai naviganti del futuro, felice di aver costruito parte della loro nave
Apr10

Giorgio Salvini, l’addio di uno scienziato ai naviganti del futuro, felice di aver costruito parte della loro nave

Il professor Giorgio Salvini si è spento serenamente a 94 anni, stanco ma sempre lucidissimo, sostenuto per tutta la vita dalla sua mente geniale e dalla sua inseparabile compagna Costanza. Nato a Milano il 24 aprile 1920, per la sua attività di ricercatore, svolta nel campo dei raggi cosmici e delle particelle elementari, è considerato uno dei più prestigiosi fisici internazionali. Ha diretto la progettazione e la costruzione...

Read More
Chi combatte Ebola nel segno di Emergency
Dic27

Chi combatte Ebola nel segno di Emergency

Il settimanale americano TIME ha nominato “persone dell’anno” gli Ebola Fighters, le persone che stanno combattendo contro Ebola in Africa: un riconoscimento che sottolinea, ancora una volta, l’importanza del lavoro di organizzazioni non profit come Emergency (cui da tempo destino il 5 per mille familiare). Un riconoscimento che va soprattutto ai medici e infermieri che stanno lavorando ogni giorno in Sierra...

Read More
Sergio Romano elogia Giuseppe Bottai, paladino della cultura: “Era convinto che il nostro patrimonio fosse la prova dell’esistenza di una nazione italiana”
Dic11

Sergio Romano elogia Giuseppe Bottai, paladino
della cultura: “Era convinto che il nostro patrimonio
fosse la prova dell’esistenza di una nazione italiana”

Caro Romano, in un incontro di Bookcity dedicato agli eroi che riportarono a casa i tesori d’arte di Milano, è stato evocato un suo prezioso libretto (L’arte in guerra) che fa capire perché l’arte possa essere amata, ma anche odiata, conquistata… “Per le opere d’arte italiane va distinto il periodo pre e post-armistizio. Nel ’37 arrivò a Roma, per fare acquisti, Filippo d’Assia. La prima richiesta fu quella del Discobolo di Mirone,...

Read More
Enzo Ferrari, un italiano di parola
Nov08

Enzo Ferrari, un italiano di parola

Il grande Giacomo Agostini, quindici volte campione del mondo di motociclismo, presenta al Parco Esposizioni di Novegro (Milano) il libro “Giacomo Agostini. Immagini di una vita”. La presentazione avviene nella cornice di una sfilata di moto che hanno tenuto alto il nome dell’Italia nel mondo: quelle della storica casa fondata dal conte Domenico Agusta. Colgo questa occasione per ripescare l’intervista da me...

Read More
Ragazzi, impugnate il libro di Jack London che mi ha fatto diventare uomo
Ott27

Ragazzi, impugnate il libro
di Jack London
che mi ha fatto diventare uomo

Da mercoledì 29 ottobre a venerdì 31 il Ministero della Pubblica Istruzione promuove tre Giornate della Lettura nelle scuole di ogni ordine e grado. Vuol dire che in ogni scuola d’Italia, elementari, medie e superiori, si leggerà qualcosa ad alta voce, per un certo tempo, ogni giorno per tre giorni, e senza valutazione. Perché, si legge nella nota ministeriale, “il fine deve essere stimolare negli studenti il piacere della...

Read More
Primo Grassi, pioniere che sognava di mettere al turismo in Romagna il turbo dell’ambiente
Ago25

Primo Grassi, pioniere
che sognava di mettere
al turismo in Romagna
il turbo dell’ambiente

Un anno fa, di questi tempi, ho assistito nel camposanto di Cesenatico alla semplice cerimonia d’addio a Primo Grassi, un gigante dell’umanità operosa della Romagna. Le essenziali, commosse parole del figlio Fabio, che trasportava abbracciando l’urna con le ceneri del padre (“Questa è una cerimonia civile, laica e pragmatica come ha voluto essere mio padre per tutta la vita. Non ho altre parole da aggiungere”) non illuminarono ai...

Read More
Dario Fo elogia il Ruzzante: “Fu un vero rivoluzionario, l’unico che, in forma satirica, ha parlato del suo tempo”
Ago24

Dario Fo elogia il Ruzzante:
“Fu un vero rivoluzionario,
l’unico che, in forma satirica,
ha parlato del suo tempo”

Caro Fo, la trovo qui in pieno agosto al Bragozzo di Cesenatico in veste di pittore. Sta partendo per presentare nelle piazze un nuovo libro e per calcare i palcoscenici con lo spettacolo per San Francesco. Il suo eroe è un artista, un letterato o un attore? “Il mio spirito guida è Angelo Beolco, detto il Ruzzante. Questo straordinario uomo di teatro, nato a fine ‘400, l’ho scoperto tardi, quando già ero capocomico con Franca e avevo...

Read More
Vincent van Gogh, una lucida pazzia
Lug28

Vincent van Gogh,
una lucida pazzia

Proseguono, per la mia rubrica varata il 26 aprile 2013 su Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera diretto da Pier Luigi Vercesi, i miei incontri con protagonisti della società moderna che mi indicano il loro spirito guida. In questa ultima settimana di luglio, l’appuntamento n. 65 (in fondo pagina l’elenco dei precedenti 64 intervistati con, tra parentesi, il loro eroe) è con il cantautore e rapper Caparezza, che mi...

Read More
Un secolo fa amici di buona penna componevano una geografia letteraria in casa di Marino Moretti
Mar28

Un secolo fa amici di buona penna
componevano una geografia letteraria
in casa di Marino Moretti

Giugno 1914, porto canale di Cesenatico: nella casa di Marino Moretti, poeta e scrittore romagnolo allora 29enne, che ha appena pubblicato a puntate sul Giornale d’Italia il suo primo romanzo Il sole del sabato, si compone una mosaico geo-culturale d’eccezione (Alfredo Panzini, Renato Serra e Grazia Deledda) così ricostruito da Medardo Vincenzi in un fascicolo edito per il centenario della nascita di Moretti Sul finire di giugno...

Read More
Antonio Cederna, giornalista e battagliero difensore della città, del paesaggio, della bellezza italiana
Feb02

Antonio Cederna, giornalista e battagliero
difensore della città, del paesaggio,
della bellezza italiana

Doveva fare l’archeologo e per questo da Milano, dopo severi studi a Pavia, era calato a Roma. Ma si fermò al primo scavo, a Carsoli, sulla strada per l’Abruzzo, e al primo saggio, “La tomba sotto il melo”. Attraverso Elena Croce, figlia del filosofo, entrò presto in contatto, all’inizio del decennio ’50, col gruppo del settimanale “Il Mondo”. Esordì con un veemente articolo sull’apertura della spettrale,...

Read More
Alfredo Paolella (1928-1978), medico e docente che sognava un carcere dignitoso, ucciso da terroristi di Prima Linea
Gen28

Alfredo Paolella (1928-1978), medico e docente che sognava un carcere dignitoso, ucciso da terroristi di Prima Linea

“  Nel periodo dell’università a Napoli ho avuto ottimi insegnanti. Mi sono laureato con una tesi in antropologia criminale: il mio professore, il medico legale Alfredo Paolella (Benevento, 1928 – Napoli, 1978), direttore del Centro di osservazione criminologiche per le regioni Campania, Basilicata e Puglia con sede nel carcere di Poggioreale, era stato uno dei padri della riforma penitenziaria che fu varata nel 1975 e che, per il...

Read More
John Bradford (1918-1975), storico inglese che scopriva le città sepolte nel Tavoliere pugliese
Gen24

John Bradford (1918-1975), storico inglese
che scopriva le città sepolte
nel Tavoliere pugliese

Come mio spirito guida io scelgo uno storico inglese: John Spencer Purvis Bradford, di stanza durante la Seconda guerra mondiale nella base Alleata di San Severo (Foggia). Fu lui a individuare per primo, nelle immagini scattate in volo dai colleghi piloti della RAF, i segni della presenza di antichi insediamenti dauni nel Tavoliere pugliese. Bradford alla fine del 1943 era stato destinato alla base aerea Alleata di San Severo dove...

Read More
Sandra Kavira (Kyatenga, Congo, 1981), l’agronoma che ha sestuplicato i raccolti di riso nella sua Africa
Dic03

Sandra Kavira (Kyatenga, Congo, 1981), l’agronoma che ha sestuplicato i raccolti di riso nella sua Africa

Incontro il modenese Antonio Saltini, docente di storia dell’agricoltura all’Università di Milano, prima in un borgo delle Marche (San Sisto, in provincia di Pesaro e Urbino) per un convegno dedicato a “Cultura & colture: viaggio tra le eccellenze nel mare di terra del Montefeltro storico”, e poi a Torino per il Salone del gusto, per un convegno (“Humus 2012. Potrà la terra ancora sfamare il seme...

Read More
Il giurista Piero Calamandrei (1889-1956)
Nov18

Il giurista Piero Calamandrei (1889-1956)

Piero Calamandrei (1889-1956), giurista e docente universitario, fu tra i pochissimi che nel ventennio non presero la tessera fascista. Fece parte di movimenti clandestini. Grande avvocato, uomo politico e umanista. Nel 1922 con Gaetano Salvemini, i fratelli Rosselli ed Ernesto Rossi fondò il “Circolo di cultura”. Tra i promotori del Partito d’Azione e gli animatori della Resistenza, nel 1945 dette vita alla rivista...

Read More
Di Vittorio, Menichella, il no ai regali. E una proposta per onorare gli eroi del lavoro: l’avanza una illustre personalità della cultura e dell’impegno civile, il merceologo Giorgio Nebbia, uno dei “padri nobili” dell’ambientalismo scientifico, per nove anni parlamentare della Sinistra indipendente alla Camera
Ago17

Di Vittorio, Menichella, il no ai regali. E una proposta per onorare gli eroi del lavoro: l’avanza una illustre personalità della cultura e dell’impegno civile, il merceologo Giorgio Nebbia, uno dei “padri nobili” dell’ambientalismo scientifico, per nove anni parlamentare della Sinistra indipendente alla Camera

Caro Giannella, molto interessante il ricordo di Giuseppe Di Vittorio e di quelli che respingevano i regali. Nei nove anni in cui sono stato in Parlamento solo due volte mi sono trovato davanti a questo problema, forse perché non contavo niente. Un regalo, non ricordo di chi, forse pregiato, respingemmo subito con la Gabriella, mia moglie, credo che sia andata lei personalmente a riportarlo al mittente.Non ricordo bene. Una seconda...

Read More
Gli argenti della Federconsorzi e l’unico che seppe rifiutare i preziosi doni: elogio del governatore della Banca d’Italia, Donato Menichella
Ago15

Gli argenti della Federconsorzi e l’unico che seppe rifiutare i preziosi doni: elogio del governatore della Banca d’Italia, Donato Menichella

Leggo con interesse la vicenda narrata da Salvatore Giannella sul suo blog dall’orizzonte europeo www.giannellachannel.info riguardante Giuseppe Di Vittorio, il gigante del pensiero che rifiutava i regali. Ebbi occasione nel 1979 di visitare, giovane cronista agricolo, uno splendido oliveto a Cerignola: chi mi accompagnava mi presentò al proprietario, dottor Pavoncelli, che mi intrattenne amabilmente sulle caratteristiche...

Read More
Il mio eroe: Giovanni Palatucci
Ago09

Il mio eroe:
Giovanni Palatucci

Giovanni Palatucci, nato a Montella (Avellino), fu l’ultimo questore di Fiume italiana. Salvò molti ebrei dai lager nazisti. Arrestato nell’autunno del 1944 dalla Gestapo tedesca per non aver applicato le “leggi razziali”, fu torturato nel carcere di Trieste, e poi deportato il 22 ottobre a Dachau, matricola numero 117826: quì morì a 37 anni, il 10 febbraio 1945. A Palatucci già dal 1952 Israele ha attribuito...

Read More
Vitamine per l’anima: dieci cose che a me, Luigi Roberto, ha insegnato il nonno presidente Luigi Einaudi (1874-1961)
Ago07

Vitamine per l’anima: dieci cose che a me, Luigi Roberto, ha insegnato il nonno presidente Luigi Einaudi (1874-1961)

Bella la fotografia del nonno Luigi Einaudi, il primo capo dello Stato italiano eletto dal Parlamento repubblicano, che 60 anni fa legge brani delle Georgiche di Virgilio agli otto nipoti che lo attorniano nella tenuta di San Giacomo a Dogliani, in Piemonte (Corriere della Sera, 30 luglio 2012). Bella ed evocatrice in me, nonno a mia volta circondato dai nipoti nella piccola, seconda casa di Cesenatico. Nella mia mente, fresca del...

Read More
Theo Angelopoulos (1935-2012), il regista che sognava un’altra Grecia in un’altra Europa
Ago01

Theo Angelopoulos (1935-2012), il regista che sognava un’altra Grecia in un’altra Europa

Theo Angelopoulos (Atene 27 aprile 1935 – Pireo 24 gennaio 2012), è stato un grande regista e sceneggiatore ma sarebbe meglio definirlo «poeta dell’immagine». Dopo essersi laureato ad Atene, nel 1962 ed essersi iscritto all’Idhec di Parigi, da cui sarà espulso per un diverbio con il suo insegnante di regia, continuerà i suoi studi presso il Musée de l’homme con il regista Jean Rouch, maestro del cinema-verità. Tornato in Grecia...

Read More
Giuseppe Casarrubea, ragazzo del ’99, padre che non ho mai conosciuto
Giu26

Giuseppe Casarrubea, ragazzo del ’99, padre che non ho mai conosciuto

Nel marzo 2007 incontrai per L’Europeo lo storico siciliano Giuseppe “Pino”  Casarrubea nella sua casa liberty al centro di Partinico (Palermo). Una delle case della memoria sorte in Italia per mantenere vivo il ricordo di stragi e altri eventi luttuosi, e per molti versi ancora misteriosi, che hanno insanguinato il nostro Paese.  In queste stanze Pino, con  la collaborazione del bravo ricercatore di origine...

Read More
Il mio eroe preferito? Io, Renzo Arbore, scelgo l’italoamericano Fiorello La Guardia, per tre volte sindaco di New York
Giu14

Il mio eroe preferito? Io, Renzo Arbore, scelgo l’italoamericano Fiorello La Guardia, per tre volte sindaco di New York

Il poeta Walt Whitman, alla domanda su quale fosse il suo eroe preferito, non aveva dubbi: Abraham Lincoln, vincitore della guerra civile statunitense e liberatore dei neri dalla schiavitù, ucciso dall’attore John Wilkes Booth nel 1865. Lo rivela Ennio Caretto sull’inserto domenicale la Lettura del Corriere della Sera, domenica 13 maggio 2012. A Lincoln Whitman dedicò il poema “O capitano, mio capitano!”, la cui nave (l’America)...

Read More
graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!