Tonino Guerra 100:
stop agli eventi
ma non ai ricordi:
3) il giorno che disse
grazie, dopo 66 anni,
a un angelo di Verona

Nella Giornata della poesia, dieci anni fa,
fui testimone di una storia degna di un film
di Tonino e Fellini. Dalle fila di un teatro
veronese si concretizzò a sorpresa la figura di una pasticcera
che, a suo rischio, aveva portato dolciumi e sapone
a Tonino prigioniero dei nazifascisti in quella città veneta,
in attesa di essere trasferito via treno nel lager

LA MANUTENZIONE DELLA MEMORIA | ARTI & CULTURE

testo di Salvatore Giannella
foto di Giorgio Marchiori per Giannella Channel

Nei giorni che contano, quelli con cui voglio scandire nel 2020 la vita di Tonino Guerra, e in attesa dei contributi di amici e conoscenti, aggiungo un tassello speciale ambientato a Verona. Era venerdì 19 marzo 2010, vigilia della Giornata della poesia, e l’Accademia Mondiale della poesia aveva voluto premiare il poeta del cinema con una cerimonia che mi vide coordinatore. Arrivammo tutti (la moglie Lora, il figlio Andrea diventato uno dei migliori musicisti per il cinema, io e Manuela) il giorno prima, in tempo per assistere all’intervista di Tonino da parte di una brava cronista del quotidiano veronese L’Arena, Alessandra Galetto. Ripesco quel ritaglio dal catturante incipit: “Non ricorda i nomi, Tonino Guerra, e a 90 anni lo si può scusare, ma quei due volti femminili restano impressi nella sua memoria con il nitore che assumono certi ricordi quando il tempo, anziché annebbiarne i contorni, li rende più vividi, come attribuendo una dimensione di maggiore autenticità a episodi e persone, che nella vita passata, hanno avuto un significato speciale, hanno segnato momenti cruciali, occasioni rare dell’esistenza…”.

Tonino ricordava grato Verona per quelle due giovani commesse della pasticceria Lovato ai Portoni della piazza Bra (dove oggi c’è la Farmacia Internazionale) che, quando prestava servizio militare come allievo ufficiale alla caserma Conceria Rosa, gli servivano con gentilezza la colazione, scambiando quelle quattro chiacchiere che il vedersi ogni mattina per l’appuntamento del caffè rende piacevole consuetudine quotidiana.

Tonino Guerra e la coraggiosa pasticcera Maria Antonietta Bronzato

Verona, marzo 2010. L’incontro commosso tra Tonino Guerra e la coraggiosa pasticcera, Maria Antonietta Bronzato, che lo aiutò 66 anni prima, quando era prigioniero dei nazifascisti.

Quelle due giovani ricomparvero quando il poeta tornò a Verona all’inizio della sua odissea di prigioniero politico: catturato dai fascisti nel 1944 a Santarcangelo (aveva dei volantini della Resistenza) fu mandato al campo di concentramento di Fossoli (frazione di Carpi, Modena) e poi a Verona, in transito per il lager di Troisdorf in Germania. E a Verona, mentre era in cella, le due ragazze lasciarono la pasticceria per portargli in cella qualcosa che in quella circostanza era preziosissima:

Una saponetta, un pezzo di pane, una pasta e un sorriso”. “Peccato”, concluse Tonino nell’intervista, “che non abbia potuto dire grazie a quelle ragazze coraggiose che in passato mi aveva riservato tanta attenzione e un’amicizia generosa, rimasta per me senza nome”.

Poco dopo la pubblicazione sull’Arena, mi raggiunse una telefonata. Era di una signora, Claudia Bronzato, che mi preannunciava una bella notizia: “Era stata mia madre Maria Antonietta a portare cibo e sapone a Tonino”. Piacevolmente sorpreso, le risposi: “Ma sua madre è ancora viva?”. “Certo, ha 89 anni, e volentieri domani la porto alla Giornata della poesia, nella sala Maffeiana del Teatro Filarmonico”.

Il giorno dopo, nella festa per Tonino tra dibattiti e proiezioni, presenti grandi firme della poesia, come Andrea Zanzotto e Francesco Barilli, e del cinema come Theo Anghelopulos e Wim Wenders, capitò a me di scandire periodicamente la sequenza degli incontri con una frase: “Prego i presenti di non allontanarsi per un perdersi il colpo di scena finale di questa giornata”. E colpo di scena fu: alla fine degli interventi, con Tonino che incantava i presenti con le parole che salvano (“Quando sono stato operato al cervello a Mosca, il chirurgo mi disse: ‘Tonino, se tu mi aiuti io ti aiuto’ e quando mi risvegliai, vedendo una giovane infermiera che aveva a che fare con tanto dolore, e le chiesi perché facesse quel lavoro duro, lei mi rispose ‘È bello veder tornare a vivere un uomo’”), invitai la signora Maria Antonietta, presente in sala con figlie e nipoti (tra i quali Alberto, attore e regista della compagnia Estravagario), a farsi avanti sul palcoscenico.

Il moderno cantore omerico sembrò colto di sorpresa. Abbracciò la signora, 89enne. A me che ero vicino sembrò di vedere occhi di Tonino insolitamente commossi e di ascoltare con nitidezza le sue parole:

Finalmente signora posso abbracciarla e dirle grazie”. Poi aggiunse: “Mi permette di baciarla. Non abbia paura, non la metto incinta”.

Lei rievocò quei giorni di Tonino militare:

Nel caffè lavoravo con mia cugina, i proprietari erano sfollati. E c’era sempre lo spunto per fare anche belle chiacchierate. La ricordo sempre allegro, parlava tanto, quasi sempre delle sue passioni, la filosofia e la letteratura, tanto che io dicevo se non poteva accennare a qualche argomento più leggero. E poi la seconda puntata veronese di Tonino, questa volta da prigioniero vicino a Porta Vescovo”.

Un bacio non formale chiuse quello straordinario incontro.

Ho cercato Maria Antonietta in questi giorni di silenzio malsano per l’emergenza sanitaria. Non c’è più, mi ha informato sua figlia Claudia, insegnante di matematica e scienze da poco andata in pensione. Tre anni dopo quell’abbraccio pubblico nella Sala Maffeiana il cuore coraggioso di quell’angelo di Verona si è fermato per sempre. Se n’è andata a 92 anni, la stessa età che aveva Tonino quando è stato colpito dal dardo della morte. Una storia degna di Amarcord.

bussola-punto-fine-articolo

A PROPOSITO

Quella lezione di poesia

ai bambini (e non solo)

Tonino Guerra, poeta e sceneggiatore

Tonino Guerra (1920-2012), poeta e sceneggiatore.

C’erano tanti bambini in sala, a Verona, quel giorno di marzo 2010, nell’evento organizzato da Giuseppe Saponara e da Laura Troisi. E ai piccoli, a sorpresa, si rivolse Tonino:

Bambini, sappiate che io ho raccontato l’infanzia mia e di Federico Fellini, cioè di due ragazzi cresciuti in Romagna. L’infanzia è poesia, ha una voce per tutti. Sapete che cos’è la poesia? Bisogna fare qualcosa di più della banale perfezione. Bisogna fare l’errore, questa è la poesia. Vi recito una mia poesia, L’aria, che è piaciuta al regista russo Andrej Tarkovskij, l’ha usata alla fine del suo film. Prima ve la dico in italiano, ma io l’ho scritta in dialetto, e poi capirete perché.

 

«L’aria è quella roba leggera

che ti gira intorno alla testa

e diventa più chiara quando ridi.»

 

Però ascoltatela in dialetto:

 

«L’aria l’è cla ròba lizìra

ch’la sta datònda la tu tèsta

e la dvénta piò cèra quant che t’ròid.»

 

Sentite la differenza? Leggera diventa lizìra, e in lizìra si sente la zanzara.

Adesso parlo da professore di pedagogia: posso, sono titolato, ho preso la laurea a Urbino. Fate guardare ai bambini le foglie, fate loro amare la terra. Mettete un orto in ogni scuola, che vedano crescere l’erba. Bisogna ritrovare la poesia, l’amore. Tutto dipende da noi. Faccio un po’ paura. Ve lo dico da cattivo: dobbiamo essere salvati.

bussola-punto-fine-articolo

Da “Tonino Guerra 100: stop agli eventi ma non ai ricordi”:

  1. Edoardo Turci e l’infanzia del poeta. Uno storico locale di Sant’Angelo di Gatteo (da dove proveniva la madre di Tonino) rievoca i primi anni della grande firma del cinema in coincidenza con il centenario della sua nascita. È il primo dei contributi che leggerete su Giannella Channel. A seguire: un testo ritrovato di Sepulveda, al quale auguriamo una completa guarigione
  2. La scintilla poetica scoccata nel lager. La prigionia in Germania vede Tonino farsi Omero per i suoi compagni di sventura che con lui condividono il dialetto romagnolo. Per fortuna un medico ravennate, Gioacchino Strocchi, scriverà un diario dettagliato di quei giorni insieme, annotando i testi poetici che Antonio crea e recita ai compagni. Al ritorno in Romagna quei testi diventano un libro e la poesia resta in lui un nutrimento per l’anima
  3. Il giorno che disse grazie, dopo 66 anni, a un angelo di Verona. Nella Giornata della poesia, dieci anni fa, fui testimone di una storia degna di un film di Tonino e Fellini. Dalle fila di un teatro veronese si concretizzò a sorpresa la figura di una pasticcera che, a suo rischio, aveva portato dolciumi e sapone a Tonino prigioniero dei nazifascisti in quella città veneta, in attesa di essere trasferito via treno nel lager
  4. Il giorno in cui mi presentò Eliseo, il Socrate della Valmarecchia. Un noto fotoreporter accompagna il cantore della valle all’incontro con il saggio curatore di un orto. E le ore si riempirono di poesia e di ironia in questa quarta puntata del viaggio per il centenario di Tonino Guerra (testo e foto di Vittorio Giannella per Giannella Channel)
  5. Il giorno in cui accese il fuoco del teatro alle porte di Milano. Il fondatore e direttore di Emisfero Destro Teatro risponde al nostro appello rievocando il festival e l’incontro a Cassina de’ Pecchi che illuminò il futuro artistico suo e di tanti altri giovani di quel borgo lombardo
  6. Il giorno in cui donò, a me regista, la neve sul fuoco. Marco Tullio Giordana doveva girare, nel film “La domenica specialmente”, l’episodio più poetico, tra fascino della sensualità e tristezza della solitudine. Ma quel titolo era appesantito da un mattone. Un viaggio a Pennabilli e da Tonino nasce un’idea e un incontro con due donne straordinarie: Maddalena Fellini, sorella di Federico il Grande, e per il provino, Monica Bellucci
  7. Il giorno in cui mi ricordò che un paese ci vuole. Valentina Galli si stava laureando a Bologna e la tentazione di restare in città era forte. Ma l’incontro con Tonino le fece cambiare idea e ora insegna nella sua Valmarecchia
  8. Il giorno in cui il poeta si mise a dare i numeri. Il direttore del Museo del calcolo Renzo Baldoni rievoca l’inaugurazione delle stanze dedicate al far di conto. Con un rammarico: non aver potuto dirgli che le zone del cervello stimolate da un poeta o da un matematico, sono le stesse

Altre letture correlate:

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. Buon giorno Signor Salvatore,

    è stato un piacere leggere il suo articolo sul giorno veronese di Tonino Guerra che ritrova mia madre Maria Antonietta. È stato emozionante rivedere le immagini di quell’incontro, sia per la stima che nutro verso Guerra e la profondità del suo pensiero sia per rivedere la mamma.

    A questo proposito le invio la fotografia di una targa che abbiamo fatto realizzare e posto lungo il viale di accesso del nostro giardino che, con poche parole, esprime un profondo pensiero che condividiamo.

    Vi si legge una raccomandazione di ieri del poeta utile per oggi:

    “Bisogna trovare luoghi per fermare

    la nostra fretta

    e aspettare l’anima”.

    targa frase Tonino Guerra

    Cordiali saluti

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!