Mio nonno Rotondi,
salvatore dell’arte
e anche felice pittore

“La pittura avrebbe occupato un posto importantissimo nella sua vita… Niente più Marche,
però: il suo sguardo si sarebbe concentrato in primo luogo sulla sua amata Arpino, e
a seguire sui paesaggi valdostani di Ollomont, dove avrebbe trascorso una lunga serie
di estati…”
. Ecco l’amorevole ricordo di uno dei nipoti sull’altra faccia di un
protagonista dell’Operazione Salvataggio dei principali capolavori dei musei
italiani durante la Seconda guerra mondiale, tornato alla ribalta domenica
2 dicembre 2018 nella popolare tramissione della Rai, “Linea Verde”

ARTI & CULTURE

testo di Luca Briasco* per Giannella Channel

censimento-monumenti-arquata-del-tronto

Pasquale Rotondi (Arpino, Frosinone, 12 maggio 1909 – Roma, 2 gennaio 1991) durante una visita all’anfiteatro di Taormina. Date chiave della sua carriera di storico dell’arte: 1932: si laurea a Roma. 1933: entra nelle Belle Arti di Ancona. 1939-49: è Soprintendente alle Gallerie della Marche, con sede in Urbino. Coordina durante la guerra l’Operazione Salvataggio dei principali tesori culturali d’Italia. 1949-61: è Soprintendente a Genova. 1961-73: dirige l’Istituto centrale del Restauro a Roma. È tra i protagonisti a Firenze del salvataggio del patrimonio d’arte danneggiato dall’alluvione. 1974: lasciata l’Amministrazione dello Stato, è nominato dal Vaticano consulente per il restauro della Cappella Sistina. 1991: muore travolto da una moto a Roma.

Il primo ricordo di Pasquale Rotondi pittore, anzi, di mio nonno pittore festeggiato in una recente mostra nel suo paese natale di Arpino (Frosinone), risale per me all’estate del 1971. Nonno era ancora direttore dell’Istituto nazionale del restauro, sarebbe andato in pensione di lì a due anni, e aveva raggiunto la mia famiglia in vacanza a Frontignano, nelle Marche, a pochi chilometri dalla meravigliosa Piana di Castellucccio.

Era appena nato il suo quarto nipote maschio, Matteo, e non era un’estate facile, per mio padre Nanni e mia madre Paola, con tre figli rispettivamente di dieci, nove e sette anni, cui si aggiungeva un neonato tormentato da coliche continue, con il conseguente corredo di notti in bianco.

Non ho idea ancora oggi del perché nonno Pasquale avesse scelto proprio quell’estate per riprendere in mano pennelli e tavolozza, né delle ragioni che lo indussero a scegliere la casa in cui soggiornavamo come suo primo soggetto. Ricordo solo che il risultato fu così agghiacciante che nonno decise di “annerire” il cielo e tutto quel che si trovava attorno alla casaccia rosa che campeggia ancora oggi al centro di quel dipinto, ribattezzato, con il senso dell’umorismo e l’ironia che lo avevano sempre contraddistinto, “Nocturnus schifosus”.

Nonno non si sarebbe fermato lì, però: negli anni successivi – anche per effetto del tempo libero assicurato dal pensionamento – la pittura avrebbe occupato un posto importantissimo nella sua vita e, non tanto indirettamente, anche nella nostra. Niente più Frontignano, però: il suo sguardo si sarebbe concentrato in primo luogo sulla sua amata Arpino, e a seguire sui paesaggi valdostani attorno alla Casa alpina dei padri barnabiti di Ollomont, nella quale avrebbe trascorso una lunga e felice serie di estati.

pasquale-rotondi-pittore

“Io ho compiuto, da un mese, 70 anni. Ma non ancora mi sento completamente vecchio! Avverto l’aiuto che ricevo da questo mio dipingere, per ore e ore, a contatto della natura. Estraniandomi da tutto e da tutti, con una gioia incomparabile che, ogni volta, torna a riempirmi l’anima. Considero una grande fortuna questa mia passione per i colori, scoppiata in un momento giusto della mia vita, accendendomi d’interessi nuovi che mi danno la sensazione di essere tornato ai vecchi tempi dell’adolescenza” (Pasquale Rotondi, lettera a Francesco Carnevali, 12 giugno 1979).

Io ho compiuto, da un mese, 70 anni. Ma non ancora mi sento completamente vecchio! Avverto l’aiuto che ricevo da questo mio dipingere, per ore e ore, a contatto della natura. Estraniandomi da tutto e da tutti, con una gioia incomparabile che, ogni volta, torna a riempirmi l’anima. Considero una grande fortuna questa mia passione per i colori, scoppiata in un momento giusto della mia vita, accendendomi d’interessi nuovi che mi danno la sensazione di essere tornato ai vecchi tempi dell’adolescenza

(Pasquale Rotondi, lettera a Francesco Carnevali, 12 giugno 1979).

Paesaggi, appunto: era il paesaggio, con i suoi colori, l’alternarsi di natura e presenza umana, il susseguirsi delle stagioni, a calamitare l’attenzione di nonno. Il quale, certo, non mancò di ritrarre, uno dopo l’altro, i componenti della famiglia – e ricordo ancora la lunga tortura della posa per il mio ritratto, la magliettina gialla che portavo addosso, la spalla destra leggermente inarcata che, nell’immobilità forzata, mi procurava dolori lancinanti -, ma dedicò alle sue native terre della Ciociaria molte delle sue giornate migliori.

Non mi lancerò qui in considerazioni sugli ascendenti e i modelli cui nonno attingeva in quanto pittore: sarebbe facile parlare di impressionismo, o ricordare la luce nei suoi occhi ogni volta che parlava dei paesaggi di Cézanne, ma mi sentirei comunque di uscire dal seminato e toccare un terreno non mio.

E non voglio neppure esprimere valutazioni estetiche, perché, nel guardare i quadri di nonno che popolano tutte le nostre case – da quelle delle figlie, mamma a Roma e zia Giovanna a Genova, a quelle di tutti e sette i nipoti – l’appagamento e il senso compiuto di bellezza non sono separabili dall’immagine di quell’uomo piccolo, con la sua gran chioma di capelli bianchi, gli occhi cerulei accesi di una luce inconfondibile, il camiciotto e i pantaloni blu, davanti a una tela che, da bianca, si imbeveva letteralmente di colore: l’argento vivo degli ulivi, il verde dei campi, il bianco e il giallo delle casupole sparse.

Voglio solo ricordare una delle decine di giornate che ho trascorso, ora da solo, ora insieme ai miei fratelli maggiori, ad Arpino, in compagnia di nonno Pasquale e di nonna Zea. Il “momento del quadro” scattava regolarmente di pomeriggio, e ci imbarcavamo tutti sulla Kadett di nonno, diretti in uno dei tanti luoghi della campagna ciociara che lo ispiravano. Arrivati a destinazione, nonno montava cavalletto e tela, definiva i contorni del paesaggio che gli si distendeva davanti con pochi e rapidi tratti di matita, e si dedicava a preparare la tavolozza. Nel frattempo, che fossi solo o in compagnia dei miei fratelli, io cominciavo a giocare: con un pallone, con le biglie e con i tappi di bottiglia, scatenandomi in simulazioni di corse ciclistiche che potevano durare ore intere. Quanto a nonna Zea, si accomodava sulla seggiolina pieghevole che nonno aveva allestito per lei, e cominciava a lavorare a maglia, ascoltando la musica classica che risuonava dal mangianastri portatile, a pieno volume.

pasquale-rotondi-pittore

Studio per il ritratto della figlia Paola (novembre 1975).

Trascorso un tempo che poteva variare tra l’ora e mezzo e le tre ore, nonno Pasquale faceva un cenno, impercettibile quanto inequivocabile, con il quale avvertiva la sua amata Zea che al quadro mancava solo la rifinitura finale. Nonna si alzava, si accostava alla tela, guardava a lungo e dava il suo imprimatur con un cenno altrettanto impercettibile e silenzioso. Dopodiché rimetteva nella borsa il suo lavoro a maglia e ci chiamava a raccolta, perché ci avviassimo a piedi verso Arpino.

Per dare il tocco finale al suo quadro, evidentemente, nonno preferiva rimanere solo. In ogni caso, raramente gli occorreva più di un’altra mezzora, trascorsa la quale riprendeva l’auto e ci raggiungeva a mezza via per prenderci a bordo e portarci a destinazione.

L’unica a poter guardare l’opera non ancora compiuta, dunque, era nonna Zea: non ricordo che a me o ai miei fratelli sia mai stato permesso di farlo. Avremmo visto il quadro a casa, appoggiato sul ripiano del grande mobile di legno massiccio, in salotto.

Quei pomeriggi, tra giochi, musica classica e, ogni tanto, il raschiare di un pennello sulla tela, sono fra i ricordi più belli della mia vita. E si rianimano ogni volta che guardo uno dei paesaggi di Pasquale Rotondi, quasi ne assorbissero i colori, accendendosi di luce.

bussola-punto-fine-articolo

* Luca Briasco, nipote di Pasquale Rotondi, è studioso di letteratura americana, traduttore e editor. Ha tradotto circa 50 tra romanzi, saggi e raccolte di racconti; ha curato con Mattia Carratello un Dizionario della letteratura americana dal 1900 a oggi (Einaudi) e ha scritto Americana: Libri autori e storie dell’America contemporanea (Minimum Fax). Collabora regolarmente con Il Manifesto e il Venerdì di Repubblica.

Fotogallery

Soggetto privilegiato: i paesaggi

“Certi miei piccoli disegni colorati”, li chiamava così

Pasquale Rotondi. La figlia Giovanna ci mostra

alcuni che ornano i muri della sua casa genovese

pasquale-rotondi-pittore
pasquale-rotondi-pittore
pasquale-rotondi-pittore
pasquale-rotondi-pittore
pasquale-rotondi-pittore
pasquale-rotondi-pittore

A PROPOSITO / Un progetto a Genova

E un’altra nipote, Micol, ci invita a tavola

con le piante che si possono mangiare

testo di Micol Balma* (foto) per Giannella Channel

micol-balma-pasquale-rotondi

Micol Balma.

C’erano una volta a Nervi una moltitudine di alberi da frutto, questi erano così buoni e numerosi che tutta la popolazione poteva beneficiarne. Un giorno però le persone dimenticarono i loro nomi e smisero di coltivarli. Ne rimasero pochi, sotto i quali crescevano spontaneamente fiori ed erbe spontanee che tenevano compagnia a questi alberi ormai antichi! Le persone più sapienti continuarono a raccogliere tutte quelle erbe per cucinare piatti deliziosi e gustosi e ne tramandarono la conoscenza sino a che i tempi non furono maturi per ricordare il valore anche di quei bellissimi frutti antichi i cui semi qualcuno aveva sapientemente conservato sino a oggi, affinché tutti possano riscoprirli.

Nel 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale e nell’Anno Italiano del Cibo io e altri amiche abbiamo voluto riportare, a partire da Euroflora e successive mostre, l’attenzione sulla cultura della cucina ligure nella preparazione di piatti a base di piante edibili spontanee. L’allestimento è costituito da un frutteto di specie antiche, al cui centro è posta una lunga tavola apparecchiata, la quale accoglie 24 posti. La tavola è forata e all’interno del buco è posto il vaso contenente l’erba spontanea, come fosse in un piatto. Ogni postazione ospita, oltre la pianta, forchetta, coltello, cucchiaio e un bicchiere, un segnaposto, che indica il nome volgare e scientifico dell’erba edibile, e un menù, che fornisce le informazioni generali della pianta e una ricetta culinaria con protagonista l’erba spontanea edibile, quest’ultima è comodamente scaricabile sul telefono tramite il qrcode.

piante-euroflora-spontaneita-nel-piatto

L’agricoltura a Nervi era specializzata nell’esportazione di fiori, frutti, agrumi e ortaggi primaticci. Tuttavia, mentre nelle ville agricole si coltivavano agrumi e alberi da frutto, nei versanti a nord, lungo i pendii e nelle zone destinate al pascolo si raccoglievano tutto l’anno quelle erbe che erano alla base delle semplici ma saporite ricette che sono tipiche della regione Liguria. I Parchi storici di Nervi sono stati quindi lo scenario ideale per ricomporre questo antico dualismo.

bussola-punto-fine-articolo


Fotogallery

Le Erbe in mostra!

Queste le erbe spontanee edibili, in mostra insieme alle piante protagoniste dei frutteti: 1. Crithmum maritimum Finocchio marino; 2. Foeniculum vulgare Finocchio; 3. Hyoseris radiata Radicchio selvatico; 4. Sonchus oleraceus Cibertina; 5. Bellis perennis Pratolina; 6. Parietaria judaica Parietaria; 7. Plantago lanceolata Piantaggine; 8. Plantago major Piantaggine; 9. Capperis spinosa Cappero; 10. Borago officinalis Borragine; 11. Viola odorata Viola; 12. Leopoldia comosa Lampascione; 13. Umbelicus rupestris Ombelico di Venere; 14. Calendula officinalis Calendula; 15. Calendula arvensis Calendula; 16. Sanguisorba minor Pimpinella; 17. Allium triquetrum Aglio triqueto; 18. Allium neapolianum Aglio napoletano; 19. Cichorium intybus Cicoria; 20. Calamintha nepeta Mentuccia; 21. Mentha sp. Menta; 22. Asparagus sp. Asparago selvatico; 23. Primula vulgaris Primula; 24. Trifolium pratense Trifoglio rosa.

euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
euroflora-spontaneita-nel-piatto
* Micol Balma è la nipote di Pasquale Rotondi da parte della figlia Giovanna. Il 20 dicembre 2018 si laurea all’Università degli studi di Genova, Dipartimento di architettura e design con una tesi dal titolo La spontaneità nel piatto. Il progetto e la tesi sulle piante edibili ha come co-autrici Silvia Balloni e Ambra Casazza. Per Euroflora, oltre a loro tre, hanno collaborato Paola Sabbion, Alessandra Di Turi, Anna Sala, Marco Montina e Nicoló Sortino.

Da “I salvatori dell’arte”:

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!