Finalmente esposto a Bonn e Berna
il tesoro di Hitler custodito da Gurlitt

Due mostre per fare chiarezza ed esortare altri eredi
a richiedere la restituzione di opere trafugate in Italia
(quelle 1.647 che sono elencate nel Maio, il museo dell’arte
in ostaggio sorto su mia idea a Cassina de’ Pecchi,
alle porte di Milano) e nel resto dell’Europa. Come
promotori della campagna di Giannella Channel per
ritrovare il patrimonio artistico trafugato all’epoca
della Seconda guerra mondiale accogliamo con
soddisfazione le notizie che arrivano da Bonn e Berna (s.g.)

I salvatori dell’arte

testo di Catherine Hickley / Il Giornale dell’arte*

Bonn (Germania) e Berna (Svizzera). Il disegno di un interno di una chiesa gotica di Adolph Menzel incluso nella mostra «Gurlitt: il punto della situazione. I furti d’arte nazisti e le loro conseguenze», allestita dal 3 novembre all’11 marzo alla Bundestkunsthalle di Bonn, è una delle poche opere esposte di cui è nota la provenienza. È rimasta nascosta per decenni nella casa di Cornelius Gurlitt (Amburgo, 1932 – Monaco di Baviera, 2014: nella foto d’apertura), solitario accumulatore compulsivo che possedeva un tesoro segreto di più di 1.500 opere d’arte, molte delle quali poi confiscate dalle autorità (ne ho parlato ampiamente nel libro “Operazione Salvataggio”, Chiarelettere e su Giannella Channel a questo link). All’inizio di quest’anno il disegno è stato restituito agli eredi di Elsa Helen Cohen, che lo avevano venduto nel 1938 al padre di Cornelius, Hildebrand Gurlitt, mercante d’arte dei nazisti, per finanziare la loro fuga negli Stati Uniti.

È molto importante per noi raccontare le storie umane che si celano dietre queste opere, le storie dei proprietari in gran parte ebrei che furono espropriati

spiega Rein Wolfs, direttore della Bundestkunsthalle e co-organizzatore della mostra; il suo auspicio è che questo evento possa incoraggiare altri eredi a uscire allo scoperto per reclamare i loro beni.

tesoro-hitler

«Il ponte di Waterloo», di Claude Monet (1903), è stato trovato avvolto in giornali
dietro una libreria di fortuna nella casa di Salisburgo di Cornelius Gurlitt.

Come nel caso del dipinto «Il ponte di Waterloo» (1903) di Claude Monet, che è stato trovato avvolto in giornali dietro una libreria di fortuna nella casa di Salisburgo di Cornelius Gurlitt. L’olio su tela è uno dei molti dell’artista raffiguranti la stessa scena, in questo caso durante una giornata londinese di nebbia e cielo grigio. Il retro della tela presenta uno scenario altrettanto confuso. Si trova allegata una nota di Marie Gurlitt al figlio, Hildebrand, datata 1938: «Sono felice di confermare che questo quadro fotografato sul retro fu acquistato da me e da papà molti anni fa e te l’ho regalato in occasione del tuo matrimonio nel 1923». La nota fa nascere più domande che risposte. Perché la donna ha aspettato il 1938, quindici anni dopo il presunto regalo di nozze, per scriverla? È vero quello che racconta? Probabilmente no, secondo Wolfs. In diverse occasione Hildebrand Gurlitt ha ampiamente mentito sulla provenienza della sua collezione e potrebbe aver coinvolto anche la madre in questi tentativi di insabbiamento per svariate ragioni. Wolfs ritiene che il quadro sia «una delle tante opere in mostra dalla provenienza poco chiara».

arte-rubata-hitler

Cornelius Gurlitt, il custode del “tesoro nazista”,
morto nella sua casa di Monaco di Baviera, a 81 anni.

Dal 2 novembre al 4 marzo, il Kunstmuseum di Berna, in Svizzera, che ha ereditato la totalità della controversa collezione di Cornelius Gurlitt (link), propone una mostra parallela, «Gurlitt: il punto della situazione. Arte degenerata confiscata e venduta». Mentre la mostra di Bonn è focalizzata sulle confische naziste fatte a singoli individui, quasi tutti ebrei, quella di Berna è dedicata alla velenosa campagna di Joseph Goebbels contro la cosiddetta «arte degenerata» confiscata dai musei tedeschi. Oltre a essere uno dei quattro mercanti autorizzati dai nazisti a vendere arte degenerata all’estero in cambio di denaro contante, Hildebrand Gurlitt acquistò opere che erano state rubate agli ebrei o da loro vendute per lasciare il Paese. Gestiva la sua attività ad Amburgo e faceva acquisti nella Parigi occupata durante la guerra per il Führermuseum di Hitler a Linz, in Austria, un progetto che non fu mai realizzato. Alla morte di Cornelius Gurlitt nel 2014, il solo, ignaro erede fu il Kunstmuseum di Berna, che esitò prima di accettare l’eredità per via delle responsabilità correlate. Alla fine raggiunse un accordo con il Governo tedesco, che continuava a investigare sulla provenienza della collezione di Gurlitt. Solo le opere senza ombra di macchia nazista sarebbero entrate in territorio elvetico. Ma i membri della famiglia Gurlitt contestarono il testamento di Cornelius, sostenendo che non fosse in grado di intendere e volere. La questione è stata risolta solo nel dicembre 2016, quando una corte di Monaco si è espressa in favore di Berna. Fino a quel momento Berna non ha potuto ereditare il tesoro e Monika Grütters, ministra tedesco della Cultura, si è vista costretta a ritardare la mostra di Bonn, inizialmente programmata per il 2016.

tesoro-hitler
tesoro-hitler

«Donna che si bagna» di Edgar Degas (1834–1917), s.d., www.lostart.de/DE/Fund/521800, Kunstmuseum Bern. Lascito di Cornelius Gurlitt, 2014: vi sono accertamenti in corso sulla sua provenienza. Al momento non ci sono prove che sia frutto di una spoliazione.

rein-wolfs

Rein Wolfs (Hoorn, Olanda, 1960) direttore della Bundestkunsthalle e co-organizzatore della mostra a Bonn su Gurlitt e i furti d’arte nazisti.

La mostra propone circa 250 opere (tra gli altri, di Max Beckmann, Pierre-Auguste Renoir, Aristide Maillol, Albrecht Dürer, Edgar Degas e Auguste Rodin), in gran parte oggetto di confisca da parte dei nazisti oppure di provenienza ignota. Si tratta perlopiù di opere su carta, oltre a cinque sculture e una sessantina di quadri. La mostra include anche due album fotografici di opere d’arte destinate al Führermuseum. Afferma Wolfs:

Non volevamo aspettare altri cinque anni perché si facesse chiarezza sulle opere. Più a lungo aspettiamo e più sarà difficile esaminare questo capitolo buio della nostra storia. È un soggetto esplosivo, importante e tutto dev’essere il più trasparente possibile.

Nell’autunno del 2018 le due mostre di Bonn e Berna saranno unite in una rassegna al Martin Gropius Bau di Berlino.

bussola-punto-fine-articolo

operazione-salvataggio-roberto-malini-quadri-hitler

Nel libro “Operazione Salvataggio” di Salvatore Giannella (Chiarelettere) un capitolo è dedicato alle opere d’arte trafugate dai nazisti e ai Gurlitt.

Fonte: Il Giornale dell’Arte (Allemandi editore in Torino), numero 380, novembre 2017.

A PROPOSITO/ L’attualità della memoria

Quegli inviti che lanciavo

ai ministri della Cultura

dal sito del Corriere

per controllare il tesoro di Gurlitt

fauno-michelangelo-streamcolors

Il “Fauno” di Michelangelo, simbolo delle opere rubate dai nazisti e non ancora ritrovate. (CREDIT Giacomo Giannella / Streamcolors)

Ricordo che il 17 novembre del 2013 lanciavo dalle colonne del Corriere.it / Buonenotizie (link) un appello all’allora ministro Massimo Bray (“Riaffiora parte dell’arte rubata da Hitler. Continui la ricerca, ministro Bray”: vedi copertina al link sopra indicato) dopo il ritrovamento in quei giorni a Monaco di Baviera della collezione Gurlitt.

Mi auguro, scrivevo, che da Roma il ministro Massimo Bray o il suo successore alla guida del Mibact, Dario Franceschini (altro appello dalle stesse colonne del Corriere.it / Buonenotizie con copertina di un’opera recuperata dagli 007 dei carabinieri dell’arte, Ndr) abbiano fatto partire, come auspicavamo, uno specialista a visionare le opere della collezione Gurlitt per vedere se tra esse ci sono i capolavori “prigionieri di guerra” appartenenti all’Italia. Era ed è un auspicio personale, che vedo rafforzato dalle parole che mi erano state consegnate in un’intervista per Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera, dall’ambasciatore emerito Sergio Romano:

La recente scoperta della collezione Gurlitt a Monaco, proveniente da confische a musei e a famiglie ebree, potrebbe dare qualche risposta a molti dubbi sulle opere prigioniere.

Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L’Espresso Genius, il settimanale L’Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri (“Un’Italia da salvare”, “L’Arca dell’arte”, “I Nicola”, “Voglia di cambiare”, “Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte dalle guerre”), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato docu-film per il programma Rai “La storia siamo noi” (clicca qui per approfondire).

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!