Eredi del ladro nazista,
siate eroi, ridate la tela
trafugata agli Uffizi

Cento giorni dopo l’appello del direttore tedesco delle Gallerie fiorentine
Eike Schmidt (foto), e nonostante siano stati raggiunti anche dal programma
Chi l’ha visto?, gli eredi del caporale Stock che rubò il Vaso di fiori del pittore
van Huysum continuano a negare la restituzione del dipinto rubato.
Ma anche la Merkel e il governo tedesco si dicono certi: “L’opera torni in Italia”

Arti & Culture | Il tempo della Storia

testo di Salvatore Giannella

Il quadro Vaso di fiori del pittore olandese Jan van Huysum, trafugato

dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale, torni agli Uffizi.

Sono passati cento giorni dall’appello lanciato dal direttore del museo fiorentino, il tedesco Eike Schmidt, ma l’opera resta ancora in mano agli eredi del caporale della Wehrmacht Herbert Stock che l’aveva trafugata e poi inviata a casa. Loro, gli eredi del ladro, resistono e si trincerano dietro lo scudo dei loro legali, come fa capire questo lodevole reportage sul campo di Annalisa Venditti, la tenace cronista Rai del popolare programma “Chi l’ha visto?”.

Oddio, passi avanti se ne sono fatti e tanti. Il settimanale tedesco Der Spiegel, per esempio, ha riprodotto la lettera che prova il furto. Il 17 luglio 1944 il soldato Stock, durante la ritirata delle sue truppe, ruba la tela di van Huysum (1682-1749) dal deposito dei capolavori degli Uffizi evacuati in una villa della campagna fiorentina e informa la moglie Magdalena che le avrebbe spedito un’opera d’arte:

Ho un bel dipinto, fiori su tela. Qua si può spedire una volta al mese. Lo spedisco a Otto. Penso che starebbe bene con una cornice dorata. Spero che sia di tuo gusto.

E così la natura morta degli Uffizi arrivò nella città del ladro nazista, Halle an der Saale, in Sassonia, vicino a Lipsia. Dell’opera non si saprà più nulla, come degli altri 1.651 tesori d’arte trafugati in quel periodo: la loro lista completa, come è noto ai lettori Giannella Channel e oltre, è nel MAiO, il Museo dell’arte in ostaggio sorto nel 2015 a Cassina dei Pecchi, alle porte di Milano, il cui simbolo è il Fauno ridente, la prima opera scultorea di Michelangelo.

A Capodanno il direttore degli Uffizi ha platealmente affisso una copia in bianco e nero dell’opera rubata e parlato ai media, soprattutto parlando nella sua lingua, il tedesco, alle radio e tv tedesche:

Connazionali, diventate degli eroi, riportate il quadro a Firenze, dove potrete sempre tornare a vederlo insieme ai visitatori di ogni parte del mondo.

Per l’occasione Schmidt ha chiesto che le istituzioni lavorassero “con diplomazia culturale” per abolire la prescrizione sui furti di capolavori da parte del Reich.

I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, guidati dal maggiore Lanfranco Disibio e coordinati dai magistrati Giuseppe Creazzo e Antonino Nastasi, hanno ricostruito la storia del quadro: un olio su tela appartenente alle collezioni di Palazzo Pitti dal 1824, quando fu comprato dal granduca Leopoldo II per la Galleria Palatina. Per oltre 100 anni rimase nella sala dei Putti. Nel 1940 il quadro fu portato nella villa medicea di Poggio a Caiano. Nel 1943 fu spostato nella villa Bossi Pucci, sempre a Firenze: fu lì che il caporalmaggiore della Wehrmacht del settore logistica lo rubò. Ora la Procura, dopo complesse indagini tra Londra, Zurigo e Monaco di Baviera, ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone. Tra loro i parenti del soldato nazista. Sono accusati di tentata estorsione ai danni degli Uffizi in quanto hanno richiesto, tramite due legali tedeschi (anche loro indagati) e con cinque lettere, due milioni di euro, poi scese a un milione. Ma la risposta delle autorità italiane è secca: “La legge italiana vieta l’acquisto di opere trafugate. Dobbiamo bloccare la vendita e dobbiamo farcela restituire”.

eike-schmidt-vaso-fiori-van-huysum

Il direttore delle Gallerie fiorentine, Eike Schmidt, con una copia del “Vaso di Fiori” di
Van Huysum, il dipinto ancora “prigioniero di guerra”.

Che l’opera debba tornare agli Uffizi dalla Germania si è detta convinta, a nome del governo tedesco, anche Angela Merkel: “È certamente chiaro che l’opera appartiene alla collezione degli Uffizi. Nell’ambito delle sue responsabilità il Governo federale sostiene il raggiungimento di questo obiettivo”. Così il ministro Michael Roth ha risposto al parlamentare italo-tedesco del Bundestag Fabio De Masi, deputato del gruppo della Linke (La sinistra), autore di una interrogazione sul furto. “Il ministero degli Esteri tedesco ha ripetutamente consigliato di restituire volontariamente il dipinto agli Uffizi”, ha aggiunto il ministro Roth. “È responsabilità dell’autorità giudiziaria dei Lander esaminare l’ammissibilità del sequestro di un bene da parte di un’altra autorità giudiziaria di uno stato membro dell’Unione Europea in un procedimento penale ivi condotto”.

Il direttore degli Uffizi si dice soddisfatto doppiamente per questi sviluppi politici: “Da un lato perché il fatto che la vicenda del Vaso dei fiori sia stata posta al centro di un’inchiesta parlamentare testimonia quanto anche il popolo tedesco abbia a cuore che la restituzione possa andare a buon fine. Dall’altra perché il governo tedesco riconosce ufficialmente ciò che noi sosteniamo da tempo: e cioè che la casa legittima del capolavoro di van Huysum è a Firenze, in Palazzo Pitti”.

È primavera, i fiori di van Huysum torneranno a fiorire nelle Gallerie degli Uffizi, vogliamo esserne certi.

bussola-punto-fine-articolo

Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L’Espresso Genius, il settimanale L’Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri (“Un’Italia da salvare”, “L’Arca dell’arte”, “I Nicola”, “Voglia di cambiare”, “Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte dalle guerre”, “Guida ai paesi dipinti di Lombardia”, “In viaggio con i maestri. Come 68 personaggi hanno guidato i grandi del nostro tempo”), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato docu-film per il programma Rai “La storia siamo noi” (clicca qui per approfondire).

A PROPOSITO/ Chi è la giornalista-detective di Chi l’ha visto?

Annalisa, con la telecamera

a caccia dei tesori rubati

Annalisa Venditti

Annalisa Venditti

Annalisa Venditti (Roma, 1977) è giornalista, scrittrice e autore televisivo. Nel 2003 si è laureata in Lettere con una tesi in Archeologia e Storia dell’arte greca e romana. Ha iniziato a lavorare nella carta stampata come critico teatrale, poi in programmi di intrattenimento e di informazione della RAI. Ha pubblicato articoli di divulgazione scientifica e libri di narrativa, tra i quali: L’albero di Millì e Andrea Baroni. Il cavaliere delle rose e delle nuvole. Il suo cortometraggio storico La Voce di San Gerardo – che racconta il ritrovamento di un giornale fatto interamente a mano da ufficiali italiani internati nei lager tedeschi – ha ottenuto molti riconoscimenti. Nel 2016 ha firmato, come coideatore e autore, il programma Vertigo. Gli abissi dell’anima, in onda in prima serata su Rai 3. Si occupa da anni di cronaca nera e omicidi irrisolti.

Per “Chi l’ha visto?” (Rai 3) indaga anche sui furti d’arte e sui danni al nostro patrimonio artistico. È del 2016 il suo primo romanzo giallo: Il giorno dell’Assoluzione. È autrice di un testo teatrale contro la violenza di genere, Donne Perse(phone), dei Merangoli editore, e in scena per la regia di Paola Sarcina.

Da “I salvatori dell’arte”:

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. Furto ed estorsione non sono reati in Germania?
    Il parere di Sgarbi sul furto nazista di una tela

    A proposito di uno dei tantissimi quadri rubato dai nazisti agli Uffizi di Firenze, credo sia utile far conoscere il pensiero di Vittorio Sgarbi sull’argomento (nella sua rubrica settimanale su OGGI, dal titolo “Gli eredi dei nazisti non facciano i furbi”).

    “Raubkunst”. È l’arte depredata dai nazisti che la civilissima Germania non provvede ancora a restituire, tenendo in deposito oltre 2.100 opere in attesa di restituzione. Non sempre è facile risalire ai legittimi proprietari, ma anche quando si riesce le pratiche sono così complicate da far sospettare sulle reali intenzioni degli amici alemanni.

    È il caso del dipinto floreale di Jan van Huysum, denunciato alla stampa dal direttore degli Uffizi Eike Schmidt… quell’opera sta ancora in mano agli eredi del ladro, in Germania. Questi eredi, seppure non ignari del furto, hanno ugualmente contattato gli Uffizi per chiedere un riscatto in cambio della restituzione. Scandaloso. Le autorità tedesche ammettono, ma oltre non vanno, come se di più non si possa fare. Scherziamo? Furto ed estorsione non sono reati da quelle parti? Cosa aspettano a riconsegnare il quadro al più presto? Schnell, danke“.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!