La prima pista ciclabile
che produce energia solare
apre ad Amsterdam

testo di Tommaso Perrone / Lifegate*

[jpshare]

Solaroad, la prima pista solare (e ciclabile) al mondo, festeggia il suo primo mezzo anno di attività (è stata inaugurata il 12 novembre scorso) a Amsterdam, nei Paesi Bassi.
Sul tratto di pista ciclabile a doppio senso che collega due quartieri periferici della capitale olandese (Krommenie e Wormerveer), transitano ogni giorno circa duemila ciclisti. Tra pendolari e studenti, la bicicletta è il mezzo di trasporto più veloce per muoversi.

Un pezzo di questa ciclabile lungo 70 metri, è diventato famoso per essere il primo tratto al mondo con pannelli solari incorporati. Il nome del progetto è Solaroad e sembra essere la soluzione perfetta per l’ambiente perché non solo, di per sé, una ciclabile fa bene alla mobilità sostenibile, a basso impatto ambientale, ma in più è in grado di produrre energia elettrica in modo pulito.

solaroad

Inaugurata il 12 novembre scorso in Olanda, lunga appena 70 metri e con pannelli fotovoltaici integrati, Solaroad in 6 mesi ha prodotto 3mila kwh di elettricità: una quantità sufficiente al fabbisogno annuale della casa di un single o a compiere due volte e mezzo il giro del mondo con uno scooter elettrico.

Il tratto sperimentale è costato circa tre milioni di euro, sostenuto quasi interamente dalle amministrazioni locali. I pannelli fotovoltaici sono fatti di celle solari in silicio cristallino e sono protetti da uno strato traslucido di vetro temperato. I 70 metri di pista solare dovrebbero riuscire a coprire il fabbisogno elettrico di tre famiglie. Non molto, anche perché i pannelli non possono essere montati in una posizione adatta a catturare il massimo di luce possibile e garantire alte performance, ma lo scopo è cercare di sfruttare un’area che altrimenti sarebbe semplicemente coperta di asfalto.

L’obiettivo è arrivare a 100 metri di pista solare nel 2016 per poi provare a estendere questa idea anche a tratti di strada tradizionali, quelli che ancora vengono attraversati da automobili e altri veicoli. Secondo quanto si legge sul sito ufficiale di Solaroad, se tutte le strade degli Stati Uniti venissero pavimentate con pannelli solari, il paese produrrebbe tre volte l’energia che produce oggi, con un taglio alle emissioni di CO2 pari al 75 per cento.

Fonte: lifegate.it. News, iniziative, radio e tv: dal 2001 lo stile di vita dove le persone, il pianeta e il profitto vivono in armonia.

A PROPOSITO/ Intervista con Marco Roveda, fondatore di Lifegate

Il mio eroe? Papà Angelo, che mi diede

i giusti consigli per vivere felicemente

testo di Salvatore Giannella per Sette*

lifegate-marco-Roveda

Marco Roveda, classe 1951, ecoimpreditore, creatore della Fattoria Scaldasole e di Lifegate (lifegate.it) per diffondere un nuovo stile di vita e un nuovo modello economico dove le persone, il pianeta e il profitto vivono in armonia. Ha scritto: “Perché ce la faremo” e “L’ecobusiness ci salverà?” e, in collaborazione con Premi Nobel, “La felicità nel cambiamento”, e-book scaricabile gratuitamente.

Credit: GIACOMO GIANNELLA/STREAMCOLORS

Caro Roveda, lei è un pioniere della qualità della vita. Ha fondato la prima azienda agroalimentare del biologico in Italia. Ha creato Lifegate per diffondere la sostenibilità. Chi ha guidato le sue scelte?

“Un uomo semplice: mio padre Angelo“.

Era uno scienziato? Un filosofo?

“Era un uomo saggio. Prima di diventare commerciante di tessuti a Milano, aveva frequentato le magistrali. E magistrale fu l’insegnamento che mi trasmise. Quando arrivai a 21 anni, mi consegnò un discreto gruzzolo per favorire i miei primi passi da costruttore edile. Ma, prima dei soldi, mi aveva trasmesso nel Dna la tenacia, il senso della giustizia e dell’onore, l’umanità e un monito: ‘Tieni d’occhio la felicità’. Io sono figlio della generazione anni ’50, quella cresciuta con l’imperativo della società dei consumi “studia-lavora-guadagna-compra” e stregata dall’illusione della ricchezza come strumento per trovare la felicità”.

E invece…

“Invece come costruttore ho guadagnato tanto per poi accorgermi che con i soldi non era arrivata la felicità. Da lì la scelta controcorrente: dissi no al cemento e imboccai la strada da ecoimprenditore. Capii che in questa fase storica, tra i bisogni primari dell’uomo, c’è quello di preoccuparsi dell’ecosistema. Per farlo bisogna lavorare per il bene comune e raggiungere una certa consapevolezza, tenendo a distanza la società materialista compulsiva che ha preso piede negli anni ’80. A questo traguardo dedico le energie mie e di mio figlio Enea“.

angelo-roveda

Angelo Roveda (Pavia 1910 – Milano 1992), spirito guida di Marco: “Figlio, tieni d’occhio la felicità”.

Credit: GIACOMO GIANNELLA/STREAMCOLORS

Nacquero così la Fattoria Scaldasole e poi Lifegate, che le è valso nel 2008 il premio di miglior imprenditore dell’anno. Ma torniamo alle istruzioni paterne…

“Quelle le ho elaborate con il tempo e ne ho tratto un decalogo”.

Rendiamolo noto. Potrebbe aiutare altri giovani…

“Eccolo: 1) vivere con sentimento; 2) dare un senso alla propria vita; 3) consumare in modo consapevole; 4) rispettare l’ecosistena e tutte le forme di vita; 5) cercare un lavoro gratificante; 6) essere onesti con se stessi e con gli altri; 7) fare del bene; 8) scegliere vere amicizie; 9) allontanare il dolore, la paura, la rabbia; 10) vivere la vita con gioia”.

Alcuni punti oggi possono sembrare utopistici…

“Stiamo vivendo il difficile parto di un tempo che in futuro sarà chiamato “nuovo Rinascimento”. Cambiano i modi di fare politica, comunicazione, industria. La gente chiede valori spirituali. Nella politica onestà, competenza, chiarezza. Nella comunicazione: verità, concretezza. Nell’industria: prodotti a misura d’uomo e di ambiente. Se saremo più consapevoli e adatteremo le nostre energie per favorire questo cambiamento, saremo più felici. Sì, ce la faremo. Alla faccia dell’economia compulsiva”.

* Fonte: dalla serie “Il mio eroe” (10 maggio 2013), interviste curate da chi vi scrive per Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera diretto da Pier Luigi Vercesi e giunte alla 150ma puntata.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *