Elena Sofia Ricci ha
un legame con l’arte
che viene da lontano

Suo nonno, Vincenzo Barucchieri,
fu il silenzioso ma efficace custode
di gran parte del patrimonio
artistico italiano durante la seconda
guerra mondiale. Come ha
rivelato il Premio Rotondi ai salvatori
dell’arte, assegnatogli nell’ultima
edizione per la sezione Memoria.
Il ricordo mandato dall’attrice

Arti & Culture

testo di Salvatore Giannella

L’attrice Elena Sofia Ricci ha un tesoro in famiglia, un tesoro discreto quanto il suo cognome con cui fu registrata all’anagrafe di Firenze alla sua nascita, il 29 marzo 1962: Elena Sofia Barucchieri. La protagonista indiscussa della stagione televisiva con Vivi e lascia vivere su Rai 1 (una media di oltre sei milioni di spettatori, prossimo impegno impersonare Rita Levi Montalcini, sempre su Rai1) e che ricopre ruoli in primo piano in film (nel 2018 partecipa al film biografico su Silvio Berlusconi di Paolo Sorrentino, Loro, nel ruolo di Veronica Lario), nel teatro e in tante altre fiction televisive come l’amata Suor Angela in Che Dio ci aiuti, con quel cognome Barucchieri riporta il cronista al nonno paterno, Vincenzo, che fu un eroe silenzioso durante la seconda guerra mondiale. Fu scelto da Pasquale Rotondi, soprintendente delle Marche, come responsabile dei custodi che vegliarono per 5 anni, 3 mesi e 8 giorni su 7.821 opere d’arte affidate dai soprintendenti di Milano, Bergamo, Venezia, delle Marche, di Roma e di Tarquinia e che trovarono ricovero e salvezza tra il 1940 e il 1944 nella Rocca di Sassocorvaro e nel Palazzo dei Prìncipi di Carpegna. E che opere! Molti erano capolavori di importanza universale come La Tempesta del Giorgione, 13 Tiziano, 17 Tintoretto, 4 Piero della Francesca, il Tesoro di San Marco…

Questa Operazione Salvataggio era rimasta sconosciuta al grande pubblico per mezzo secolo (poi raccontata dettagliatamente nei miei libri L’Arca dell’Arte, Delfi, 1999 e Operazione Salvataggio, Chiarelettere, 2014, e nel docu-film per Rai Educational La lista di Rotondi, da me sceneggiato). Per portarla a termine positivamente Rotondi fece ricorso al prezioso aiuto di eroi silenziosi, manovali, facchini e custodi… uomini straordinari, onesti cittadini, di elevata caratura morale. È anche grazie a loro se al termine dei conflitti ogni opera, sottratta alla barbarie della guerra, fece ritorno integra e in perfetto stato di conservazione al proprio luogo di provenienza.

Per questo il Premio Rotondi 2019, assegnato come ogni anno dal 1997 ai salvatori dell’arte (la storia è su premiorotondi.it) nella cornice dei due monumenti architettonici di Sassocorvaro e Carpegna, nel Montefeltro marchigiano, è andato alla memoria proprio di Vincenzo Barucchieri.

L’attrice, invitata con la famiglia tutta, non ha potuto essere presente perché impegnata sul set, ma non ha voluto far mancare un segno della sua soddisfazione per questo riconoscimento al talento di suo nonno Vincenzo. Questa la lettera che Elena ha mandato agli organizzatori del premio (la giuria è presieduta dalla figlia di Rotondi, Giovanna, e coordinata dal sottoscritto) tramite il primo cittadino di Carpegna, Angelo Francioni:

Egregio signor sindaco, tramite la Sua persona ringrazio tutta la città di Carpegna (con Sassocorvaro) per il vostro invito che ho apprezzato molto. Il premio assegnato alla memoria di mio nonno Vincenzo Barucchieri significa tanto per tutta la nostra famiglia e, in particolare, per tutti noi nipoti che purtroppo non abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo a fondo ma che è vivo, attraverso la narrazione dei suoi figli.

Era una persona con il senso del dovere e con la passione per il suo lavoro che si è trovata al centro di una grande opera di salvataggio di gran parte del patrimonio artistico nazionale alla quale diede il suo contributo rischiando anche di persona ma che non si è mai sentito un eroe.

Dopo le vicende belliche è rientrato a Firenze con la sua famiglia e ha continuato a svolgere il suo lavoro con la consueta semplicità e serietà e nel coltivare i suoi hobby nell’andare in bicicletta e della musica classica.

Mi spiace davvero non poter essere presente, l’avrei fatto con tutto il cuore ma improcrastinabili impegni di lavoro (sto girando un film) me lo impediscono.

So che Carpegna è molto attenta alla cultura, come testimoniano gli interessi concreti per il mondo della scuola e la riscoperta della Maddalena del Crivelli (il dipinto originale, 1474-1476, eseguito per la contessa Caterina di Carpegna, di origini ascolane, devota alla Maddalena, è oggi al Rijksmuseum di Amsterdam, Ndr).

A maggior ragione sono rammaricata nel non poter partecipare. Tuttavia sarà presente la mia famiglia composta dai miei zii e da una folta delegazione di cugini. (e.s.r.b.)

bussola-punto-fine-articolo

Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog che vuole essere una bussola verso nuovi orizzonti per il futuro, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L’Espresso Genius, il settimanale L’Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri (“Un’Italia da salvare”, “L’Arca dell’arte”, “I Nicola”, “Voglia di cambiare”, “Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte dalle guerre”, “Guida ai paesi dipinti di Lombardia”, “In viaggio con i maestri. Come 68 personaggi hanno guidato i grandi del nostro tempo” e, a quattro mani con Maria Rita Parsi, “Manifesto contro il potere distruttivo”, Chiarelettere, 2019), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato docu-film per il programma Rai “La storia siamo noi” (clicca qui per approfondire).

A PROPOSITO/ Appunti biografici dello studioso Giuseppe Alpini

Due, tre cose che sappiamo

di lui, nonno Barucchieri

Il signor Barucchieri Vincenzo, fu Giovanni, nato a Palermo il 18 gennaio 1897, appartiene all’Amministrazione del Ministero dell’Educazione Nazionale (Direzione Generale delle Arti) e presta la sua opera al servizio della Soprintendenza alle Gallerie di Urbino, con lo speciale incarico di custode delle opere d’arte ricoverate presso la Rocca di Sassocorvaro. In tale qualità, il signor Barucchieri Vincenzo è altresì addetto alla Squadra di Primo Intervento del nominato ricovero.

Urbino, 20 luglio 1944, Il Soprintendente (Pasquale Rotondi)

Il lasciapassare tradotto in lingua tedesca veniva controfirmato il 29 luglio 1944. “Gesehen , Oblt. U. Ortskommandant, Von Macerata Feltria”.


Nella sua relazione presentata il 18 ottobre 1945 alla R. Accademia Raffaello dal titolo: “CAPOLAVORI D’ARTE SOTTRATTI AI PERICOLI DELLA GUERRA E ALLA RAPINA TEDESCA” il professor Rotondi a pagina 4 così informa:

Al posto di guardia venivano assegnati quattro custodi fissi e due straordinari, con servizio continuativo diurno e notturno. A essi era anche attribuito l’obbligo di costituire una squadra di primo intervento in caso di pericolo, e ne veniva pertanto curata, anche sotto tale aspetto, un’adeguata istruzione e una completa attrezzatura.


Successivamente, a pagina 16, sempre il professor Rotondi narra:

Un reparto di SS germaniche si presentava improvvisamente nel Palazzo dei Principi di Carpegna verso le ore 22 del giorno 19 ottobre, allo scopo di effettuarvi una perquisizione. L’azione si svolse fulminea. I carabinieri di guardia al ricovero che avevano cercato di opporsi a che fossero perquisiti anche i locali dove erano le opere d’arte. furono disarmati, malmenati e portati via dai tedeschi. Sembra che questi opinassero che nel ricovero fossero nascoste armi. “Munitionen, munitionem”, ripetevano smuovendo le casse e rivolgendosi ai custodi Barucchieri Vincenzo e Sguazzini Ignazio che, con coraggiosa resistenza, tentavano invece di persuaderli che il contenuto di quegli imballaggi era di tutt’altra natura.

Uno dei più accaniti perquisitori, fatto saltare un suggello dal baule coi manoscritti del Rossini (depositato nella sala stessa ov’era custodito anche il Tesoro di San Marco) si convinceva poi finalmente che armi in quelle casse non ve n’erano e desisteva dall’impresa.


A pagina 29 sempre il professor Rotondi ci informa:

Ecco d’altronde, a distanza di pochi giorni, l’ordine di sfollamento di Sassocorvaro e dintorni. Poche ore di tempo vengono lasciate ai civili per allontanarsi dalle loro case, ma i custodi, Sichel, Barucchieri, Renon e Tamanti, seguendo le mie direttive, tergiversano abilmente e rimangono sul posto. Cerco allora, da parte mia, di legalizzare la loro posizione, chiedendo al comando germanico di Urbino che essi siano forniti di un’autorizzazione che eviti loro delle noie.


Il signor Vincenzo Barucchieri, quando venne chiamato nel Montefeltro, prestava servizio agli Uffizi di Firenze. Si trasferì a Carpegna con la moglie Elisa e i tre figli: Franco, Paolo e Giovanni, ma presto prese alloggio a Sassocorvaro in un appartamento situato al piano più alto della Rocca. I bambini Barucchieri avevano rispettivamente 10, 7 e 3 anni. I primi due frequentarono lì la scuola che era collocata proprio all’interno della Rocca.


Finita la guerra la famiglia Barucchieri ritornò a Firenze dove Vincenzo continuò il servizio e i figli completarono gli studi. Tutti e tre sono stati dei professionisti.


Giovanni si è affermato nel campo della fotografia.


Il primogenito Franco, classe 1933, ha guadagnato fama internazionale costruendo (e riparando) rinomati clavicembali e strumenti antichi a tastiera (contatti: [email protected]; web: francobarucchieri.com)

franco-barucchieri

Franco Barucchieri (a destra), costruttore di clavicembali alla presentazione della mostra in suo onore (“Le mani del maestro”) a Castiglion Fiorentino con il fotografo Alessandro Pierozzi.

 

Le mani del maestro

hanno creato

questi rari strumenti

franco-barucchieri-strumenti-musicali
franco-barucchieri-strumenti-musicali
franco-barucchieri-strumenti-musicali
franco-barucchieri-strumenti-musicali
franco-barucchieri-strumenti-musicali

Il secondogenito, Paolo, purtroppo, è deceduto nel 2012, mentre la figlia Elena Sofia era impegnata nelle riprese de I Cesaroni 5. Paolo ha insegnato Storia dell’arte in diverse università degli Stati Uniti d’America. Aveva sposato in prime nozze la scenografa Elena Ricci “Poccetto” (scomparsa a 77 anni nel 2018, è stata la prima donna scenografa in Italia e paladina di una grande battaglia contro i pregiudizi dell’epoca) e da questa unione è nata a Firenze nel 1962, appunto, Elena Sofia (registrata all’anagrafe “Elena Sofia Barucchieri”). Dal secondo matrimonio sono nati Elisa, Marco e Paola. Anche Elisa è nel mondo dello spettacolo come danzatrice e regista di spettacoli.


A Castiglion Fiorentino vive parte della famiglia Barucchieri che cura la presenza di studenti di varie Università degli Stati Uniti che in questa città giungono per perfezionare i loro studi presso il “Santa Chiara Study Center”. (Ha collaborato Italo Farnetani)

bussola-punto-fine-articolo

 

ANCORA UN MOMENTO, PREGO

Quella volta che

Elena Sofia

scappò da Hollywood

Un retroscena professionale svelato a Pietro Tarallo*

elena-sofia-ricci-giovane

Una giovane Elena Sofia Ricci agli inizi della sua carriera.

Complice la quarantena forzata per il coronavirus, riprendo in mano un libro che mi aveva incuriosito all’uscita, Persone (Il Canneto editore, 2017), dove l’autore, il giornalista e viaggiatore Pietro Tarallo, pubblica le interviste a protagonisti/e della società incontrati tra il 1980 e il 2014. Tra loro, spicca il colloquio con Elena Sofia Ricci che, insieme a rapidi squarci di vita privata, illumina un aspetto poco conosciuto della sua carriera di attrice: il mancato approdo a Hollywood, con conseguente fuga dagli Stati Uniti.

TARALLO. Lei, Elena Sofia, è pluripremiata. Questo la inorgoglisce?

ELENA SOFIA RICCI: “A questo punto della mia carriera, dopo aver vinto tutti i premi italiani di cinema e gran parte di quelli stranieri, dico sempre, scherzando, che mi manca solo l’Oscar. Ma il prezzo da pagare credo sia troppo alto. L’America non fa per me. Anzi: ne sono addirittura scappata via. Hollywood è una macchina infernale che ti stritola. L’unico ricordo piacevole che mi è rimasto è un lungo bacio con Kevin Costner.

Nell’88 Tony Scott mi aveva chiamato negli States per Revenge. Tutto era andato nel migliore dei modi. Il provino girato nell’Iowa con Costner era perfetto. Quando un giorno, prima di una scena drammatica in cui avrei dovuto piangere, Tony Scott mi ha schiaffeggiato brutalmente così che potessi entrare meglio nella parte. Non ci ho pensato un solo istante e sono tornata in Italia. Hanno metodi di lavoro a cui non sono abituata”.

bussola-punto-fine-articolo

pietro-tarallo

* Il giornalista Pietro Tarallo (Firenze, 1941). Ha girato il mondo e lo ha raccontato in 80 libri. Tra gli ultimi: Monasteri in Italia; Le antiche vie della fede e, nel 2019 Giro del mondo in 80 paesi (Polaris). Organizza dal 2007 Il Salotto del Viaggiatore dove racconta i suoi viaggi e quelli dei suoi ospiti. Dal novembre 2016 presidente per due mandati della Neos (giornalisti di viaggio associati). (credit: Fabio Bussalino)

Da “I salvatori dell’arte”:

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!