Se n’è andata così, all’improvviso, senza alcun segnale premonitore, in questo tempo segnato dall’emergenza sanitaria. Anna Maria è stata e continuerà a essere un esempio di donna capace di coniugare la vita famigliare e professionale con la fatica e il privilegio di essere un’artista di talento. Un percorso che ha fatto con grande creatività, generosità e rigore. Molto ha ricevuto da Ennio, suo compagno di vita, che l’ha sempre sostenuta e accompagnata in questo suo lungo viaggio luminoso. E io vado a rileggere quanto scrissi nel mio diario in occasione delle Tende al mare dell’estate 2018 che la videro protagonista dell’annuale appuntamento estivo organizzato dal Comune di Cesenatico e da Davide Gnola in collaborazione con grandi firme dell’arte.

cesenatico-tende-al-mare

L’artista Anna Maria Nanni (scomparsa venerdì 22 luglio 2021 all’età di 84 anni) con alcuni collaboratori del laboratorio di pittura della Fondazione La Nuova Famiglia di Cesenatico, guidato da Simone Brandi nell’ambito di un progetto di inclusione sociale.

Cammino lungo la spiaggia libera, ai confini tra terra e mare, con alle spalle il grattacielo e il Grand Hotel. L’aria della notte di questa estate 2018 si tinge di rosso, presagio di calure pomeridiane. Gli ombrelloni ancora chiusi trattengono la frescura. Più tardi i gesti rapidi dei bagnini genereranno ombre circolari sulla sabbia.

cesenatico-tende-al-mare

Entro in acqua lentamente, bagliori nuovi confondono la schiuma luminosa generata dal ritmo senza tempo del mare. Lascio impronte fugaci sulla sabbia bagnata. La meridiana d’ombra segue il tempo della vita.

cesenatico-tende-al-mare

“Concerto all’alba”

cesenatico-tende-al-mare

“Schiuma di sale blu”

Ascolto il dialogo d’amore inconsapevole tra terra e acqua. Donare e ricevere, modificare e rigenerare. Tutto in una continuità che non conosce monotonia. La buca scavata da un bambino diventa gioco per l’acqua che scivola e trascina e per la sabbia che resiste e riempie.

cesenatico-tende-al-mare

“Vortice”

Seguo i richiami dei gabbiani che graffiano lo sciabordìo delle onde. Le note dei concerti all’alba affiorano lentamente dalla memoria. Io grata e silenziosa, come un piccolo mollusco, mi lascio invadere dalla musica.

cesenatico-tende-al-mare

“Concerto al mare”

Emozioni, desideri, sofferenze e riscatti prendono il passo di ballerine spagnole e francesi. Le musiche delle Quattro stagioni di Vivaldi e della Marcia turca di Mozart colorano i volteggi dei loro abiti, disegnando un grande inno alla vita.

cesenatico-tende-al-mare

“Danzatrice francese”

Ritorno da questo viaggio con sentimenti di gratitudine verso Anna Maria Nanni, artista che discende da una famiglia di fotografi e di musicisti e che ha percorso tutte le strade della sua vita con lo stesso impegno e la stessa forza.
Grazie, cara amica, per avermi ricondotta a un dialogo con il mare che troppi rumori rivieraschi avevano interrotto. Sono certa che il tuo racconto, dipinto sulle Tende da mare 2018, sarà alimento rigenerante anche per chi pratica l’economia dell’ospitalità.
Mi piacerebbe, questo prossimo inverno, trovare nei luoghi pubblici, nei ristoranti, nei caffè di Cesenatico, le tue finestre sul mare. Scaldare la memoria nelle giornate fredde sarà come rinnovare un appuntamento, un pensiero alla prossima estate, quando torneremo a volare con te sull’Ippogrifo. Perché guardare dall’alto è guardare lontano.

bussola-punto-fine-articolo

cesenatico-tende-al-mare

“Ippogrifo”

Info: Anna Maria Nanni ha realizzato 11 opere su tela grezza. Le altre 9, ammirabili sulla spiaggia libera di Cesenatico, sono a cura dei giovani del laboratorio di pittura della Fondazione La Nuova Famiglia di Cesenatico, guidati da Simone Brandi. Fino al 29 luglio la Nanni è presente con una personale anche al Museo della Marineria, “museo dell’anno 2017” inserito tra i dieci musei italiani più attivi e attraenti, diretto da Davide Gnola (telefono 0547-79205; e-mail: [email protected], web: museomarineria.comune.cesenatico.fc.it

Fotogallery

In principio fu Dario Fo

La mostra in spiaggia nacque nel ‘98 con il premio Nobel

per celebrare i primordiali ombrelloni dei bagnanti

cesenatico-tende-al-mare

2018: Anna Maria Nanni con sindaco Matteo Gozzoli.

cesenatico-tende-al-mare

2018: “I colori della vita”, Anna Maria Nanni.

cesenatico-tende-al-mare

2017: Milo Manara.

cesenatico-tende-al-mare

2013: “Cose leggere e vaganti”, Tonina Cianca (foto Fabio Panzavolta).

cesenatico-tende-al-mare

2012: “Con l’anima del clown” di Ilario Fioravanti con Riccardo Pascucci (foto di Luciano Nanni). Inaugura Dario Fo: alla sua destra l’artigiano-artista Riccardo Pascucci, romagnolo “re delle tele stampate”.

cesenatico-tende-al-mare

2011: “Viva l’Italia”, Tonino Guerra con Riccardo Pascucci.

cesenatico-tende-al-mare

2010: “Poesie nel sole”, Tonino Guerra (ripreso con l’allora sindaco Nivardo Panzavolta e con la direttrice di Casa Moretti, Manuela Ricci).

cesenatico-tende-al-mare

2009: “I colori del cuore”, Massimo Sansavini per Enrico Coveri (foto di Luca Ravaglia).

cesenatico-tende-al-mare

2008: “Oltre il mare” (foto Veronica Pari).

Dario-Fo-mostra-pittorica-tende-al-mare-2005-enrico-bertolini-berico

2005: le tende al mare di Enrico Bertolini, in arte Berico, inaugurate dall’artista romagnolo con l’amico e maestro Dario Fo.

cesenatico-tende-al-mare

2003: “Omaggio a Bruno Munari” (foto Gianni Grazia).

* Manuela Cuoghi ha insegnato per 35 anni educazione artistica nelle scuole italiane. Alla passione per l’arte associa quella dei viaggi.

Leggi anche:

  • Si scrive Abbey Road, si legge Cesenatico. Cinquant’anni fa il fotografo Iain MacMillan immortalava la mitica passeggiata dei Beatles sulle strisce più famose al mondo. Un’idea tradotta in salsa romagnola, con altre icone culturali nello scenario del porto canale leonardesco (testo di Salvatore Giannella, foto di Alessandro Mazza)
  • Una foto, un augurio per i miei nipoti. E per chi passa davanti a casa nel borgo dei pescatori di Cesenatico. Le note dell’Inno alla gioia di Beethoven, simbolo dell’Europa unita, si affiancano alla targa in onore di Tonino Guerra (testo di Salvatore Giannella)
  • Cesenatico, 1946: nel naufragio del “Titanic romagnolo”, la scelta drammatica di Vittorio Bergamini. Alle undici di venerdì 21 luglio 2017 una barca ha lasciato il porto canale leonardesco di Cesenatico e, come ogni anno dal 1997 (sindaco Damiano Zoffoli) sopravvissuti e autorità hanno lanciato due corone di fiori al largo della riviera: una corona bianca (per ricordare neonati e bambini) e una verde (per gli adulti) periti nel ribaltamento della barca Consolata, avvenuto il 21 luglio 1946. A quella tragedia, ribattezzata “il piccolo Titanic romagnolo”, avevo dedicato questa ricostruzione (testo di Salvatore Giannella)
  • Nel mare di terra della riviera: intervista sulla Romagna misteriosa tra streghe buone, rocche e tesori nascosti. La prima tappa del nostro viaggio dentro il Tempo nell’entroterra della riviera più famosa d’Europa ci porta all’uscita del casello di Cattolica, sulle belle strade della Valconca, l’ex granaio dei Malatesta. A guidarci tra piccole meraviglie sono Carla e Ferruccio, coppia (anche nella vita) di archeologi che, sedotti dalle storie che le pietre raccontano loro, alimentano la nostra curiosità e desiderio di viaggio (Ferruccio Cortesi e Carla Iacono Isidoro in viaggio con Salvatore Giannella)
  • Nanni & Ferretti: una famiglia romagnola, un anniversario storico. In una mostra nel Museo del sale a Cervia incontro un pittrice del mare, Anna Maria Nanni, con il suo sposo, Ennio Ferretti, esploratore di storia locale. Sono un luminoso esempio di quei personaggi che, al pari delle rare lucciole, vivificano con la loro energia l’umanità delle piccole Italie. Ecco la storia di questa famiglia romagnola corredata da una gallery dei principali dipinti di Anna Maria e, in occasione del 200mo anniversario di un evento bellico, una pagina di storia romagnola (“La battaglia di Cesenatico. Un episodio della guerra austro-napoletana del 1815”) ricostruita da Ennio
  • Un secolo fa amici di buona penna componevano una geografia letteraria in casa di Marino Moretti. Giugno 1914, porto canale di Cesenatico: nella casa di Marino Moretti, poeta e scrittore romagnolo allora 29enne, che ha appena pubblicato a puntate sul Giornale d’Italia il suo primo romanzo Il sole del sabato, si compone una mosaico geo-culturale d’eccezione (Alfredo Panzini, Renato Serra e Grazia Deledda) così ricostruito da Medardo Vincenzi in un fascicolo edito per il centenario della nascita di Moretti
  • Cesenatico, così nacque il Presepe sulle barche. Da trent’anni il porto canale leonardesco più suggestivo della riviera romagnola diventa palcoscenico per un microcosmo che intreccia i personaggi del racconto evangelico con personaggi del borgo marinaro. Abbiamo chiesto al regista di questa suggestiva iniziativa chi la volle e come vide la luce
  • Tornano a fiorire le storie di Leo Maltoni per una ritrovata primavera della Romagna. Il grande poeta e scrittore di Cesenatico, da poco scomparso, era capace di raccontare la sua terra come “isola dei sentimenti”. Ci ha consegnato un’indicazione da aggiornare e non perdere: perché le parole sue e dei Grandi Spiriti non siano solo esercizio di memoria. A seguire: l’Oste Bella, le sexy protagoniste dei quadri del Cagnacci e un’idea progettuale per favorire una permanenza più lunga in riviera
  • Cesenatico: e traghettar è dolce in questo porto canale. Arrivo a Cesenatico e mi capita di accompagnare una famiglia di turisti australiani a visitare eccellenze storiche e culturali sui due lati del porto canale leonardesco. Utili si rivelano, per noi come per centinaia di migliaia di turisti della Riviera romagnola, i due traghetti, “Mirko” e “Giovanna d’Arco”. Della loro storia, ricostruita attraverso le parole del padre Elviro soprannominato “Mazzini” e dello zio Sante Zoffoli “Miciol” (entrambi marinai conosciuti e rispettati, non c’è donna che dal primo non abbia ricevuto complimenti e racconti di microstoria locale, di quando la riviera richiamava frotte di turiste del Nord Europa) ci parla, salendo idealmente sullo sgabello domenicale di Giannella Channel, una donna appassionata di poesia e di storia di quel borgo romagnolo dove è nata e vive: Sabrina Bartoli (testo di Salvatore Giannella)
  • Cesenatico: la strada che indica Via Semprini. È cominciata così: due sedie fuori casa, il vento fresco del vicolo, il saluto dei passanti in bicicletta, le brevi soste di chiacchiere con i vicini di casa. E l’andare e venire di Anna Battistini che per molte sere e giorni in questi tredici anni di vita da vicolo ha plasmato, con la mano sapiente di prima piadinara di Cesenatico, con le sue storie, il ragù di pesce la sua generosità, il modo di vivere di noi turisti quasi residenti che abitiamo via Semprini, il cordone ombelicale delle case dei pescatori con il porto canale più famoso della Romagna. (testo di Manuela Cuoghi)
  • E il ministro pose gli occhi sulla mia casa dove Tonino Guerra arrotolava le parole con gli spaghetti alle vongole. Una visita di Dario Franceschini al suggestivo centro storico di Cesenatico. La targa che suscita la sua curiosità. Una risposta a sorpresa nelle pagine del volume del giornalista caporedattore della TV di San Marino (introduzione di Salvatore Giannella, testo di Sergio Barducci da “Tra Levante e Ponente”)