Il maestro Tony Pappano
riabbraccia il piccolo borgo paterno
ed è subito magia

Da Londra al Sannio: Antonio Pappano racconta
il legame con Castelfranco in Miscano (Benevento),
teatro del “Memorial Pasquale Pappano”

IL BELLO DELLA MEMORIA – Reprint

introduzione di Salvatore Giannella
testo di Antonio Pappano per “Tony Pappano. Direttore d’orchestra”,
biografia a cura di Pietro Acquafredda

Farete fatica a trovare sulla carta geografica Castelfranco in Miscano. È un paese di mille anime, in provincia di Benevento, famoso da queste parti della Campania per gli speciali sapori del suo caciocavallo. Qui, ogni anno, arriva uno dei maggiori direttori d’orchestra del pianeta: Sir Antonio Pappano, detto Tony, direttore musicale dell’Orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma e del Covent Garden Royal Opera House di Londra. Direte voi: che c’entra un grande maestro con un piccolo paese? Il segreto è nel titolo della manifestazione organizzata dal Comune e arrivata quest’anno alla XIV edizione: “I remember – Memorial Pasquale Pappano”. Quel Pasquale Pappano è stato un “maestro di bel canto”, padre appunto di Tony. E questo spiega la calata di Tony, che di passaporti ne ha tre (italiano, inglese e americano) ma che resta indissolubilmente legato alla terra dei suoi avi. Antonio Pappano, in questa serata di musica, guida l’orchestra del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, facendo vibrare piazza Michele Del Vecchio, le strade e i vicoli immergendoli in un’atmosfera quasi magica.

Il Memorial Pasquale Pappano accende i riflettori su un piccolo ma ambizioso e determinato paese sannita che, in occasione dell’evento, diventa ormai a ogni estate culla di musica e cultura, senza sfigurare con più noti centri di esperienze artistiche dell’Italia. Ma noi abbiamo voluto accendere i riflettori sulla figura del padre di Tony Pappano. Ci ha aiutato, per raggiungere questo obiettivo, Pietro Acquafredda, noto critico musicale e direttore del bimestrale [email protected], al quale mi lega un’infanzia in comune nel Tavoliere pugliese, autore di un’avvincente biografia del maestro italo-anglo-americano: Tony Pappano. Direttore d’orchestra, Edizioni Skira. Ecco come Pappano jr. racconta suo padre Pasquale.

antonio pappano pietro acquafredda libro

La biografia di Antonio Pappano, a cura di Pietro Acquafredda.

Io sono nato ad Epping, nella contea di Essex, il 30 dicembre 1959. I miei genitori lavoravano presso una ricca famiglia: mia madre cuoca, mio padre, butler, cameriere. Sono arrivati lì senza sapere una sola parola d’inglese; hanno lavorato duro; naturalmente io sono nato in ospedale, ma la mia famiglia risiedeva nella tenuta padronale.

Successivamente ottennero un appartamentino a Londra. La cosa andò così. Una coppia di maltesi che i miei avevano conosciuto non so come, riuscirono a inserire il nome di mio padre in una lista di aspiranti alle case ‘popolari’ di proprietà pubblica. (Dopo la guerra un ricco filantropo americano, Peabody, aveva destinato dei fondi per far costruire a Londra case per i più bisognosi). Così lasciammo la casa di Epping, dove siamo stati per i primi tempi, e ci trasferimmo a Londra, in Old Pye Street.

Io e mio fratello andavamo a scuola a Victoria. Quando poi i miei riuscirono a comprare la prima casa, a Clapham, Londra, sulla sponda opposta del Tamigi, per 7.500 sterline, ci spostammo nuovamente.

Mio padre ha sempre avuto una ‘doppia’ vita lavorativa. Lavorava di sera, come maestro di canto: dalle quattro del pomeriggio fin verso le nove, affittava un piccolo studio nel centro di Londra e lì insegnava canto. Non poteva farlo nell’appartamentino dove abitavamo, era troppo piccolo, e i condomini non glielo consentivano. Quando, sui dieci anni, divenni abbastanza bravo al pianoforte, andavo da lui nello studio e lo aiutavo, accompagnando i cantanti.

Antonio-Pappano-direttore-orchestra

Antonio Pappano, classe 1959. Il 15 maggio 2012 è stato nominato baronetto da parte della regina Elisabetta II.

Due lavori

Mio padre di giorno faceva il cuoco, credo in un ospedale: era abbastanza bravo in cucina; egli imparò a cucinare negli anni di studio a Milano; ha continuato a farlo anche quando ci siamo trasferiti in America, nel 1973; ha sempre fatto due lavori. Quando veniva in Italia, a studiare con Campogalliani, per pagarsi le lezioni, lavorava in un ristorante. Ci fu un periodo in cui la sua permanenza a Milano si prolungò di molto. Quando avevo cinque anni, ricordo che io e mio fratello vivemmo per un anno con i nonni a Castelfranco in Miscano (Benevento); e quel periodo dovette coincidere con una lunga permanenza di mio padre a Mantova, mentre mia madre era rimasta a lavorare a Londra.

In casa c’era un pianoforte; alle elementari, c’era una lezione settimanale di musica, ci insegnavano le note e a mettere le mani sulla tastiera. A sei anni e mezzo ho cominciato a studiare pianoforte, non con grande trasporto; devo confessarlo, al pianoforte preferivo il pallone. Sono però sempre vissuto in un ambiente musicale, attorniato da dischi e in compagnia dei cantanti che andavano e venivano da mio padre. Non ero un genio quando ero ragazzo, e neppure un bambino prodigio; ma poco a poco cominciai a diventare sempre più bravo al pianoforte; studiavo con due maestri, una signora che si chiamava Elaine Korman ed era la moglie di Robert Keyes, un celebre maestro sostituto al Covent Garden, dal quale, invece, prendeva lezioni mio padre; Keyes era bravissimo, avrebbe potuto fare anche il concertista, ogni tanto anch’io studiavo con lui. Le sue mani ancora oggi sono famose al Covent Garden. Strana la vita: studio da ragazzo con un pianista del Covent Garden e dopo molti anni io divento il ‘boss’ del grande teatro. E allora la mia vita si è affacciata all’ambiente dell’opera. Col pianoforte mi sono perfezionato più tardi, quando siamo andati negli Stati Uniti.

Partimmo il 30 giugno 1973, a seguito della morte prematura di una mia sorellina. Quella tragedia costrinse i miei a fare le valigie per mettersi di nuovo in viaggio. Lì ho cominciato a studiare con Norma Verrilli, una maestra di origini italiane: suo padre era di Castelfranco, la madre, invece, di Bovino (Foggia). La sua famiglia, a Bridgeport, aveva un negozio di pianoforti; ancora lei mi ha introdotto un giorno da Arnold Franchetti, il figlio di Alberto Franchetti che abitava a un’ora da Bridgeport, e lì ho cominciato a studiare anche composizione; avevo 17 anni, qualche anno dopo che la mia famiglia si era definitivamente stabilita nel Connecticut. Negli anni in cui sono vissuto a Bridgeport, dai 13 ai 21 anni circa, ero molto occupato con la musica: suonavo l’organo in chiesa, il pianoforte in un ristorante; con altri strumentisti facevo recital; accompagnavo cantanti, suonavo per un coro, continuavo a lavorare con mio padre.

Antonio-Pappano-direttore-orchestra

Nel 2013 Antonio Pappano, nella foto all’Auditorium Parco della Musica a Roma) ha ricevuto l’International Opera Awards.

Catena di montaggio musicale

Ricordo che avevamo due studi attigui, cominciava lui con gli esercizi e dopo, gli studenti passavano da me per ripassare il repertorio, mentre lui attaccava con un altro. Si cominciava verso le 13; io lo raggiungevo appena terminati gli impegni di studio e andavo avanti fino a sera; la nostra era una catena di montaggio a ritmo continuo, un business. In quegli anni mi spostavo da un luogo all’altro, sempre di corsa: mai un attimo di riposo, facevo di tutto; ho imparato a leggere a prima vista qualunque cosa; questo mi ha aiutato molto in seguito.

Sebbene avessi cominciato a lavorare con mio padre a Londra, già a undici anni, la cosa divenne stabile e regolare a quindici-sedici, in America.

bussola-punto-fine-articolo

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. #Pappanoinweb: l’hashtag che ti regala la musica classica

    La musica classica diventa low cost e più accessibile attraverso una piattaforma web che rende fruibile l’esecuzione dei concerti gratuitamente: questo è in estrema sintesi l’obiettivo del progetto Pappano in web

     
    Musica antica, troppo costosa e perciò non adatta a un pubblico giovanile se non a coloro che fanno parte di questa raffinata elite. Un cliché che si sta ormai consolidando da anni nella mentalità italiana, ma che un esperimento di successo è riuscito a scalfire.

    Per tutti i ragazzi, curiosi di avvicinarsi al mondo della musica classica, ma anche per tutti coloro che conoscono a memoria le note dei grandi compositori del passato, è nato tre anni fa il progetto “Pappano in web”. Una ricetta semplice, che unisce musica di qualità, guidata da noti direttori d’orchestra, servendosi del canale online che permette di divulgare l’intero concerto, al di fuori delle porte chiuse della silenziosa sala e rendendolo fruibile gratuitamente in diretta streaming.

    Protagonisti di questo progetto sono l’Orchestra sinfonica e il coro dell’Accademia di Santa Cecilia, di cui il maestro Antonio Pappano è il direttore, e Telecom Italia Group che ha reso possibile la realizzazione della diretta web. La musica classica diventa interattiva, ma anche social e si avvicina al mondo dei giovani, sfruttando gli strumenti a loro più familiari: non solo la piattaforma web, ma anche canali Facebook e hashtag Twitter (#pappanoinweb) per avere aggiornamenti costanti.

    In questo modo non solo riuscirete a vivere le atmosfere e le emozioni che si respirano nella sala dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, ma avrete anche l’occasione di approfondire l’evento in corso, sia prima dell’inizio del concerto, grazie alle guide all’ascolto e alle lezioni-conversazioni, realizzate dal musicologo Giovanni Bietti e dallo stesso Antonio Pappano, ma anche durante le pause dello spettacolo: in sala si riaccendono le luci, ma contemporaneamente, nel back stage, i protagonisti del palcoscenico vengono intervistati per il pubblico online, che potrà soddisfare tutta la propria curiosità, ponendo delle domande in diretta, collegandovi con la chat monitorata dagli operatori. (Fabrizia Memo, fonte: Tafter)

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!