Migranti, la mia lettera aperta
ai giurati del Nobel per la pace:
“Premiate la comunità di Riace”

“In questo borgo della Calabria italiana gli abitanti
hanno fatto cadere un muro più importante di quello
abbattuto nel 1989 a Berlino“ (Wim Wenders)

IL LATO BELLO DEL SUD

testo introduttivo di Salvatore Giannella

Illustri signori giurati del Premio Nobel per la pace,

avrete certamente sentito parlare di Riace, questo comune costiero di 1.820 abitanti in Calabria, nell’Italia del Sud, che salì agli onori della cronaca per il ritrovamento, nel 1972, di due statue bronzee di epoca greca, oggi noti come i Bronzi di Riace e successivamente per il tentativo di questa comunità felice di realizzare un modello di ospitalità dei migranti conosciuto e studiato in tutt’Europa. Su questo modello e sul suo motore principale, il sindaco Domenico Lucano (ieri, 2 ottobre 2018, costretto agli arresti domiciliari per la disobbedienza civile con cui ha portato avanti questo progetto di inclusione dei migranti: alla fine di questo testo tre commenti di autorevoli opinionisti apparsi oggi su tre principali quotidiani italiani), vi mando questo articolo pubblicato sul quotidiano della Confindustria italiana, Il Sole 24 Ore, ricordandovi quanto ha dichiarato il regista tedesco Wim Wenders presentando un suo film (Il volo) girato proprio a Riace: “In Calabria cadono muri ancora più importanti di quello abbattuto nel 1989 a Berlino”.

Per questo oggi 3 ottobre 2018 (che è la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione: un modo per ricordare i 365 profughi morti in mare il 3 ottobre del 2013) vi chiedo di prendere in considerazione la proposta, che certamente sarà appoggiata da autorevoli istituzioni e personalità italiane, di assegnare alla comunità di Riace, composta dai locali e da rappresentanti di venti etnie diverse, il prossimo premio Nobel per la pace. (s.g.)

Una stretta di mano con stima,

* Salvatore Giannella
giornalista, Milano
già direttore del settimanale L’Europeo e del mensile Airone
mail: [email protected]
mia bio: giannellachannel.info/chi-sono

TESTO DI DONATA MARRAZZO / IL SOLE 24 ORE
riace-citta-accoglienza

Riace, comune di 1.820 abitanti della provincia di Reggio Calabria, è assurto agli onori della cronaca per il ritrovamento, nel 1972, di due statue bronzee di epoca greca, oggi noti come i Bronzi di Riace.

A Riace tutto arriva nel mare. I pirati turchi nell’antichità, i due guerrieri nudi modellati da Fidia o da maestri della sua bottega – quei sensazionali Bronzi rinvenuti sui fondali da un sub a otto metri di profondità – e un veliero carico di curdi, che nel 1998 ha trasformato uno sbarco di profughi in un’opportunità. Era estate, le quattro del mattino, e la costa ionica calabrese non sarebbe stata più la stessa: l’immigrazione di quegli 800 uomini (e donne e bambini), provenienti da Afghanistan e Iraq, ha risvegliato un borgo fantasma. Che oggi, anno 2016, è un esempio di accoglienza. Domenico Lucano allora era a capo dell’associazione Città Futura, dedicata a don Giuseppe Puglisi, ma già elaborava nuove forme di convivenza. Oggi, che è sindaco di Riace da tre mandati, è per il Fortune Magazine uno dei 50 leader più influenti del mondo. Prima di Melinda Gates (moglie di Bill), dopo Angela Merkel, Aung San Suu Kyu, Papa Francesco e Christine Lagarde.

domenico-lucano-sindaco-riace

Domenico Lucano, sindaco di Riace.

Mimmo Lucano, il sindaco visionario

A lui interessa poco. Non è snobismo o falsa modestia, ma il suo modo per restare visionario: “Non ne sapevo nulla e mi chiedo come abbiano fatto i giornalisti della rivista americana a scoprire questa estrema periferia del mondo”, afferma concitato (come sempre), mentre scende alla marina dal centro storico. Domenico Lucano, 59 anni, ex maestro di scuola, “ha realizzato un modello di ospitalità studiato in tutta Europa”, si legge nel profilo dei World’s 50 Greatest Leaders. Un programma di integrazione sostenibile che ha rivitalizzato l’economia e il tessuto sociale di un borgo destinato a svuotarsi.

“Riace, una comunità felice”

Non ci sono ricette, misure, programmi definiti. Non so nemmeno se quello che ho fatto è replicabile altrove. Forse è tutto una casualità, un’avventura umana di cui all’inizio non conoscevo i rischi e nemmeno i limiti. È stata l’occasione che mi ha guidato

Mimmo, detto “u curdu”, però va fiero dei risultati:

La mia è una comunità felice, perché l’inclusione conviene a tutti. Ne godono i residenti, qui riaprono scuole e ristoranti. La natalità supera la mortalità. Ne gioiscono i rifugiati che trovano case e botteghe. Tessono, ricamano, lavorano il vetro, il legno, il cioccolato. Così è rinato il centro storico. E io sono felice di sentirmi utile: non voglio poltrone, ma solo fare il bene della mia gente.
riace-paese-accoglienza

Dal 2004 ad oggi, Riace è stato al centro di politiche di accoglienza degli immigrati. Sono circa 150 gli immigrati accolti dalla popolazione locale, che supportati da politiche sociali sono stati inseriti nel mondo del lavoro, contribuendo allo sviluppo dell’economia del borgo.

Il volo di Wenders, da Scilla a Riace

riace-paese-accoglienza

Il regista e produttore Wim Wenders (Düsseldorf, 1945).

Che Mimmo Lucano avesse stoffa, se ne era accorto anche Wim Wenders. Il regista tedesco avrebbe dovuto girare le riprese del suo cortometraggio in 3D “Il volo” a Scilla. Storie di rifugiati, di una Locride ospitale, di un altro Sud. Voleva simulare uno sbarco sulle coste e aveva bisogno di reclutare naufraghi. Il sindaco di Riace si mette a sua disposizione, lo porta nel suo borgo, a otto chilometri dal mare. Gli presenta Ramadullah, il bambino afghano di otto anni che durante la fuga dal suo paese ha perso tutta la famiglia. Ha tanto da raccontare, però non è disposto a spostarsi ogni giorno a Scilla per fare il cinema. Così Wenders si trasferisce con la troupe a Riace. Ben Gazzara nella prima parte del docufilm è Mimmo Lucano. Nella seconda, il regista tedesco intervista il sindaco in persona. Presentando il suo lavoro a Berlino, Wenders ha dichiarato che “in Calabria cadono muri ancora più importanti di quello abbattuto 27 anni fa in Germania”.

La nuova Locride, tra accoglienza e turismo solidale

L’esperienza di Riace è contagiosa: Caulonia e Stignano aprono ai profughi le case disabitate. Offrono assistenza sanitaria e legale. Tutt’intorno si allarga la Rete dei comuni solidali. Diverse associazioni lavorano per l’integrazione: a sud di Lampedusa, Il Girasole, Real Riace e Riace Accoglie. Più di 6.000 i rifugiati accolti negli anni nel paesino dell’alta Locride, 400 quelli presenti in pianta stabile nel centro storico. Sono il 50% della popolazione locale. Il flusso è continuo: i progetti di solidarietà di Riace sono legati al Sistema di protezione dei richiedenti asilo del ministero degli Interni. Sempre connessi alla rinascita del paese. Ed è boom di turismo solidale: i visitatori della costa ionica possono soggiornare nelle case recuperate del borgo, condividendo parte della proprie giornate con gli abitanti del luogo, compresi quelli di 20 etnie diverse.

bussola-punto-fine-articolo

* Fonte: Il Sole 24 Ore è il quotidiano voce ufficiale della Confindustria italiana. Il suo sito on line è qui: ilsole24ore.com – Un aggiornamento positivo su questo borgo simbolo dell’accoglienza viene raccontato dalla stessa cronista del “Sole”, Donata Marrazzo, a questo link: Integrazione dei migranti: il modello Riace funziona. Lo dice la Prefettura

LE REAZIONI

Commenti di oggi, 3 ottobre 2018, sugli arresti domiciliari al sindaco di Riace Domenico Lucano:

Mimmo Lucano non è un falso buono. Non è Buzzi o Carminati, e neanche una onlus opaca. Sui migranti non ha guadagnato un centesimo e ad affermarlo è lo stesso giudice che lo ha costretto ai domiciliari. Il sindaco di Riace ci è finito per avere violato le leggi sull’immigrazione clandestina. Il suo modello di convivenza, studiato nel mondo, consiste nell’usare i soldi pubblici per dare lavoro ai migranti e ai locali, riattivando le botteghe cadute in disuso. L’esatto contrario dell’assistenzialismo piagnone e arraffone che giustamente infastidisce chi oggi esulta per il suo arresto…

Massimo Gramellini sul “Corriere della Sera”


Che dire di un ministro degli Interni che esulta per l’arresto di un suo avversario politico (Mimmo Lucano, per altro reo confesso di disobbedienza civile)? Non bisogna essere dei giganti del diritto, basta essere dei pesi medi del buon gusto per capire che quel ministro è ampiamente al di sotto della decenza. La folla plaudente che esulta a ogni sua scorrettezza, a ogni sua gomitata, a ogni sua minaccia, può anche diventare schiacciante maggioranza (è già accaduto, potrebbe accadere ancora). Ma a noi tocca, per quanto pochi, per quanto soccombenti, ripetere pari pari che la prepotenza, il dileggio, l’intimidazione costante, soprattutto quando si è al potere, tanto più se si è ministro di Polizia, sono una colpa gravissima…

Michele Serra su “la Repubblica”


L’accusa che ha portato all’arresto di Mimmo Lucano (favoreggiamento dell’immigrazione clandestina) è così pretestuosa che il gip ha smontato nella sua ordinanza circa mille pagine della richiesta di arresto, osservando «errori grossolani e inesattezze delle indagini…». La Camera tace, la piazza insorge. Sono con la piazza.

Vittorio Sgarbi su “Il Giornale”

Author: admin

Share This Post On

8 Comments

  1. C’è voluta la rivista americana Fortune per illuminare un gigante del Sud tra i primi 50 leader del mondo… E a me viene in mente una poesia del paesologo Franco Arminio (Bisaccia, Avellino, 1960), da me conosciuto su Giannella Channel (link).

    dal titolo:

    “Chi non sa nulla del Sud stia zitto,
    parli chi ha il coraggio di starci dentro
    di attraversarlo lentamente”. Ecco i versi:

    “Non toccate la Lucania
    e non toccate i contadini, quelli di adesso
    e quelli che furono macellati a Caporetto,
    non toccate quelli che presero le navi
    per andare in America,
    non toccate chi ha lavorato in Svizzera
    e chi è rimasto innocente
    in questi paesi
    in cui ogni disperazione
    è sola nel suo fosso,
    ditelo a chi è rimasto
    che bisogna salutarsi con gioia
    che bisogna pulire fuori dalla nostra casa
    prima che dentro,
    ditelo che non bisogna chiedere favori,
    ditelo che non siamo in vendita
    e chi ci ha rubato le braccia
    ora ci ruba il vento e l’acqua
    e il petrolio.
    Chi non sa nulla del Sud stia zitto,
    parli chi ha il coraggio di starci dentro
    di attraversarlo lentamente”.
    Stia zitto chi fa il giornalista nei salotti.
    Non servono
    i mestieranti dello sdegno,
    i mercanti del frastuono,
    per raccontare certi luoghi ci vuole la poesia,
    il teatro, il canto.”

    Post a Reply
  2. A proposito del sindaco di Riace incluso da “Fortune” nella lista delle personalità più influenti al mondo: alcuni giorni fa ho incontrato quel Sindaco, Mimmo Lucano, durante un incontro organizzato presso il Municipio di Locri (Reggio Calabria) intitolato “Girotondo intorno al mondo”. Venivano presentate iniziative di solidarietà realizzate in Italia e dall’Italia verso il mondo. La testimonianza del Sindaco Lucano è stato il completamento della strofa della poesia La Ronde di Paul Fort quando diceva “SE TUTTI I BAMBINI SI DESSERO LA MANO”.

    Di Riace si dice che è un “Comune solidale”, ma è molto di più: è la solidarietà realizzata non per i migranti, ma con i migranti, un azione condivisa, fatta insieme, ecco il concetto di tenersi per mano. Questa condivisione ha fatto in modo che la solidarietà divenisse uno stile di vita quotidiano da cui è nata un integrazione reale. Uno dei risultati, fra i tanti, è stato quello di coinvolgere i migranti nelle attività degli abitanti, inseriti anche nelle attività artigiane, tramandando mestieri, tradizioni, capacità lavorative e anche risorse economiche, impedendo così la scomparsa di mestieri e tradizioni. Ecco che dal dramma dei migranti scaturisce una risorsa per il territorio. Quello di Riace è un esempio che dovrebbero seguire altri comuni, penso per esempio a quelli lungo la dorsale alpina e appenninica.

    Post a Reply
    • Fortune ha acceso i riflettori su Riace e su Mimmo Lucano il suo Sindaco. Trasportato dal suo profondo senso di accoglienza ed ospitalità verso i più bisognosi, ha avuto una grande intuizione: i migranti possono rappresentare una opportunità storica per la sua Riace: ritornare ad essere vivi in un mondo vuoto senza futuro, “pertanto indecidibile”. C’è da farsi una domanda del perché questi curdi sono sbarcati in un territorio non abituale agli sbarchi in Calabria e per Mimmo Lucano ciò deve essere considerata come una “chiamata” il dover impegnarsi per questi disperati. Si aprono le case vuote dei migranti di Riace ai nuovi migranti, si riempiono i vuoti del suo paese, scuola, piazza, bar. Nel frattempo vengono ospitati circa 6000 migranti di 20 nazioni diverse e 400 rimangono a vivere stabilmente nel paese. E Riace impara e insegna che non bisogna pensare alla pericolosità del “diverso”, ma alla vera integrazione che può determinare una ricchezza culturale per ognuno. Riace non è un paese con monumenti o chiese da visitare, i suoi Bronzi sono al museo di Reggio, ma allo stesso modo è un paese che bisogna andare a visitarlo per i suoi laboratori artigianali che vedono protagonisti giovani del luogo con gli stessi migranti, per la raccolta dei rifiuti porta a porta con l’aiuto degli asinelli, per l’utilizzo di soldi di vario taglio da utilizzare solo all’interno della comunità di Riace, per ascoltare le storie dei migranti e degli vecchi abitanti. E tante altre esperienze di vita di comunità ormai ben organizzata. Se si ha poi la fortuna di avere come guida Mimmo Lucano si rimarrà attratti dal suo singolare modo di raccontare la sua esperienza di questi anni passati al servizio di Riace. Prima di Fortune Mimmo Lucano era già conosciuto in tutto il mondo tanto da meritare nel 2010 un prestigioso riconoscimento secondo City Majors.

      31 luglio 2016
      Roberto Trunfio, Pediatra, Locri

      Post a Reply
  3. Integrazione dei migranti: il modello Riace funziona. Lo diceva la Prefettura, parola del Sole 24 Ore

    Buongiorno, qui l’eloquente inizio dell’articolo e del link al testo su Riace di Donata Marrazzo del Sole 24 Ore (27 febbraio 2018):

    “Che la storia di Riace, del suo sindaco visionario – fra i 50 uomini più influenti al mondo secondo Fortune, al quale Papa Francesco ha rivolto parole di ammirazione e gratitudine – della gente del posto generosa e ospitale, dei rifugiati accolti e integrati per ripopolare il borgo abbandonato, fosse una realtà bella come una favola, con tanto di antagonisti, peripezie e falsi eroi, era già noto.
    Ma che a narrarla come tale fossero gli ispettori della prefettura di Reggio Calabria in un verbale, redatto «a seguito di attività ispettiva svolta in data 26 gennaio 2017», sorprende. Per stile e contenuti: in prosa quasi poetica, e solo qualche formula di rito, il documento celebra il modello Riace, descrivendo l’ispezione nelle strutture del Cas (Centro di assistenza straordinaria), quindi in tutto il paese, come un racconto di viaggio, che parte dalla scuola («un tripudio di razze dietro i banchi»), passa per la mensa (il cuoco sahariano che prepara le pizze), per le botteghe dove si lavora il legno, il vetro, la ceramica, la lana, ed entra nelle abitazioni, «case vecchie e umili, ma pulite, ordinate, venate della mescolanza di uomini e donne di provenienza disparata, che portano in quelle case un piccolo tocco della terra natìa». Il documento è stato diffuso insieme al resoconto di un’altra ispezione, pure di esito positivo, eseguita a Riace Marina, all’interno di uno spazio gestito dall’associazione Il Girasole.

    Il testo completo è a questo link.

    Post a Reply
  4. Buongiorno Salvatore,

    per capire meglio l’esperienza della comunità di Riace, proposta per il premio Nobel per la pace 2019, possono essere utili alcuni link per integrare il nostro film Un paese di Calabria.

    Qui la pagina del sito: bofilm.it/film/a-village-in-calabria/ (dove troverete le date e i luoghi d’Italia di proiezione del film)
    Qui la pagina Facebook: facebook.com/UnpaesediCalabriaItalia/
    Qui il trailer:

    Buona giornata

    Post a Reply
  5. Condivido con voi le toccanti parole di Mimmo Lucano, “liberato” dagli arresti domiciliari ma “esiliato” lontano dal suo paese, Riace: questo il testo della lettera letta ieri in piazza a Riace.

    “Abbiate il coraggio di restare soli”

    È inutile dirvi che avrei voluto essere presente in mezzo a voi non solo per i saluti formali ma per qualcosa di più, per parlare senza necessità e obblighi di dover scrivere, per avvertire quella sensazione di spontaneità, per sentire l’emozione che le parole producono dall’anima, infine per ringraziarvi uno a uno, a tutti, per un abbraccio collettivo forte, con tutto l’affetto di cui gli esseri umani sono capaci.
    A voi tutti che siete un popolo in viaggio verso un sogno di umanità, verso un immaginario luogo di giustizia, mettendo da parte ognuno i propri impegni quotidiani e sfidare anche l’inclemenza del tempo. Vi dico grazie.

    Il cielo attraversato da tante nuvole scure, gli stessi colori, la stessa onda nera che attraversa i cieli d’Europa, che non fanno più intravedere gli orizzonti indescrivibili di vette e di abissi, di terre, di dolori e di croci, di crudeltà di nuove barbarie fasciste.
    Qui, in quell’orizzonte, i popoli ci sono. E con le loro sofferenze, lotte e conquiste. Tra le piccole grandi cose del quotidiano, i fatti si intersecano con gli avvenimenti politici, i cruciali problemi di sempre alle rinnovate minacce di espulsione, agli attentati, alla morte e alla repressione.
    Oggi, in questo luogo di frontiera, in questo piccolo paese del Sud italiano, terra di sofferenza, speranza e resistenza, vivremo un giorno che sarà destinato a passare alla storia.

    La storia siamo noi. Con le nostre scelte, le nostre convinzioni, i nostri errori, i nostri ideali, le nostre speranze di giustizia che nessuno potrà mai sopprimere.
    Verrà un giorno in cui ci sarà più rispetto dei diritti umani, più pace che guerre, più uguaglianza, più libertà che barbarie. Dove non ci saranno più persone che viaggiano in business class ed altre ammassate come merci umane provenienti da porti coloniali con le mani aggrappate alle onde nei mari dell’odio.
    Sulla mia situazione personale e sulle mie vicende giudiziarie non ho tanto da aggiungere rispetto a ciò che è stato ampiamente raccontato. Non ho rancori né rivendicazioni contro nessuno.

    Vorrei però a dire a tutto il mondo che non ho niente di cui vergognarmi, niente da nascondere. Rifarei sempre le stesse cose, che hanno dato un senso alla mia vita. Non dimenticherò questo travolgente fiume di solidarietà.
    Vi porterò per tanto tempo nel cuore. Non dobbiamo tirarci indietro, se siamo uniti e restiamo umani, potremo accarezzare il sogno dell’utopia sociale.
    Vi auguro di avere il coraggio di restare soli e l’ardimento di restare insieme, sotto gli stessi ideali.
    Di poter essere disubbidienti ogni qual volta si ricevono ordini che umiliano la nostra coscienza.
    Di meritare che ci chiamino ribelli, come quelli che si rifiutano di dimenticare nei tempi delle amnesie obbligatorie.
    Di essere così ostinati da continuare a credere, anche contro ogni evidenza, che vale la pena di essere uomini e donne.
    Di continuare a camminare nonostante le cadute, i tradimenti e le sconfitte, perché la storia continua, anche dopo di noi, e quando lei dice addio, sta dicendo un arrivederci.

    Ci dobbiamo augurare di mantenere viva la certezza che è possibile essere contemporanei di tutti coloro che vivono animati dalla volontà di giustizia e di bellezza, ovunque siamo e ovunque viviamo, perché le cartine dell’anima e del tempo non hanno frontiere”.

    Mimmo Lucano

    Post a Reply
  6. Dona ora! Per ridare una casa a Riace

    ricompriamo la sede di Città Futura

    Utilizza questo

    IBAN: IT05 Q 05018 01000 000016766651
    Intestato a Rete dei Comuni Solidali
    Causale: Una casa per Riace

    Dall’arresto del sindaco in poi la parola Riace è diventata “virale” un patrimonio da difendere per tutte le persone che non hanno più riferimenti politici, ma vedono nell’esperienza di Riace il luogo del cuore. Una modalità molto concreta di attivarsi e in grado di infondere speranza.

    In questi giorni l’associazione Città Futura, capofila di tutti i progetti che negli anni si sono attivati a Riace prima per la riqualificazione del borgo e in seguito per l’accoglienza ai migranti, ha ricevuto lo sfratto dalla sua storica sede al secondo piano di Palazzo Pinnarò. Un ufficio che era Il primo luogo dove i migranti si sentivano riconosciuti come persone e dove veniva consegnato loro un mazzo di chiavi per una nuova vita.

    Oggi l’Associazione dei Comuni Solidali Re.Co.Sol lancia una raccolta fondi per acquistare il primo piano di Palazzo Pinnarò, per riconsegnare la sua sede a Città Futura in modo che possa continuare le sue attività, in un momento così delicato per Riace, in cui tutte le attività economiche, sociali e culturali sono ferme in attesa che i fondi vengano ripristinati e la situazione si sblocchi.

    Chiara Sasso di Re.Co.Sol ci ricorda che il “Modello Riace” ha riattivato sia le relazioni sociali, sia l’economia del piccolo borgo calabrese: ripopolando un luogo ormai sull’orlo del completo spopolamento, salvando la scuola che era stata chiusa, perché non risultava il numero minimo di alunni, dando lavoro a oltre 70 operatori riacesi impiegati nelle attività di accoglienza dei migranti, dando nuova linfa al commercio per le piccole botteghe e infine portando turisti a visitare un luogo remoto e bellissimo della Calabria.

    Post a Reply
  7. Ho stretto la mano a Mimmo Lucano

    Caro Salvatore, pochi minuti fa ho avuto il piacere, in occasione della serata dedicata al Premio Sila, qui, da noi, a Cosenza, di stringere la mano a Mimmo Lucano, il sindaco “esiliato” di Riace, ospite d’onore. Ho apprezzato la semplicità, la lungimiranza priva di orpelli del suo disegno sociologico, ispirato a innervare la prassi di idee senza tempo, volte a tradurre in stili di vita i grandi princìpi dell’uguaglianza e della fraternità.

    Ho detto a Lucano che avevo parlato di lui con te, o meglio, con Salvatore Giannella.

    Mi ha chiesto chi fossi e ho risposto in modo semplice: “È un giornalista molto conosciuto da più tempo, che opera a Nord, ma ch’è presente ovunque ci siano esempi e progetti degni di essere assecondati e divulgati”. Questo è tutto e io ho voluto fartene partecipe.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!