Braccio di ferro e la sua pipa
con cui apriva le scatole di spinaci?
Soltanto una fake new

Un convegno a Roma mette nel mirino le panzane
nel delicato campo della corretta alimentazione

ALLE FRONTIERE DELLA SCIENZA

testo di Giancarlo Santalmassi*

Dopo le polemiche e l’impegno di grandi studiosi come Roberto Burioni a favore della corretta immunizzazione (andata a buon fine, visti i dati dell’Istituto superiore di Sanità: obiettivo raggiunto con coperture sopra il 95%), alcuni esponenti della medicina e della scienza hanno deciso di mettere nel mirino le fake news, le panzane nel delicato campo della corretta alimentazione. Se ne parla al “secondo congresso nazionale di medicina e pseudoscienza”, dal 6 all’8 aprile a Roma, con il direttore dell’Istituto Mario Negri Silvio Garattini, il direttore del Dipartimento Scienze Umane del Cnr Gilberto Corbellini, il luminare della gastroenterologia Giorgio Dobrilla, presidente del Congresso, ma anche divulgatori come Piero Angela o il chimico Luigi Garlaschelli. Tutti in prima linea per spazzare via pregiudizi, mode, cattiva informazione, insomma tutta la pseudoscienza che gira attorno al cibo.

fake-newsE intanto a cercare di mettere un freno alle fake news ci stanno provando in tanti, anche le istituzioni, come l’Istituto Superiore di Sanità che all’argomento ha dedicato un’intera sezione sul portale, nato da poche settimane, ISSalute.it. Molti gli esempi di falsi che la scienza cerca di smontare: “I cibi senza glutine sono più salutari”, “se hai bisogno di ferro mangia tanti spinaci”, “l’ananas fa dimagrire”, “lo zucchero di canna fa meno male”. La regina delle bufale sull’alimentazione è che lo zucchero di canna sia meno nocivo di quello bianco: “il processo industriale al quale viene sottoposto lo zucchero per diventare bianco non danneggia il prodotto, estraendo solo il saccarosio dalle impurità presenti nella melassa”, scrivono gli esperti dell’Iss. Che la pasta faccia ingrassare e l’ananas dimagrire è una falsa verità che si tramanda da generazioni, mentre in realtà “non esistono alimenti buoni ne’ cattivi: tutti vanno inseriti, nelle giuste proporzioni, nell’ambito di una dieta sana e varia”.

Quanto agli spinaci, nell’immaginario collettivo sono fonte di ferro, ma quello che contengono è molto meno assimilabile dal nostro organismo rispetto a quello della carne. Ma le fake news riguardano anche la salute in generale. È falso, ad esempio che non ci si debba preoccupare dell’obesità infantile perché passa con lo sviluppo. “Un bambino obeso – scrive l’Iss – ha un altissimo rischio di diventare un adulto obeso”. Così come è falso ritenere che il colesterolo sia solo una questione genetica e non alimentare. O, ancora, che i cibi grassi e il latte siano “un toccasana per la gastrite perché ‘foderano’ lo stomaco”. Ci sono poi i miti legati alla natura, come quello secondo il quale i cibi prodotti del contadino sono più sicuri e genuini degli altri. O quelli dettati da nuove mode, come l’idea che i cibi gluten-free siano più salutari. Bollino rosso anche qui. Utilizzare prodotti senza glutine per chi non ha problemi di celiachia “non solo è una scelta immotivata, ma anche controproducente”. Sono, infatti, “più calorici del corrispondente alimento contenente glutine”, “hanno un più alto indice glicemico”, “un minor effetto saziante” e “un minore contenuto di fibre, sali minerali e vitamine” (Ansa).

bussola-punto-fine-articolo

* Fonte: www.santalmassiaschienadritta.it, la radio scritta. Giancarlo Santalmassi di sé, preferisce ricordare da chi ha imparato il mestiere. I suoi direttori: dal 1969 Lamberto Sechi, che lo chiamò a collaborare al primo magazine italiano moderno da lui fondato e diretto: Panorama. Dal 1975 Andrea Barbato, direttore del TG2. Dal 1991 Angelo Guglielmi, direttore e inventore di un nuovo linguaggio televisivo: quello di Rai3. Dal 1994 Livio Zanetti, che lo chiamò a condirettore dei Gr della Rai. Nel 1999 Ernesto Auci, direttore del Sole24ore, lo chiama a collaborare alla fondazione di Radio24, dove conduce le trasmissioni Viva Voce (talk show politico) ed Hellzapoppin. Nella puntata del 22 marzo 2002 di Viva Voce, l’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga critica Antonio D’Amato, allora presidente della Confindustria. L’ “incidente” conclude la sua collaborazione alla radio. Nel 2004 per SKY (canale Planet) idea e conduce due programmi: Inside e A schiena dritta. Nel 2005 Innocenzo Cipolletta diventa il nuovo presidente del gruppo editoriale di Confindustria. Pochi mesi dopo rientra da direttore a Radio24. Ne esce nel 2008. Oggi, è ‘caduto nella rete’.

A PROPOSITO

E in aiuto dei giornalisti inglesi

arriva un software per verificare

in tempo reale le dichiarazioni

dei politici, smascherando le ‘bufale’

“È come cercare di costruire un sistema immunitario”, dicono gli organizzatori.

“Sempre più informazioni sbagliate vengono diffuse

nel mondo e ciò che ci manca sono i mezzi per respingerle”

I giornalisti britannici potranno avvalersi di un software in grado di smascherare le fake news, le notizie senza fondamento. Il programma è stato messo a punto da Full Fact, organizzazione dedicata al fact-checking delle notizie, e consentirà di verificare in tempo reale la veridicità delle dichiarazioni rilasciate dai politici in televisione, sulla stampa e in Parlamento.

Stando al Guardian, il quotidiano inglese che ha testato il software, a partire da ottobre sarà diffusa una prima versione del sistema, chiamata dai suoi creatori il ‘bullshit detector’ (rivelatore di cavolate). La fase sperimentale riguarderà dapprima il Regno Unito, e successivamente il Sud America e l’Africa, dove Full Fact collabora con gli omologhi locali Chequeado e Africa Check.

Una prima versione del sistema usa un database con migliaia di controlli di veridicità fatti manualmente, ma le versioni future saranno in grado di accedere automaticamente a dati ufficiali.

fake-news

Mevan Babakar, project manager di Full Fact a Londra.

“È come cercare di costruire un sistema immunitario”, ha detto Mevan Babakar, project manager di Full Fact a Londra. “Sempre più informazioni sbagliate vengono diffuse nel mondo, e ciò che ci manca sono i mezzi per respingerle”.

Il programma è stato sviluppato dai ricercatori di Full Fact con 500 mila dollari di finanziamenti da fondazioni di beneficenza sostenute da due miliardari: l’imprenditore George Soros e il fondatore di eBay Pierre Morad Omidyar.

bussola-punto-fine-articolo

* Fonte: www.primaonline.it, 10.8.2017.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!