Aiuto, comincio ad avere
una brutta sensazione:
mi sento orfano di Europa

“Credevo di appartenere a una grande famiglia,
nobile e generosa: non capisco perché
adesso tutti vogliono andare a vivere da soli”
:
un grande giornalista illumina
con rara efficacia un sentimento diffuso

LA MEGLIO EUROPA

testo di Paolo Occhipinti* / Fuori Testata**

Da quando la Gran Bretagna ci ha lasciato, e la Le Pen minaccia di portarsi via la Francia, e anche il Belgio ci sta pensando e qui da noi Salvini vuole uscire anche lui, e forse anche i grillini, provo una strana sensazione. Come un senso di solitudine. Come una paura di rimanere orfano. Orfano di Europa. Non è una bella sensazione, perché va ad accrescere il livello d’ansia fisiologico, già sopra la norma.

Per l’Europa, da ragazzo, ho fatto uno dei due scioperi della mia vita. L’altro, mi vergogno un po’ per quanto è antico, è stato per Trieste italiana. È che io all’Europa mi sono affezionato. In Europa mi sento a casa mia, anche nei paesi che parlano una lingua incomprensibile, ma dove se dico che sono italiano, mi guardano come un amico. E sono fiero che il mio Paese sia stato tra i pochi che ci hanno creduto fin dall’inizio, e mi viene di vantarmi che siamo stati noi i primi a mettere in piedi questa grande famiglia. Sì, avete capito bene: famiglia. Dove ogni tanto si litiga, perché qualcuno dei grandi, o dei piccoli, si sente sottovalutato, o maltrattato, ma comunque è una famiglia civile, dove non si arriva mai a menare le mani.

coypel-rapimento-europa

“Il rapimento d’Europa”, opera ammirabile nel Museo di Filadelfia. È firmata
dal pittore francese Noël-Nicolas Coypel (Parigi, 1690 – 1734).

Non ci sono guerre in Europa: dal 1945 a oggi, fanno quasi settantacinque anni di pace. Sembra niente, ma da Gesù Cristo in poi non era mai successo. E nel resto del mondo non è così, ci si ammazza anche per futili motivi. Adesso tutta questa voglia di lasciare la famiglia e di tornare single io non la capisco e mi fa paura. So poco di economia, ma credo basti il buonsenso per avere paura. Tanto per cominciare, chi va a vivere da solo dovrebbe essere certo di riuscire a mantenersi. I tedeschi sarebbero tra i pochi a cavarsela, ma noi? Abbiamo debiti fino al collo, una cifra che se la scriviamo in lire non basta una pagina di giornale. Finora sono confluiti nel conto di famiglia e gli altri si sono mostrati comprensivi. Ma se la famiglia si sfascia rischiamo grosso. I parenti di oggi possono diventare strozzini, e ridurci in mutande. E poi, a pensarci bene, non è solo una questione di soldi.

C’è una ricchezza più grande

che accomuna i nostri cinquecento milioni

di famigliari: è quel patrimonio

spirituale e morale cui fa esplicito riferimento

la carta dei diritti dell’Unione:

il rispetto della cultura e delle tradizioni dei popoli, la garanzia della libertà di pensiero, di coscienza e di religione, di espressione, la libertà di circolare e soggiornare liberamente in una grande terra che va dal Mediterraneo al Circolo polare, il divieto di qualsiasi discriminazione, l’esclusione della pena di morte e il divieto di estradizione verso i Paesi che la praticano, e infine quel diritto d’asilo che sembra essere diventato un tarlo disgregatore e invece è un punto di forza e di superiorità sulla povertà e sulla barbarie.

Sì, perché tutti i grandi paesi, a cominciare dagli Stati Uniti che ora fanno muro contro la presunta invasione messicana, sono diventati grandi grazie all’apporto degli emigranti, asiatici, o europei, o sudamericani. E perfino la perfida Inghilterra sarebbe più povera, e probabilmente più stupida, se i suoi purosangue non si fossero mescolati con la plebaglia proveniente dalle colonie. Londra, che ha votato no alla Brexit, ha un sindaco pakistano; la Francia ha avuto per anni un primo ministro di nascita e di nome ungherese, sposato con un’italiana. La Germania s’è trovata una primadonna all’est, al di là di quella che fino a pochi anni fa si chiamava cortina di ferro. In Spagna il re si è trovato la regina in Grecia.

Possibile che vogliamo rinunciare a questo meraviglioso fritto misto per tornare al Medio Evo?

bussola-punto-fine-articolo

* Fonte: Paolo Occhipinti, giornalista, ex direttore editoriale di Rcs, ex direttore storico del settimanale Oggi. Dopo la pensione, dedica le sue energie creative come direttore del periodico online **FuoriTestata (fuoritestata.it), edito dalla Fondazione Lighea, che si occupa della cura e del reinserimento sociale di persone con disagio psichico e fornisce assistenza psicologica ai pazienti e alle loro famiglie. Il modello di intervento è il risultato dell’esperienza maturata negli anni dal dottor Giampietro Savuto, psicologo e psicoterapeuta, insieme alla sua équipe. Contatto: corso Garibaldi 18, 20121 Milano. Tel. 02.72001549. Mail: [email protected]A questo link un’altra riflessione, su Giannella Channel, di Paolo Occhipinti sull’Europa.

IL BELLO DELLA MEMORIA/ QUANDO LO INCONTRAI PER “SETTE” - CORRIERE DELLA SERA

Nell’Olimpo di Paolo Occhipinti

posto d’onore per Montanelli

colloquio a cura di Salvatore Giannella*

paolo-occhipinti-ritratto

Paolo Occhipinti (Milano, 1939). Ha esordito come cantante con lo pseudonimo di John Foster. Grande successo: Amore scusami (1964). Poi ha cominciato la carriera giornalistica. Ha diretto Oggi per ben 26 anni. (CREDIT Giacomo Giannella / Streamcolors)

GIANNELLA. Caro Paolo, porto nella mia mente molte parole dei tuoi editoriali in 26 anni di direzione del settimanale Oggi. Per esempio, quando nel 1997 nacque la pecora Dolly per clonazione, ti lanciasti in una proposta scherzosa che coinvolgeva un tuo illustre collaboratore: “Io proporrei di clonare Indro Montanelli. Potrebbe essere un vantaggio per il giornalismo italiano”.

OCCHIPINTI. “Lo penso ancora oggi. Al nostro mestiere, e all’Italia, manca un maestro come Montanelli, con la straordinaria lucidità dei suoi giudizi, la sorprendente lungimiranza delle sue diagnosi, la sapienza dei suoi dubbi, più illuminanti di tante becere certezze”.

Riappropriamoci di alcuni suoi insegnamenti.

“Primo comandamento: ognuno faccia il suo mestiere. Non si chieda ai giornalisti di fare i politici, e ai politici di fare i giornalisti, così come non si chieda a un inesperto di comunicazione di fare un piano marketing per conquistare le folle o a un pensatore di fare l’esperto di finanza. A proposito di pensatori e soldi, l’unica volta in cui ho litigato con Indro, nei suoi quasi trent’anni di rapporto che ha avuto con i lettori di Oggi, fu quando dovetti convincerlo ad accettare un compenso per la sua rubrica”.

indro-montanelli-ritratto

Indro Alessandro Raffaello Schizogene Montanelli (Fucecchio, 22 aprile 1909 – Milano, 22 luglio 2001). Il giorno della sua nascita coincide con quello della venuta al mondo di un’altra grande italiana da esportazione: Rita Levi Montalcini. (CREDIT Giacomo Giannella / Streamcolors)

Avanti con un’altra sua lezione utile.

“Me l’ha data nei suoi ultimi anni di vita: lui rivendicava il diritto di cambiare idea. Che è diverso dal cambiare casacca, sport in cui eccellono molti italiani. Lui cambiava idea ma ti dimostrava sempre perché aveva cambiato idea, ti dava una spiegazione razionale. Ha cambiato idea politica per tutta la vita, è passato dalla monarchia alla repubblica, dalla destra e dall’anticomunismo alla socialdemocrazia, poi è tornato alla Dc ma turandosi il naso… “.

Insomma neuroni severi e flessibili.

“Esatto. La stessa cosa valeva per gli uomini. Poteva giudicare positivamente un uomo e dopo qualche anno dire ‘quest’uomo mi ha deluso’ e spiegare perché l’aveva deluso. Non voglio presumere quali cambiamenti avrebbe fatto negli ultimi anni, però mi immagino che si sarebbe quasi innamorato politicamente di un uomo come Mario Monti ma che poi sarebbe rimasto deluso quando è sceso nell’agone politico… Sarebbe stato affascinato, lui anarchico libertario, da Grillo ma poi sarebbe rimasto deluso trovandolo poco propositivo e poco libertario. Quanto al suo corregionale Renzi, lo avrebbe visto con invidia ma anche con sospetto”.

Altre sue qualità da riscoprire?

“Non aver paura di schierarsi con i perdenti. E avere il grande dono che io raccomando a tutti, non solo quando si scrive ma anche quando si parla: il dono della concisione, l’essere essenziali e chiari. I suoi editoriali sul Corriere della Sera non giravano mai nelle pagine interne”.

bussola-punto-fine-articolo

Fonte: da “Sette”, n. 6/2014. Lo storico magazine del Corriere della Sera allora diretto da Pierluigi Vercesi.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!