“L’Italia è un’eccellenza mondiale”,
parola di Silvia Vianello da Dubai.
E agli italiani dice: ricominciate a sognare!

“Non esistono solo cervelli in fuga. Si va via
anche per allargare i propri orizzonti, per avere
nuovi stimoli e potenzialità di investimento”

Storia e idee innovative di una ex conduttrice di Sky
docente e consulente strategico in marketing digitale,
riconosciuta tra le 100 donne più esperte del mondo
digitale impegnata a creare “cittadini globali”

ITALICI | GENTE NON COMUNE

testo di Martina Fragale / Buone Notizie.it*

Già nella Forbes Top 100 Italian Women 2018, la vincitrice del Premio “Top Middle East Women Leader” è italiana e vive a Dubai, ma attenzione: Silvia Vianello non è affatto un cervello in fuga, come sottolinea lei stessa più volte. Le narrazioni sono fatte di filtri e un filtro è anche un luogo comune, ma dietro a ogni luogo comune c’è una storia. Silvia, riconosciuta tra le 100 donne più esperte del mondo digitale con oltre 100mila follower su LinkedIn ed ex conduttrice di un programma del network di Sky, mi racconta la sua, nel corso di una lunga telefonata intercontinentale.

“Sono nomade da tanto tempo. Prima di Dubai, ho vissuto a Parigi, a Houston e a New York. In Italia torno comunque più o meno due volte al mese per dare un contributo raccontando cosa facciamo qui a Dubai. L’Italia rimane sempre il mio paese del cuore”.

Docente e consulente strategico in marketing digitale, Silvia oggi dirige l’Innovation Center SPJain School of Global Management di Dubai. Il settore dell’innovazione, qui, va per la maggiore. La cosa che mi colpisce, di primo acchito, è il fatto che si tratti di un ambito principalmente maschile. Quando le chiedo se la cosa le abbia creato qualche difficoltà, Silvia mi dice di no. Tutt’altro, anzi. “Per i tanti uomini che lavorano in quest’ambito è così inusuale avere a che fare con una donna che in genere quando ne trovano una che magari ne sa addirittura più di loro, finiscono per appassionarsi. Anche sui palchi, durante i convegni, il fatto di essere donna in fondo ha sempre giocato a mio favore: spezza la monotonia. Certo, in altri settori le cose funzionano in modo diverso. Ho lavorato in Maserati come direttore marketing per 24 paesi e sì, posso dirti che il mondo dell’automotive – per una donna – è tutt’altro che semplice!”.

silvia-vianello

Silvia Vianello. Foto tratta dal suo profilo Instagram.

La verità è che la vita non è sempre una corsa a ostacoli. O meglio, gli ostacoli ci sono ma spesso e volentieri sono diversi da quelli conosciuti e tramandati dalla vulgata comune. Quando mi parla della sua esperienza all’estero, Silvia sottolinea più volte di non essere affatto scappata dal suo paese per mancanza di opportunità. “In Italia avevo non uno, ma tre lavori più che gratificanti: insegnavo in Bocconi, avevo una società di consulenza e tenevo un programma televisivo. Idem per quanto riguarda tanti italiani che oggi vivono a Dubai: non ce n’è uno che in Italia non avesse un lavoro ben pagato. La verità è che spesso ci si trasferisce all’estero per motivi diversi. Non esistono solo cervelli in fuga. Si va via anche per allargare i propri orizzonti, per avere nuovi stimoli e potenzialità di investimento. O per vivere una vita più semplice, in termini di tassazione per esempio. Per quanto riguarda il mio settore posso dirti che in Europa si parla molto di innovazione ma la si fa poco. A Dubai funziona esattamente al contrario”.

Sul tema, si potrebbe aprire un capitolo infinito. La percezione comune – quando si parla di migrazioni – tende a essere limitata e a non considerare (o a sminuire) quel corposo fenomeno che è difficile classificare ma che di fatto è sempre esistito. Si emigra anche per libera scelta, non solo per necessità.

Ciò che è certo è che da lontano si acquisisce uno sguardo nuovo, un colpo d’occhio diverso sul proprio punto di partenza. Quando le chiedo come veda l’Italia a distanza Silvia mi risponde facendo riferimento soprattutto a barriere mentali e ad alcuni, consolidati luoghi comuni. “In Italia ho riscontrato spesso una forte resistenza al cambiamento. Basti pensare alla paura nei confronti della tecnologia, al timore che le innovazioni in questo campo possano rubarci posti di lavoro. La verità è molto diversa: le innovazioni tecnologiche non fanno che renderci più liberi, per esempio sollevandoci da attività che possono essere svolte dalle macchine, o garantendoci maggiore sicurezza. In linea di massima, per ogni lavoro sostituito da una macchina ci sono almeno tre nuovi lavori che nascono. Le rivoluzioni industriali sono una costante, non una novità e negli anni non hanno certo ucciso il mondo del lavoro. Lo hanno piuttosto cambiato”. Cosa, peraltro, ampiamente suffragata dai dati di uno studio di Deloitte pubblicato sul Guardian qualche anno fa.

Mappa di Dubai

The World Factbook fornisce, a cura della Central Intelligence Agency statunitense, informazioni sulla storia, sulle popolazioni, sulla società, sui governi, su economia, energia, geografia, comunicazioni, trasporti, difesa di 267 Stati del mondo.

Silvia oggi si impegna a dare alle persone strumenti utili, che le aiutino a cavalcare l’onda sullo sfondo di un mondo del lavoro in costante cambiamento. Sui suoi social tiene consulenze gratuite. Tra una domanda e l’altra, l’idea che mi trasmette, è che trasferire esperienze e conoscenze, per lei sia una mission.

Ne approfitto per chiederle cosa serva oggi, al di là della pura e semplice disponibilità a cambiare. “Quello che ci impegniamo a fare, qui all’Innovation Center, è creare global citizen: cittadini globali. Quella è la chiave di tutto. Quello che serve è un radicale cambiamento di mentalità. Da noi, per esempio, non ti limiti a fare un master in un’unica città. Puoi fare 4 mesi a rotazione in ognuno dei nostri campus, tra Dubai, Singapore e Sidney con la possibilità di assimilare quello che è un vero e proprio mix di culture. C’è poi una seconda alternativa, per chi preferisce rimanere in loco: si tratta un’opzione online, percorribile grazie ad aule virtuali ad altissima tecnologia. Ti ho fatto questo esempio per darti un’idea del tipo di mentalità a cui alludo. Il cambiamento che serve va in buona parte in questa direzione”.

E agli Italiani, cosa consiglia in questo momento? “Di tornare a sognare. Sì, davvero: sognate, ricominciate a farlo perché l’Italia è un’eccellenza mondiale. Non dobbiamo mai dimenticarlo”.

bussola-punto-fine-articolo

Buone notizie.it è una rivista digitale, fondata e diretta da Silvio Maltolti, registrata presso il Tribunale di Monza n.1787 del 23/2/2005. Riporta solo buone nuove.

A PROPOSITO

Voci da Dubai, come vivono gli italiani

negli Emirati Arabi Uniti?

“Bene, grandi opportunità di lavoro e di vita”

Emiliano Durante

Emiliano Durante.

Emiliano Durante, 35 anni, è un altro giovane emigrato negli Emirati Arabi Uniti: “Sono nato a Roma, sono un ingegnere gestionale laureato all’Università La Sapienza che lavora a Dubai per la società Sidel, come Project Manager. Mi sono trasferito negli Emirati Arabi ad aprile del 2011, quando sono stato assunto dalla Saipem per lavorare su un progetto ad Abu Dhabi. Per me era la prima volta in Asia, e devo dire che l’impatto culturale è stato forte ma decisamente positivo, tant’è che poi nel 2013 ho deciso di cambiare lavoro e mi sono proprio trasferito a Dubai (più a nord di Abu Dhabi di 130 km). In precedenza avevo vissuto solamente in Spagna durante l’Erasmus, ma ovviamente la Spagna è molto più simile all’Italia di quanto non lo siano gli Emirati Arabi Uniti.

Devo ammettere che mi trovo molto bene e, a meno di grossi cambiamenti lavorativi, il mio futuro è qui almeno per i prossimi 5-10 anni! Ovviamente Dubai, come tutte le città, ha degli aspetti più o meno positivi, anche se posso dire che questi sono maggiori rispetto all’Italia. Innanzitutto la sicurezza: a Dubai nessuno ti disturba e il crimine è quasi pari a zero. Ricordo che una volta (era il primo mese) sono andato a cena e ho dimenticato il portafoglio nel taxi… dopo 10 minuti il tassista me lo ha riportato! Inoltre questo è un posto di grande tolleranza, considerando che vivono in perfetta armonia più di 100 nazionalità. Ci sono degli aspetti negativi, certo.

Tra questi vi è il grande divario di condizioni economiche fra chi ha un lavoro da ufficio e chi lavora in cantiere o per strada. Gli stipendi sono comunque molto più alti rispetto all’Italia, ma anche il costo della vita lo è. Ad esempio per l’affitto di un bilocale in zona residenziale intorno si spendono circa 18 mila euro l’anno, mentre per andare fuori e mangiare due pizze si spendono almeno 50 euro.

Usanze locali particolari? Sì, ce ne sono. Io ad esempio trovo divertente che gli emiratini guidino senza scarpe e, per quanto riguarda gli indiani che qui sono la maggioranza degli espatriati, trovo buffa la loro gestualità nel dire “sì” con la testa: la ondeggiano fra le spalle (anziché in avanti come noi) e questo all’inizio mi creò non pochi problemi, specialmente durante le prime riunioni di lavoro quando non capivo mai la risposta! L’Italia? Beh, ci torno spesso per lavoro e anche per le ferie. Come turista lo trovo in assoluto il Paese più bello del mondo, e ovviamente mi mancano gli affetti e il cibo (anche se qui a Dubai ci sono eccellenti ristoranti italiani); però preferisco rimanere negli Emirati per le opportunità lavorative e per la possibilità di vivere non un ambiente multiculturale”. (fonte: Veronica Crocitti, blog di viaggi www.scorcidimondo.it)

Italiani a Dubai
Italiani a Dubai
Italiani a Dubai
Italiani a Dubai
Italiani a Dubai
Italiani a Dubai
Italiani a Dubai

Alessandro Fatulli, manager della ristorazione.

Italiani a Dubai

Fabrizio, 33 anni, milanese, agente immobiliare.

Italiani a Dubai

Marta, trentenne vicentina che produce borse.

Italiani a Dubai

Il ristorante italiano Robertos.

Italiani a Dubai

Agua, broker al mercato dell’oro.

Italiani a Dubai

Lorenza, 42 anni, originaria di Bolzano, organizzatrice di tour turistici su misura.

A questo link la pagina del gruppo Facebook Italiani a Dubai.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!