QUANDO GIANNI BISIACH INCONTRO' PER PRIMO I FAVOLOSI BEATLES (E A ME PARLO', PER L’ITALIA, DELLA SOBRIETA’ DI PERTINI DA RISCOPRIRE)

IL TEMPO DELLA STORIA / LA MEMORIA ATTUALE

testo di Salvatore Giannella* -
Ritratti digitale di Giacomo Giannella/Streamcolors

I

miei nipoti amano ascoltare musica e anche suonarla. Ogni tanto piace pensare che un giorno, in un futuro non lontano, possano esibirsi in un complesso. Per questo ho pensato di mostrare loro un documento storico, dimenticato dagli italiani: la prima intervista ai favolosi Beatles. La firmò, per il magazine di approfondimento TV7 (cui ebbi l’onore di collaborare) di quel bravissimo giornalista e volto storico della Rai che è stato Gianni Bisiach, il Piero Angela della storia, scomparso il 22 novembre scorso a 95 anni. Molti ricorderanno il suo micro-programma quotidiano “Un minuto di storia”, realizzato per il TG1 per tredici anni, circa 4.000 puntate dal 2001 al 2013, in cui ha raccontato con efficace sintesi ogni giorno dell’anno un evento indimenticabile accaduto proprio in quella data (LINK: https://archivio.quirinale.it/aspr/gianni-bisiach/trasmissioni/un-minuto-di-storia). Ma Bisiach è stato anche autore di importanti inchieste e bene ha fatto RaiPlay a mettere in rete un documentario in cui lui ripercorre la sua carriera di divulgatore storico: qui il link https://www.raiplay.it/video/2018/01/Speciali-storia-Gianni-Bisiach-io-testimone-oculare-db53c07e-0790-4c4a-be4e-dba882dfa248.html.

Da questo documentario ho tratto, appunto, gli scarsi due minuti in cui Bisiach incontrò i quattro ventenni inglesi destinati a una favolosa carriera: i Beatles.

A Bisiach devo una bella amicizia e una lunga intervista (rilasciatami nel giugno del 2015 per la rubrica Il mio eroe, che curavo per Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera) che, nel suo brano centrale (la necessità di riscoprire grandi personalità come Sandro Pertini) è utile rileggere nei nostri tempi difficili.

Gianni Bisiach (Gorizia 1927 – Roma, 2022). E’ stato uno dei protagonisti della storia del giornalismo italiano del secondo Novecento che ha dato molto alla RAI. In apertura di testo: Sandro Pertini (1896 - 1990).

GIANNELLA: Caro Bisiach, vedo che la tua agenda è piena di impegni, come docente per i fotoreporter o alla scuola ufficiali dei carabinieri.

BISIACH: «Noi giornalisti siamo come fiori che hanno bisogno continuamente di acqua. Adesso sono concentrato sul Novecento: lavoro a un programma sulle due guerre mondiali, guerre dove l’Italia avrebbe fatto bene a non entrare».

Del Novecento qual è il personaggio che eleggi a tuo eroe?

«Scelgo Sandro Pertini, per la sua personalità straordinaria che era frutto di vari fattori virtuosi: l’onestà, il rigore, la dignità, l’affetto da socialista verso la classe lavoratrice, l’amore incondizionato per la libertà e la giustizia sociale. E l’aver scritto la sua biografa mi ha fatto conoscere suoi aspetti privati, anche dolorosi. Per esempio, lui aveva due fratelli, uno (Pippo) era un fascista e fra loro c’era scontro. Quando Sandro fu condannato all’ergastolo dal tribunale speciale, Pippo si sentì un po’ colpevole di quella ingiusta condanna, e morì di crepacuore. E quando la madre chiese a Mussolini la grazia per lui: “Io ti considero morta per ciò che hai fatto“, le scrisse».

Quali i minuti più memorabili da te vissuti con Pertini?

«Era il 7 luglio 1978, io lo stavo intervistando per la Rai, da pochi giorni Giovanni Leone s’era dimesso da capo dello Stato. Ero nella stanza di Pertini e lui stava partendo per la seconda casa, a Nizza. La moglie, Carla Voltolina, l’aveva preceduto. In quel momento una delegazione dei partiti politici lo fermò: “Guarda, sei il nostro candidato al Quirinale“. Lui: “Io faccio il presidente solo se mi votano tutti“. Ebbe 832 voti su 995. Ero nella sua stanza, quando arrivò il voto decisivo che lo faceva nuovo inquilino del Quirinale. Lui mi disse: “Telefona a Carla e dille di tornare a Roma“. La risposta di Carla fu: “Digli che se accetta, io lo lascio“».

Carla Voltolina (Torino 1921 – Roma 2005), giornalista e partigiana. Sposò Sandro Pertini l’8 giugno 1946. Le sue ceneri furono sepolte a fianco della tomba del marito, nel cimitero di Stella (Savona).

Come finì?

«Tornai da Pertini e gli dissi: “Guarda che Carla ti lascia“. E lui: “Perbacco, non mi può fare questo ricatto. Torni subito e non dica più queste fesserie“. Allora ripresi il telefono e aggiornai Carla. Lei replicò: “Ma tu che c’entri?“. Poi lei rientrò e non lasciò mai il suo Sandro. Però non andò mai al Quirinale, in quegli anni (1978-1985) in cui suo marito fu capo dello Stato. Non lasciò mai la piccola casa che avevano in piazza della Fontana di Trevi, con conseguenze spesso imbarazzanti. Per esempio, una sera eravamo a cena dal medico, Alfredo Monaco, che aveva liberato Pertini dal carcere di Regina Coeli. Sandro era arrivato con la macchina del Quirinale, la moglie invece con il taxi. Lei non prendeva l’auto blu e solo a malincuore rientrarono a casa entrambi con la macchina del Quirinale. In tempi difficili riscoprire le grandi personalità come Pertini è utile».

Senza la bellezza e la poesia, il turismo declina e muore. Una lezione dal passato: Milano Marittima

  In Estremo Oriente mi arrivano notizie di una Pasqua di passione per un settore dell'economia che mi sta particolarmente a cuore: quello del turismo (a età inoltrata mi ero iscritto al master di perfezionamento di economia del turismo, condotto magistralmente...

Cesenatico: e traghettar è dolce
in questo porto canale

Arrivo a Cesenatico e mi capita di accompagnare una famiglia di turisti australiani a visitare eccellenze storiche e culturali sui due lati del porto canale leonardesco. Utili si rivelano, per noi come per centinaia di migliaia di turisti della Riviera romagnola, i...

L’altra faccia di Garibaldi, eroe del mondo agricolo che sognava un Risorgimento per l’Italia negli Stati Uniti d’Europa

Domenica 4 agosto Cesenatico si è svegliata al suono della banda per l'annuale Festa di Garibaldi. La storia breve e leggendaria dell'eroe dei Mille, in fuga da Roma verso Venezia, rappresenta dall'agosto 1849 un riferimento importante nella storia del borgo romagnolo...

Per un pugno di pepite: oggi un campionato del mondo di cercatori d’oro, ieri un emigrante italiano da Modena protagonista della corsa all’oro in Alaska

Per una settimana, dal 19 al 25 ottobre, i cercatori d'oro di 23 Paesi del mondo sono sbarcati a Mongrando (Biella), sulle sponde dell'Elvo, per la ricerca del metallo prezioso dal greto del fiume dove tra il II e il I secolo a. C. i Romani gestivano una delle più...

Cesenatico: la strada che indica Via Semprini

È cominciata così: due sedie fuori casa, il vento fresco del vicolo, il saluto dei passanti in bicicletta, le brevi soste di chiacchiere con i vicini di casa. E l'andare e venire di Anna Battistini che per molte sere e giorni in questi tredici anni di vita da vicolo...

Un primato tricolore nella porta d’Oriente,
una bussola dalle imprese dell’Emilia-Romagna

Ritorno da Hong Kong, porta d'Oriente da dove mia figlia Valentina ha ripreso a raccontare storie per i giornali italiani, con una buona notizia che mi ha dato la nuova e brava console italiana di là, la salentina Alessandra Schiavo, un pezzo dell'Italia che funziona...

Un libro intrigante
sui segreti di Fellini,
un Sos per la casa in Romagna
dove trascorreva estati felici

Mi arriva l'invito dalla Fondazione Cineteca di Milano per assistere, nella cornice dello Spazio Oberdan, alla presentazione del volume Segreti e bugie di Federico Fellini (Luigi Pellegrini editore) in presenza dell'autore, Gianfranco Angelucci, amico e collaboratore...

Domenico Ghetti, salvatore e divulgatore
dei frutti dimenticati delle Romagne

Domenico Ghetti rappresenta la terza generazione, mentre il figlio Stefano, maggiore collaboratore ed erede, rappresenta la quarta generazione, quella del futuro, e viene riconosciuto quale colonna portante dell'Azienda agricola di famiglia. Questa si trova nell'area...

La regina del Liberty
è a due passi
dal mare di Romagna

Alla vigilia della grande mostra “Liberty. Uno stile per l’Italia moderna”, in programma a Forlì nei Musei San Domenico (1° febbraio – 15 giugno) illuminiamo Villa Pompili che seduce ancora chi passa per viale Anita Garibaldi a Cesenatico con il suo cancello e le sue...