Il re del Belgio chiede scusa
al Congo “per le ferite inferte
durante il colonialismo”

Filippo, primogenito di Paola Ruffo di Calabria,
ha scritto parole coraggiose nel 60° anniversario
dell’indipendenza del Paese africano

IL TEMPO DELLA STORIA

testo di Lucio Labianca

 

Il primo a chiedere scusa è il più coraggioso. Il primo a perdonare è il più forte. Il primo a dimenticare è il più felice

repubblica-democratica-congo“Rammarico” per gli “atti di violenza” e le “sofferenze” inflitte al popolo del Congo durante il periodo della dominazione coloniale è stato espresso, in una lettera ufficiale, dal re del Belgio Filippo. Il documento è stato inviato a Felix Tshisekedi, il presidente della Repubblica Democratica del Congo, in occasione del 60° anniversario dell’indipendenza concessa dal Belgio al Paese africano.

Ha affermato re Filippo:

Vorrei esprimere il mio più profondo rammarico per queste ferite del passato, il dolore per le quali è oggi riacutizzato dalla discriminazione ancora presente nelle nostre società.

Il sovrano è diventato così il primo monarca in Belgio a esprimere dispiacere per ciò che accadde durante la dominazione coloniale. E il Belgio, Paese membro dell’Unione Europea, prende le distanze da uno dei più stravaganti e insieme feroci atti di tirannia dell’uomo bianco ai danni degli africani, avvenuto centocinquant’anni fa.

filippo-re-belgio

Filippo (Laeken, 1960) è salito al trono del Belgio il 21 luglio 2013. Filippo Leopoldo Luigi Maria di Sassonia-Coburgo-Gotha è il figlio primogenito di re Alberto II, a cui è succeduto dopo l’abdicazione di quest’ultimo per motivi di salute, e di Paola Ruffo di Calabria. Si è laureato nel 1985 con un Master of Arts in scienze politiche. Nel 1999 ha sposato la contessa Matilde d’Udekem d’Acoz, discendente di nobili famiglie polacche come i principi Sapieha e i conti Komorowski. Filippo e Matilde hanno quattro figli.

Félix Antoine Tshilombo Tshisekedi, presidente della Repubblica Democratica del Congo

Félix Antoine Tshilombo Tshisekedi (Kinshasa, 1963) è presidente della Repubblica Democratica del Congo dal 25 gennaio 2019.
Il 13 marzo 2019 ha firmato un decreto per la liberazione di 700 prigionieri.

Leopoldo II

Leopoldo II (Bruxelles 1835 – 1909).

L’occupazione del Congo cominciò attorno al 1880, al tempo di re Leopoldo II, bisnonno di Filippo e mai citato nella lettera di scuse. Leopoldo II regnò dal 1865 al 1909 e fu uno dei più spietati sovrani coloniali della storia. Si calcola che durante la sua dominazione furono uccisi circa 10 milioni di africani. “Un enorme pezzo d’Africa divenne proprietà personale (non statale, privata!) di un signore, Leopoldo II, che vantò presso la comunità internazionale – applauditissimo – il suo brillante fiuto di affarista, appropriandosi delle favolose risorse minerarie di una terra non sua ed esercitando il suo dominio sugli indigeni con una brutalità passata alla storia. Un ladro su vastissima scala, insomma, e però, nel mondo occidentale, un riverito sovrano con la barba bianca, che saluta i passanti dal suo piedistallo”, lo tratteggia Michele Serra su Repubblica.

Tre settimane fa una statua di Leopoldo II è stata data alle fiamme da manifestanti anti-razzisti nella città belga di Anversa.

bussola-punto-fine-articolo

leopoldo-II-statua-imbrattata

Una statua di Leopoldo II imbrattata e data alle fiamme da manifestanti anti-razzisti nella città belga di Anversa.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!