In morte di un commissario
in prima linea: Ninni Cassarà

Lunedì 6 agosto 2018 la polizia di Stato ha commemorato nella caserma “Boris Giuliano”,
sede della Squadra Mobile di Palermo, il commissario capo Beppe Montana
,
l’ex capo della Mobile Ninni Cassarà con il suo agente di scorta Roberto
Antiochia
, l’agente scelto Antonino Agostino e la moglie Ida Castelluccio.
Proseguendo nella serie dedicata ai poliziotti di luce, Ennio Di Francesco rievoca
l’ultimo giorno di vita di Ninni Cassarà, braccio operativo di Giovanni Falcone,
un personaggio scomodo che ha combattuto la mafia con i suoi metodi
innovativi, il suo coraggio, la sua integrità

POLIZIOTTI DI LUCE | IL TEMPO DELLA STORIA

testo di Ennio Di Francesco* per Giannella Channel

Antonino-cassara

Ninni Cassarà (Palermo, 7 maggio 1947 – 6 agosto 1985). È sepolto nel Cimitero di Sant’Orsola a Palermo.

Il sole si ferma alle 14,30 del 6 agosto 1985. Il Commissario Ninni Cassarà, 38 anni, capo della “Mobile” in una Palermo che in quegli anni sanguinosi somiglia più a Beirut, esce sull’Alfetta blindata, con i suoi agenti di scorta. Ha telefonato alla moglie: “Laura sto arrivando, un bacio ai bambini”. Non vede l’ora di abbracciare la terza figlia, nata da poco. L’auto sfreccia guardinga. Al fianco di Ninni c’è Roberto Antiochia tornato precipitosamente da Roma dove, da poco trasferito, avrebbe dovuto giorni prima sposarsi. Vuole essere a Palermo per proteggere “Ninni”, suo capo della Mobile.

Nove giorni prima la mafia ha ucciso, mentre era con la fidanzata nel comune di Santa Flavia, Beppe Montana, il commissario della “Catturandi” che si occupava della ricerca dei latitanti e che aveva confidato a un cronista di Repubblica:

A Palermo siamo poco più d’una decina a costituire un reale pericolo per la mafia. E i loro killer ci conoscono tutti. Siamo bersagli facili, purtroppo. E se i mafiosi decidono di ammazzarci possono farlo senza difficoltà.
Antonino-cassara

Ninni Cassarà, in cravatta, con il collega e amico Beppe Montana (con la sigaretta), il commissario a capo della “Catturandi”, ucciso nove giorni prima di Cassarà. (Credit www.cosavostra.it)

Ora Cassarà, collaboratore di Giovanni Falcone e del pool antimafia della Procura di Palermo, è in gravissimo pericolo. Arrivati nel cortile del condominio dove questi vive, in via Croce Rossa al civico 81, scendono guardandosi attorno! Uno sguardo verso l’alto. La moglie Laura è alla finestra con la piccola in braccio. Nell’ammezzato di fronte, la “nazionale omicida” formata da un killer per ogni cosca (nove uomini armati di fucile AK-47) implacabile aspetta. Trecento colpi di kalashnikov. Roberto muore subito, la mano protesa a difendere Ninni. Un altro agente, Natale Mondo, si salva riuscendo a ripararsi sotto l’auto (ma sarà ucciso anch’egli il 14 gennaio 1988).

Laura, la bimba in braccio, urla, grida disperata, piange, corre, bussa alle porte vicino. Nessuno risponde. Nessuno apre. “Ninni” agonizzante si trascina sui gradini, verso casa, lasciando dietro una lunga striscia di sangue. In un’ultima luce vede Laura, la bimba. Muore, in un estremo abbraccio di amore. Sirene lontane. Lei attende. Attorno nessuno ha visto niente. Buona giornata a tutti. Sappiate che “anche questo è stato”. Ciao “Ninni” amico, collega, maestro, che ti sentivi vivo in una Palermo piena di morti. Tuo, Ennio.

bussola-punto-fine-articolo

* Ennio Di Francesco, già ufficiale dei Carabinieri e funzionario della Polizia di Stato. Figlio di un Maresciallo di Carabinieri deceduto per infermità di servizio. Tra i promotori negli anni ’70 della riforma democratica di polizia che condusse alla legge 121/81. Autore di: Un Commissario con prefazioni di Norberto Bobbio, Gino Giugni, Marco Tullio Giordana, Giancarlo De Cataldo, Corrado Stajano e don Andrea Gallo; Radicalmentesbirro con quelle di Don Gallo e Marco Pannella; Frammenti di utopia, con quelle di Mario Calabresi e Marco Alessandrini; Il vate e lo sbirro. L’indagine segreta del commissario Giuseppe Dosi sul «volo dell’arcangelo». È un uomo dello Stato che ha avuto una vita difficile per la sua intransigente fedeltà alle istituzioni della Repubblica. Per approfondimenti: enniodifrancesco.it

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!