I 50 migliori aperitivi & cocktails a Milano

LE SOSTE GUSTOSE NELLA MILANO VERSO L’EXPO

Classifica di Roberto Angelino* per Giannella Channel

Guarda anche la classifica aggiornata a ottobre 2015, con nuove entrate

CLASSIFICA 2015-2016

Gioachino Rossini era un buongustaio. Diceva, tra l’altro: “Quello che è l’amore per l’anima, è l’aperitivo per il corpo. Lo stomaco è il maestro che dirige la grande orchestra delle nostre passioni. Mangiare, amare, cantare, digerire sono i quattro atti di quell’opera comica che è la vita”

(dal Corriere della Sera, maggio 1914)

Proseguendo nella nostra guida utile per soste gustose nella Milano dell’Expo 2015, ecco la scheda e i segreti dei bar e dei locali milanesi più di moda dove rilassarsi e bere bene sia prima che dopo la cena

Tra i migliori di Milano c’è di sicuro anche il frequentatissimo bar del Lacerba, il locale “futurista” di via Orti 4, che però abbiamo già incluso nel recente elenco dei migliori 50 ristoranti di pesce della città. E così è successo anche per qualche altro nome di riguardo, che potrete immaginare da soli, ma la regola di non mettere due volte lo stesso locale nelle classifiche redatte per Giannella Channel è ferrea e non ammette deroghe. Sorry.

max-paiella-manu-chao-elezione-presidente-repubblica La sezione “De Gustibus / Le nostre soste gustose nella capitale dell’Expo” si arricchisce, per gentile concessione di Renzo Arbore, di una colonna sonora d’eccezione: “A noi ci piace mangiare” (A nuje ce piace ‘e magna’) cantata dal popolarissimo showman con l’Orchestra Italiana. Grazie, Renzo, per queste note che avrebbero meritato di essere la colonna sonora di Expo. E auguri per il tuo seducente renzoarborechannel.tv (sg)

libro-guida-milano-50

Milano 50. La nuovissima guida 2015/2016 ai 350 locali imperdibili della città. Edizioni BookTime, Milano 2015, pp 236 di cui 40 a colori, € 16,00. È possibile ordinare copie del libro al prezzo speciale di euro 13,60 (spese di spedizione postale incluse) cadauno. È sufficiente inviare una mail a info@booktime.it. (I locali segnalati possono acquistare a un prezzo speciale copie del libro scrivendo a: info@booktime.it)

I 50 MIGLIORI APERITIVI & COCKTAILS A MILANO

  • 10 CORSO COMO CAFE
    Corso Como 10, tel. 02-29.01.35.81

    È insieme risto-bar, galleria d’arte, shop e il mini-albergo 3Rooms Hotel. Trendy, modaiolo e snob quanto basta, è amato da studenti universitari, stranieri e over 30. L’edificio, voluto 24 anni fa da Carla Sozzani, ex fashion editor, e progettato dall’artista americano Kris Ruhs, ha design moderno, arredi curati e una fascinosa caffetteria immersa nel verde di un cortile da casa di ringhiera, una delle migliori location meneghine anche solo per una pausa caffè, ma ideale (soprattutto all’aperto, in estate) per l’aperitivo o un romantico dopocena a lume di candela. Prezzi esagerati (un crodino 8 €) ma atmosfera magica. Dalle 11 a mezzanotte (sabato e domenica fino alle 2). Sempre aperto

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-alchimia

L’Alchimia, in via Brioschi 17.

  • ALCHIMIA
    Via Francesco Brioschi 17, tel. 02-83.56.412

    In un loft di oltre 400 metri quadri in zona Navigli sei anni fa una giovane coppia di fratelli, Christian e Valentina, ha aperto questo locale che è insieme american suite bar e steak&wine restaurant con carne argentina. Gli spazi sono dominati dal mogano scuro del bancone art decò (prelevato da uno storico locale di Chicago e rimontato a Milano) e divisi in tanti intimi salotti anni ’30, con oggetti di modernariato e divani in pelle. Alle 18 inizia l’aperitivo a buffet con cocktail bar (8 €). Al piano di sopra c’è una terrazza dov’è possibile fumare e che col freddo diventa un riscaldato giardino d’inverno. Durante i week-end un dj resident si occupa della musica, che diventa più incalzante nel dopocena, momento ideale per sorseggiare un Rocket Fuel, specialità della casa con vodka, tequila, rum bianco e tabasco. Dalle 18 alle 2 (domenica fino a mezzanotte). Chiuso lunedì

  • AL MERCATO TACO BAR
    Via Casale 5, tel. 02-36.76.73.28

    Nuova iniziativa, la 4ª a Milano, dei fondatori del format di Al Mercato, il duo Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni, che ha aperto sui Navigli nel luglio 2014 questo locale etnico-gourmet su 2 piani all’insegna della cucina dell’America Latina. Dove ci si rimpinza di tacos, quesadillas e burritos, ma soprattutto di birra messicana e cocktails da urlo (sono 8 in totale, costo medio 8 €). I più incredibili: Mohito Fidel (servito con una birra rovesciata dentro), Bloody Santana (un Bloody Mary condito con tequila e top di birra), Park Swizzle (lime, rum, zucchero grezzo, assenzio, l’aromatizzante alcolico Peychaud’s bitter, menta fresca) e Milanese (Martini rosso, china Martini, soda e menta). Dalle 19 alle 2 di notte (domenica fino a mezzanotte). Sempre aperto

  • AL PANINO ’900
    Via Savona 2, tel. 02-89.40.21.27

    Il locale è molto carino, un po’ liberty e un po’ retrò, arredato in modo semplice ma con tanti tocchi di gusto come le luci a grappolo d’uva. Max Bordin, il proprietario, è uno che ci sa fare ed è amatissimo dalle clienti. Tutti i venerdì dalle 18 alle 21 c’è l’Aperispritz: con 10 € si ha diritto al buffet e si può ordinare a volontà lo storico aperitivo veneto a base di Aperol & prosecco. Da mezzogiorno alle 2 di notte. Sempre aperto

  • ATM BOBINO
    Bastioni di Porta Volta 18/A angolo via Moscova, tel. 02-89.45.49.88

    Nato in una vecchia pensilina di una stazione degli autobus, è gestito dallo staff del Bobino sui Navigli, di Andrea Granata & soci, che l’ha ristrutturato e riaperto nel marzo 2012. Ha parecchi posti divisi tra la sala principale, arredata con tavoli, sedie e divani colorati e dove spicca un bancone giallo, e l’enorme terrazza di oltre 300 metri quadri, ricostruita in chiave eco-sostenibile, parzialmente coperta, con tavoli e divanetti chiari e un secondo bancone bar. Fino alle 22 aperitivo con cocktails e ricco buffet a 8 €, poi tanti drink originali, come il Moscow Mule (vino bianco, foglie di menta, cetriolo e lime), il Pit (vodka, pompelmo, menta e Aperol) o il Pepper Tom Collins (gin, lime, zucchero e pepe nero). Musica selezionata dai dj e serate a tema. Dalle 18 alle 2 di notte. Chiuso lunedì

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-10-corso-como

Il 10 Corso Como

  • B4BEFORE
    Via Atto Vannucci 1 angolo via Ripamonti, tel. 02-58.30.56.32

    In zona parco Ravizza, disposto su due piani ma non enorme, pareti a volta con mattoni a vista, finestroni e comodi divani in pelle. Ai muri grandi quadri di artisti emergenti che espongono le loro opere. In più, musica diffusa e piadine per spuntini da nottambuli. Prezzi ragionevoli. Happy hour con buffet (fino alle 21) a 7 €. Tra i cocktails la specialità è il Mojrto (mirto, soda, lime, menta e ghiaccio). Dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperti

  • BACHELITE CLAB
    Via Vertoiba 3, tel. 02-45.48.53.99

    Aperto nel 2013 dietro viale Umbria e frequentato da giovanissimi. È un po’ club e un po’ lab, nel senso di laboratorio. Il tutto condito da birra di produzione propria e buoni cocktails. Ogni settimana: martedì con birra chiara a 3 €, mercoledì jam session funk durante l’aperitivo (servito con tagliere misto, 6 €), giovedì karaoke night dalle 21 alle 2, venerdì grigliata autogestita (cotta direttamente al tavolo, su pietra ollare). E poi tanta musica dal vivo. Cocktails 6/7 €. Dalle 18.30 alle 3 di notte. Chiuso la domenica

  • BALADIN
    Via Solferino 56, tel. 02-65.97.758

    Locale firmato dal cuneese Teo Musso, pioniere delle birre artigianali, e aperto in società con Oscar Farinetti, quello di Eataly, e col rampante ligure Dario Amoretti, che si occupa della gestione e presiede la cucina (i tre possiedono anche la birro-enoteca Baladin Bibendum in via Castel Morrone angolo via Ristori 2). Al piano terra si bevono fiumi di buona birra: in lista, con altre 6 etichette artigianali italiane, spiccano ovviamente le padrone di casa Baladin, 8 alla spina e 19 in bottiglia: 3 di puro malto, 3 luppolate, 3 speziate (tra cui la Egizia con mirra e zenzero) e 7 speciali (anche quelle maderizzate e invecchiate in botti di rum o whisky scozzese). Nel cantinone al piano sotto cucinano piatti di qualità: 8 tipi di hamburger classici e 6 speciali, come il Londra (180 g di carne bovina piemontese La Granda, presidio Slow Food, con bacon croccante, uovo, cheddar cheese e maionese all’erba cipollina, a 12 €) o il Milano Ossburger, con ossobuco, crema di zafferano e gremolada, a 16 €). E anche 4 tipi di Fatatine (chips fritte al momento, al sale marino di Trapani o con altre aromizzazioni, a 4/5 €). Dalle 12 all’1 di notte (1.30 nei week-end). Sempre aperto

  • BAR BAMM
    Via Vicenza angolo viale Montenero 71, tel. 328-06.62.967

    L’ex Montenero Caffè è oggi un cocktail bar carico di personalità e creatività, con un design eco-friendly e lo stile urban che strizza l’occhio ai coffee bar berlinesi più alla moda. E ci sono anche i tavolini fuori, dove d’estate gustare birre artigianali, vini, grandi cocktails e taglieri con formaggi e salumi. Giovedì c’è “l’aperitivo ignorante”, con piatti come cassoeula o paella; venerdì l’aperitivo around the world con finger food e musica internazionale e sabato la serata universitaria. In questi tre giorni il locale va avanti fino all’1 di notte. Sempre aperto

  • BAR BASSO
    Via Plinio 39, tel. 02-29.40.05.80

    happy-hour-migliori-aperitivi-milano-bar-bassoAperto nel 1947 da Giuseppe Basso, è uno dei luoghi di culto per l’aperitivo dei milanesi doc. Nel ’67 fu rilevato da uno dei più famosi barman di Cortina d’Ampezzo, il veneziano Mirko Stocchetto, alla cui famiglia appartiene tuttora. Qui l’happy hour non sanno né vogliono nemmeno sapere cos’è, al banco si limitano a servire patatine, olive e noccioline. In compenso hanno parecchi altri meriti, come aver creato nel 1968 il Mangia e bevi (gelato crema e nocciola con un po’ di panna, liquori allo zabaione e cioccolato, cherry brandy e guarnizione di fragole) e aver servito per primi i drink dentro enormi bicchieroni. Ma quello che spingerebbe ogni amante del bere sofisticato a chiedere l’immediata istituzione di un Nobel per l’Arte Etilica è l’invenzione (da parte di un ispirato Mirko Stocchetto) del cocktail Rossini, con un terzo di frullato di fragole e due terzi di prosecco freddo, e soprattutto (nel ’68, da parte di uno sbadato barman neoassunto) del Negroni sbagliato, con lo spumante finito per errore al posto del gin. Al bancone i cocktails costano 8 €, ai tavolini 10 €. Dalle 9 all’1.15 di notte. Chiuso martedì

  • BAR METRO
    Via Dei Martinitt 3, tel. 02-43.52.71

    All’angolo con piazza De Angeli c’è da 40 anni l’incredibile bar del super collezionista Giorgio D’Ambrosio, un vero tempio mondiale del whisky, invidiato anche dagli scozzesi, con le bottiglie esposte dietro il banco e, le più preziose, stipate in un caveau sotterraneo che il proprietario fa visitare solo a chi gli sta simpatico. Lui in mezzo secolo ha raccolto 11 mila etichette, specie di whisky made in Scotland, ma anche irlandesi, svedesi, bretoni, americani, canadesi e giapponesi. Al bancone o nei pochi tavolini (ma d’estate c’è un bel dehors) un bicchiere costa dai 5 a 40 € in base al pregio della bottiglia. Il bar è aperto solo fino alle 21. Chiuso domenica

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-bfree

Il B:Free di Via Lecco, 22

  • B:FREE
    Via Lecco 22, tel. 02-36.70.79.71

    A Porta Venezia, all’angolo con via San Gregorio 2. È un ambiente moderno e sofisticato con comodi pouf e divanetti in ogni angolo, dove bere qualcosa di diverso dal solito. Le specialità sono due: i cocktails molecolari e quelli smoked (affumicati). I primi vengono creati con le tecniche di cucina molecolare dello chef spagnolo Ferran Adrià: con l’uso di sostanze dell’industria alimentare si destrutturano i drink tradizionali ottenendo cocktails con sfere, caviale, gelatine e spume, davvero insoliti per originalità e sapore. In lista ce ne sono 13, a 10/12 €, tra cui Cream Delight (con Baileys, liquore cacao, panna, sfere di kahlua e vaniglia), ImPEACHment (vodka, purea di pesca, vodka pesca, limone, sfere di vodka pesca), Molecular Spritz (prosecco, caviale e sfere di Aperol), Solid Negroni (gin, Campari, vermouth rosso, insalata di Negroni) e Hulk Secret (4 fiale con vodka, liquore cacao e caviale di menta). I cocktails affumicati, invece, prevedono la decantazione della miscela in una campana o in un’ampolla riempita col fumo di uno di questi legni: noce americana, quercia, ontano, ciliegia, castagno, melo, acero, mesquite e faggio. In lista ce ne sono 3: Old Fashion Smoked (con vodka o gin più Martini dry); Martini Smoked (bourbon, sugar, angostura, orange peal, maraschino e acqua) e Manhattan Smoked (bourbon whiskey, Martini dry, red Martini e angostura). Fino alle 21 servono ai tavoli l’aperitivo della casa, di qualità e preparato al momento. Dalle 18.30 alle 2 di notte. Chiuso lunedì

  • BLENDERINO
    Piazza XXV Aprile 14, tel. 02-63.47.12.48 e 338-60.88.884

    Dal 2012 a pochi metri da corso Como c’è la versione ridotta del Blender di piazzale Susa, ideale per una serata/nottata all’insegna del divertimento e di un buon drink senza spese folli. Dentro è un minuscolo monolocale psichedelico con le pareti tappezzate di bottiglie e luci al neon blu e viola, sul marciapiede qualche sgabellone con tavolinetto alto. È il regno dell’appassionato barman Gabriele Ongaro, che crea cocktails per tutti i gusti, alcolici e non. E per chi sentisse un languorino notturno ci sono buone varianti di hot dog e hamburger. Tra i cocktails (6/9 €) anche il Bloody Diverso, con zenzero, soia per arrosti, tequila e birra lager Poretti. In sottofondo musica rigorosamente italiana. Dalle 18.30 alle 3 del mattino (le 5 nei week-end!). Chiuso lunedì

  • BODEGA DEL TASCA
    Corso di Porta Ticinese 14, tel. 02-83.76.915

    Locale spagnolo vicino alle Colonne di San Lorenzo che fa il pienone specie al momento dell’aperitivo. In lista: 10 tapas di pesce (8/12 €), 8 di carne (8/12 €), 5 di salumi (7/15 €), 4 di prosciutto e formaggio (6 €) e 11 di verdura (2/6 €). E poi: il gazpacho (8 €), 6 insalate (5/10 €), montaditos (con pane tostato), polpette, salsicce, jamon serrano, acciughe, tonno e piatti del giorno. Anche servizio di take away. Da bere: i vini iberici del mese alla mescita (bicchiere 4 €, bottiglia 22 €), sangria (bicchiere 6 €, caraffa 20 €), birra media 5 €, soft drink 4 € e cocktails 8 €. Aperto dalle 12.30 (sabato dalle 18) fino all’1 di notte. Chiuso domenica

  • BODEGUITA DEL MEDIO
    Viale Col di Lana 3, tel. 02-89.40.05.60

    Dal 1981 a due passi dalla Darsena, è un locale pittoresco e folkloristico, con i muri ricoperti di firme e messaggi come nell’omonimo locale a L’Avana reso celebre da Ernest Hemingway. Musica cubana in sottofondo e d’estate pochi tavolini sullo stretto marciapiede. Happy hour fino alle 21: un cocktail più il buffet freddo con vaghi richiami caraibici viene 7 €. Del Mojito, simbolo del locale a Cuba, servono solo la ricetta classica. E c’è anche un altro cavallo di battaglia hemingwayano: il daiquiri Floridita, frullato col ghiaccio. Molto interessante la carta dei rum. Cocktails a 7/8 €. Dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • CAPETOWN
    Via Vigevano 3, tel. 02-89.40.30.53

    A un passo dalla Darsena c’è questo luogo storico per aperitivo e dopocena, frequentato per lo più da habitué e over 30, dove il bere è molto meglio del cibo. Bancone massiccio vicino all’ingresso, qualche tavolino all’interno e una fila di posti sul marciapiede. Happy hour (fino alle 21, a 5/6 €) con scarno buffet a base di pizzette, patatine, insalata di riso e affettati. Tra i cocktails (a 7 €) da segnalare Vodka sour allo zenzero e Moscow Mule con vodka e ginger ale. Dalle 7 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • CARLO E CAMILLA IN SEGHERIA
    Via Meda 24, tel. 02-83.73.963

    Locale nato dall’incontro tra Tanja Solci e Carlo Cracco. Il bar è il tempio di Filippo Sisti, talento che ha deliziato i palati più esigenti di New York, Londra e Parigi e che fa della sperimentazione una filosofia di lavoro rintracciabile in ogni dettaglio. Il suo metodo si basa su tecniche definite “cucina liquida”. La fase della miscelazione dei cocktails è innovativa e avviene con preparazioni come cotture in forno, in padella, mediante l’utilizzo del sottovuoto e dell’abbattitore. Grande spazio anche alle spezie: il risultato è una carta di drink inediti. Dalle 18 alle 2 di notte. Chiuso domenica

  • CERESIO 7
    Via Ceresio 7, tel. 02-31.03.92.21 (ma per il bar non accettano prenotazioni)

    Vicino al Monumentale, sul tetto dello storico palazzo dell’Enel, al 4° piano di un edificio anni ’30 in mano al gruppo di moda Dsquared² degli stilisti Dean e Dan Caten, gemelli canadesi figli di italiani (vero cognome: Catenacci), nel 2013 è nato questo scenografico ristorante e american bar con vista sulla nuova sky line meneghina. Dalle 18.30 alle 21 c’è l’aperitivo negli spazi dove poi si terrà il dopocena, nei due lounge interni (uno è la cigar room) e nelle due terrazze con piscina, accomodati ai tavoli o sui divanetti delle cabanas. Location al top ma prezzi esagerati: il drink servito con finger food costa 12/15 €. Dalle 12.30 all’1 di notte. Sempre aperto

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-circle

Il Circle di Via Stendhal, 36

  • CIRCLE
    Via Stendhal 36, tel. 02-42.29.37.45

    Questo lounge bar aperto nel 2009, con allestimento scenografico al primo piano di un ex capannone industriale tipico della zona Tortona, è l’ennesimo locale della pregiata ditta italo-argentina Fabio AcamporaSebastian Bernardez. In mezzo alla sala troneggia l’enorme bancone all’americana sovrastato da una miriade di lampadine. Meno bello l’esterno, direttamente sulla strada. Prezzi un po’ altini: happy hour (fino alle 21.30) con buffet multietnico, sushi incluso, a 10 €. La lista dei cocktails (10/12 €) è però varia e mai scontata. Martedì, mercoledì e venerdì musica con Ricky Leo, dj resident. Chiuso lunedì

  • DAVAI MILANO
    Largo La Foppa 5, tel. 02-84.57.11.25 e 333-62.05.284

    In zona Garibaldi, dove c’era il Capri hanno da poco inaugurato il primo locale della Russian Standard, vodka premium n.1 in Russia. Nell’idioma di Putin Davai ha un doppio significato: è molto simile all’inglese Let’s go!, un invito a divertirsi con gli amici, ma nel linguaggio dei ragazzi è anche l’espressione usata durante i brindisi. In questo salotto di design dai colori neutri il bartender Massimo Stronati propone più di 100 cocktails (8/12 €) tutti rigorosamente a base di vodka. In lista anche il Russian Tooth Paste, un cocktail della tradizione (americano Gancia, moskito e negrosky) trasformato in pasta alcolica alla menta con shot di vodka e scaglie di cioccolato, servito in un tubetto di dentifricio). Al menu si aggiungono ogni mese tre nuove ricette, create appositamente da un grande barman mondiale invitato a esibirsi per un giorno al bancone del Davai. All’aperitivo ogni drink è accompagnato da sfiziosità varie (chips all’inglese aromatizzate al pepe nero o alla paprika, verdurine in pinzimonio, focacce, formaggi, olive e cetriolini. O, a sorpresa, anche da caviale). Dalle 18 alle 2 di notte. Chiuso domenica, da ottobre ad aprile

  • DENNIS KD HOUSE
    Via Thaon Di Revel 3, tel. 345-84.55.627

    Questo (mono)locale carino di 40 metri quadri, con bancone e sgabelli, è la casa (of course) di Dennis Acquaviva, barman e proprietario rockabilly col ciuffo alla Elvis, tirato su a pane e rock’n’roll, molto affabile e che sa tutto su cocktails e cibi da strada made in Usa. Il suo american bar è affiliato all’attiguo KD Store, negozio per rider contemporanei (l’Isola è ormai diventato il primo “moto quartiere” d’Europa, con tanti store e locali dedicati ai patiti delle due ruote motorizzate, come per esempio il Deus Café). Cavalli di battaglia di Dennis sono il Long Island, il Moscow Mule, che lui prepara con la ginger beer della J.Gasco nata sulla base di una sua ricetta, e il Missy’s Kisses (bourbon, apricot brandy, premium ginger beer e lime spremuto), dedicato alla regina del burlesque Missy Malone. Ottimi anche gli hamburger, su tutti quello con cheddar cheese, avocado, tartare di cipolle rosse, salsa bbq e insalata. Dalle 11 all’1 di notte. Chiuso lunedì

  • DESEO
    Corso Sempione 2, tel. 02-31.51.64

    Davanti all’Arco della Pace, un lounge alla moda per aperitivi e dopocena, sempre affollato. Con arredo chic e di gusto (il bancone illuminato fa molta scena) e un bel dehors. Una curiosità: nel week-end nelle toilette è allestita un’area dolciumi con le caramelle: una buona idea specie per le donne, che tendono ad andare in bagno in gruppo. Apericena a 8 €, con pietanze calde che in realtà sono già fredde. Nota positiva (per i nicotina-dipendenti): a una certa ora il Deseo è l’unica rivendita di tabacchi aperta in zona. Nota negativa (per tutti): inspiegabilmente, dopo le 22.30 i prezzi, già alti, aumentano di 2 €. Per prenotare un tavolo bisogna essere almeno un gruppo di 10 persone. Dalle 8 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • EGO
    Alzaia Naviglio Pavese 2, tel. 02-39.81.11.00

    Nuovo localino con qualche tavolo anche all’esterno e grandi lavagne con le ricette dei cocktails. La lista, aggiornata ogni mese con continue creazioni, propone omaggi a drink e bar celebri del mondo ma anche cocktails ideati della proprietaria, la brava barmaid russa Katerina Logvinova (laureata in Economia), che prepara i suoi drink in bicchieri da collezione e usa vecchi 45 giri come sottobicchieri. Niente happy hour, ma stuzzichini di qualità (come guacamole e nachos al formaggio o insalata di fagioli borlotti, sedano e gamberi o una dadolata d’ananas con vinaigrette di lime, mezcal, sciroppo d’agave e prezzemolo). Specialità della casa: Spring Darty (tequila, mezcal, lime, sciroppo d’agave, fiori di karkadè, ginger beer e profumo di rosa), Apple delight (mezcal reposado, succo di mela biologico, sciroppo di salvia e zenzero) e Sharp Knees (dedicato a Margaret Thatcher, con whiskey, limone, pompelmo, zucchero alle foglie di lime kaffir e angostura bitter). Cocktails da 7 €. Dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • ELETTRAUTO CADORE
    Via Giacomo Pinaroli 7, tel. 02-55.19.17.81

    A un tiro di schioppo dalla Palazzina Liberty, dove fino a qualche anno fa c’era davvero l’officina di un elettrauto. Se l’happy hour (fino alle 21) non è nulla di che (alette di pollo, polpette e pizzettine), i cocktails (7 €) preparati da Luigi, barman e padrone di casa, sono rimarchevoli. Nella lunga lista: George Michael (vodka piccante, vodka alla vaniglia, sciroppo d’agave e lime), Apple Dream, Piccantini (vodka al peperoncino e vermut) e, oltre a quello normale con ghiaccio e Aperol o Campari, anche le versioni dello Spritz con Cynar (il Citz) e Select. Dalle 7 all’1 di notte. Sempre aperto

  • FORESTA WOODBAR
    Via Celestino IV 6, tel. 02-91.76.42.17

    Lounge bar dietro piazza Vetra, dal design evocativo dove legno, pietra e ferro cercano di ricreare la suggestione di trovarsi fra radici, rami e foglie di una magica foresta urbana. Nella prima sala, con ampie vetrate sulla strada, le lampade a sospensione ricordano dei nidi d’uccello mentre la parete ricurva e rivestita in legno simula un enorme tronco d’albero. La seconda sala è il Garden Box, uno spazio definito da vetro e legno che ricorda un giardino d’inverno. Famoso per l’aperitivo (happy hour dalle 18 alle 22) e il dopocena, propone drink dai sapori e dalle forme inusuali, come le sfere alcoliche e i gel decorativi. La specialità è il Vasia brulé (zucchero caramellato, ananas pestato, succo d’ananas, rhum, limone, lime, a 9 €). Dalle 12 alle 24 (giovedì, venerdì e sabato sino alle 2 di notte). Chiuso lunedì sera

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-nottingham-forest-1

Il Nottingham Forest di Viale Piave, 1

  • FRIZZI E LAZZI
    Via Evangelista Torricelli 5, tel. 02-83.78.228

    Con la sua insegna al neon rosa ha più l’aspetto di un semplice e ruspante bar di quartiere che non di un locale in zona Navigli. D’estate è il massimo, col suo cortile quadrato, vera e propria oasi all’interno di una casa di ringhiera rosa. Un luogo alla buona, ovvio, ma dove c’è sempre posto, anche se è pieno, con i tavolini stile sagra paesana che sbucano fuori all’occorrenza. Il locale aperto negli anni ’80, chiude tardi e mentre bevi (con 5 €) o mangi un panino portano in continuazione popcorn ancora caldi. Tra le birre c’è la Eku mentre il cocktail della casa è una specie di succo di frutta alcolico. Dalle 20 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • GINGER COCKTAIL LAB
    Via Ascanio Sforza 21, tel. 335-56.90.779

    A Porta Genova, con tre sale e un bel dehors esterno. Il buffet dell’happy hour non è eccessivamente vario: per 7 € si punta più sulla bontà che sulla quantità, con proposte anche vegane e fusion. Tra i cocktails del bar-chef Federico, vero alchimista alcolico, propone i classici internazionali rivisati, come l’Habanera e il Mojito alla mela e vaniglia, gli shot molecolari e poi tantissime creazioni mai banali, mixando ingredienti come basilico, anice stellato, zenzero, sigaro, muffin, cioccolato o peperoncino. Dalle 18.30 alle 3. Chiuso lunedì

  • GIN ROSA
    Galleria San Babila 4, tel. 02-79.48.02

    Uno dei pochi veri bar storici milanesi, con radici nella metà dell’800. È famoso per l’aperitivo che ha dato il nome al locale e che piaceva molto a Grace Kelly, la cui ricetta segreta ha più di 70 anni ed è stata registrata in esclusiva nel mondo. Nella rimodernata sala al piano di sotto c’è ora anche una enoteca con buona scelta di vini, champagne e distillati. Martini cocktail e Gin Rosa: 6/9 € al bancone. Dalle 7 alle 21-22. Chiuso domenica

  • GLOBE LOUNGE BAR
    Piazza 5 Giornate 1, tel. 02-55.18.19.69

    happy-hour-migliori-aperitivi-milano-globe-loungeAll’8° piano del Coin. È indispensabile prenotare, specie per un posto nell’ambita terrazza all’aperto. Aperitivo dalle 18.30 alle 21.30 con un buffet con ampia scelta tra affettati, tigelle, verdure, formaggi, torte salate, couscous, insalate d’orzo e di riso thailandese, pizze e focacce fatte in casa. Con un supplemento si può ordinare un assaggio di tartare di pesce crudo o un tris di ostriche. La lista conta 27 cocktails, tra cui: Oyster Martini (premium vodka/gin, Martini dry, con dentro un’ostrica), Martini teriyaki (vodka/gin, Martini dry, germogli di daikon, tonno rosso, salsa teriyaki, sake nebulizzato), Mango Martini (vodka/gin, purea di mango fresca, succo di limone) e Garibaldi (Campari e spremuta d’arancia). Per il dopocena: 45 coctails, 11 long drink analcolici, 10 birre in bottiglia e 6 alla spina, più una ventina di proposte di vino o champagne. Sabato e domenica fino all’1 di notte. Sempre aperto.

  • JAZZ CAFÈ
    Corso Sempione 8, tel. 02-33.60.40.39 e 02-39.43.86.60

    happy-hour-migliori-aperitivi-milano-jazz-cafeTanti spazi e atmosfera da jazz club. L’happy hour (dalle 19 alle 22; al banco 8 €, al tavolo 9 €) è uno dei più frequentati di Milano, con polpettine, crocchette di pollo, piatti caldi, affettati, focacce, sushi, polenta. Mercoledì serata brasiliana, con animazione e musica dal vivo. Tra i cocktails (tutti a 10 €): J-jazz (St. Germain, passion fruit pestato, lime, arancia, zucchero e ginger ale), Gimi-X Tonic (gin, pepe e cetriolo freschi, lime e acqua tonica) e Mojito Sakè. Dalle 8 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • LE TROTTOIR ALLA DARSENA
    Piazza XXIV Maggio 1, tel. 02-83.78.166 e 333-28.82.039

    Locale su 2 piani in uno dei due vecchi dazi di Porta Ticinese, è ormai da qualche anno la nuova sede dell’omonimo storico locale di corso Garibaldi fondato da Max Mannarelli e Michelle Vasseur (oggi lo gestisce loro figlio Milian) nel 1994 e chiuso nell’agosto 2003 dopo mille polemiche. Seduto ai tavolini del Trottoir il re del noir Andrea G. Pinketts ha scritto in questi anni tutti i suoi libri, scolandosi felice fiumi di birra. Musica dal vivo quasi tutte le sere e, all’esterno, confortevoli divanetti con cuscinoni nel pergolatino. Cocktails a 8 €: cavallo di battaglia del barman Sebastian è il Jamaica Julep, con fragole fresche, succo di lime, arancia, banana, menta, ghiaccio, rum jamaicano e crème de cassis. Dalle 15 alle 3 di notte. Sempre aperto

  • LIVING
    Piazza Sempione 2, tel. 02-33.10.08.24

    Questo mega lounge bar arredato in stile Anni ’40 e aperto nel 2003 al posto di un ufficio postale, durante la settimana ha clienti sui 35-40 anni, età che nel week-end scende a meno di 30. La posizione è fantastica, di fronte all’Arco della Pace, con divanetti e tavolini all’aperto anche d’inverno, vero punto di forza del Living. Che ha alte vetrate ad arco, poltroncine in pelle e sgabelli al bancone, rivestito con piccoli tasselli di corno di Birmania e, all’ora dell’aperitivo, stipato di cibo: l’happy hour (sino alle 21.30) ha un buffet non all’altezza dei drink ma comunque buono, con carpacci, salmone, pinzimonio e pollo al curry. Qui i cocktails li sanno fare, ma si pagano cari (9 €, 10 se serviti al tavolo). Responsabile del settore drinks è Sebastian Bernardez, proprietario del locale con Fabio Acampora. In lista c’è il Daiquiri nella versione classica ma anche quelli frozen alla fragola, pompelmo o maracuja. Dalle 8 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • MADISON
    Viale Sabotino 12, tel. 02-89.07.38.76 – 333-44.42.729 o 349-32.08.531

    A Porta Romana. Grande bancone, ampio soppalco, lounge di divani capitonnée e una zona esterna con tavolini e piante: aperto al posto del Twelve da un quartetto di giovani imprenditori classe 1986 amici da sempre (Alessandro, Edoardo, Luca e Michele), il locale propone ogni sera fino alle 21.30 l’happy hour con buffet a tema: mexican, oriental o italiano (calice di vino a 6,50 €, cocktail a 8/9 €; c’è anche un dj set). Tra le specialità alcoliche: Muchacha Caliente (pomodoro, sale, pepe, succo di limone, tequila, salsa worcester, tabasco), Hugo (sciroppo ai fiori di sambuco e prosecco millesimato), Chinese Whispers (vodka, vodka al limone, zenzero, pompelmo fresco spremuto, lychees) e l’estivo Mojito Anguria (lime fresco, menta, ghiaccio a scaglie, vodka e succo d’anguria frullata). La domenica il secondo drink costa 5 €. Dalle 18 alle 2. Chiuso lunedì

  • MAG CAFÈ
    Ripa di Porta Ticinese 43, tel. 02-45.48.94.60 e 340-09.84.023

    Il classico caffè letterario d’antan (col menu dentro a un libro), un posticino ben frequentato con atmosfera retrò e arredi in legno dalle calde tonalità, nella zona più bohémienne della città, i Navigli. Niente aperitivo a buffet, ad accompagnare i drink solo un piattino con bruschette, formaggi, salumi e pane carasau sufficiente a placare i morsi della fame. Dietro al banco i due patron, l’italo-francese Flavio Angiolillo e Marco Russo, col loro valido team. Fra i cocktails (7/8 €): El Milanès (con whisky e zafferano), Melaba (con miele, cardamomo, assenzio, lime e vodka), Maio (gin al cetriolo, crema di fiori, basilico, limone e soda), Mag à porter (vodka, cacao bianco, crema di menta bianca, sciroppo di vaniglia, succo di lime, albume e polvere di cacao: shakerato per 20 secondi con ghiaccio) e il Gin tonic Arrabbiato. Dalle 7.30 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • MARC JACOBS CAFÉ
    Piazza del Carmine 6, tel. 02-87.80.59

    All’interno della boutique dello stilista newyorkese Marc Jacobs, direttore creativo di Louis Vuitton, dal 2010 questo café-concept store domina la zona pedonale della più bella piazza di Brera. Qui potete gustare ottimi drink sugli sgabelli davanti al bancone o nel dehors sotto due mega-tendoni, tra pouf blu mare e sedute realizzate dallo stesso Jacobs. Club sandwich e finger food per l’aperitivo. Prezzi un po’ alti ma la location vale. Tra i cocktails, lo Spice gimlet (gin, lime juice, lime cordial, curaçao, marmellata di mandarino, cardamomo e pepe bianco) a 12 €. Dalle 7.30 all’1 di notte. Sempre aperto

  • MARTINI BAR DOLCE & GABBANA
    Corso Venezia 15, tel. 02-76.01.11.54

    Accanto alla Boutique Uomo di D&G c’è un altro interessante connubio fra drinks e moda, un locale glamour dal design ricercato, con solo superfici nere lucide, dove l’unica nota di colore è un dragone rosso che spicca dal pavimento. Una decina di tavolini nel tranquillo patio del giardino interno. In lista 7 cocktails esclusivi (12/14 €), tra cui Milàn (Martini Rosso, Aperol, gin Bombay Sapphire e zafferano), Sicilian Blodymary (vodka Grey Goose, succo di pomodoro, limone, worcester sauce, peperoncino fresco, capperi, olive nere e basilico) e Black & Gold (gin Bombay Sapphire East, Martini Gold, mora, briciole d’oro). Dalle 7.30 all’1 di notte (domenica dalle 9 a mezzanotte) Sempre aperto

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-moscow-mule

Il Moscow Mule di Via Teodosio, 60

  • MOSCOW MULE BAR
    Via Teodosio 60, tel. 393-35.27.617

    In stile newyorkese, con birra Miller, buoni cocktails e un servizio veloce. Aperto a Città Studi nel 2013 ma con poltroncine anni ’50. La cosa più bella dell’arredamento è il grande bancone in legno e bronzo. Questo è un american bar nel vero senso della parola, quindi niente happy hour: ogni bevuta è accompagnata da stuzzichini di qualità (nachos piccanti, paninetti, olive e noccioline). Il barman-proprietario Alex propone in maniera perfetta il cocktail oggi più di moda a Milano (che dà nome al locale), con vodka, ginger beer, lime e zenzero, sia la radice che la polvere. Drink sui 5/10 €. Dalle 18 alle 2 di notte. Chiuso domenica e lunedì

  • NOTTINGHAM FOREST
    Viale Piave 1, tel. 02-79.83.11

    Quasi all’angolo con piazza Tricolore, dal 1970 questo locale molto piccolo fonde nell’arredamento stili orientali, caraibici e africani. il padrone di casa Dario Comini, il Leonardo da Vinci dei barman, crea cocktails “molecolari”, ma in un ambiente dai toni caldi e un po’ retrò. Dove si entra col contagocce (un avviso sul sito web intima: «Non si accettano prenotazioni né compagnie numerose: lo steward alla porta gestisce l’eventuale fila di attesa»). Dal 2009 c’è un nuovo bancone, che apparteneva a uno dei bar dell’Hotel Knickerbocker di New York, dov’è nato il più famoso Martini cocktail, nella versione con l’oliva. È stato rivestito con pannelli di metallo fiammati mentre all’interno Comini ha voluto il meglio della tecnologia, con celle a bassa temperatura per la conservazione dei gas (come l’azoto Co2) e cassetti farmaceutici dove tenere integri i bagni chimici e le polveri di reazione per le sue sperimentazioni. Qui anche l’happy hour è una cosa seria: Comini serve finger food al banco (9 €) o al tavolo (12 €) sino alle 21. Poi si diverte, proponendo ricette classiche e non (il Mojito, per esempio, lo fa non solo nella versione normale, ma anche al mango, alla fragola, alla pesca, alla banana, alla birra, allo zenzero, col sakè, al melone, al ribes, caramellato, analcolico, alla soya, alla vodka o al basilico). Tra le mille altre mirabolanti proposte: Cube (cocktail servito in un cubo di cristallo con una pasteur da laboratorio: potrete cambiare gusto al drink mentre lo bevete), Reverso (cocktail al rum completato con una meringa al sifone cotta al momento sopra il bicchiere), Fumoir (cocktails affumicati, a base di alcolato di sigaro o whisky scozzese, serviti in camere di affumicatura attive in miniatura, alimentate da bastoncini al fumo di ciliegio o sandalo), Infuso molecolare (miscela raffreddata all’azoto con sferificazioni di liquore e vodka al guaranà), Claud (nuvole alcoliche allo zenzero e bitter o al pompelmo rosa e pesca legati con grassi vegetali, servite su cocktails dedicati in speciali bicchieri termici dalla parete coibentata) e Scent (cocktails abbinati a fragranze famose come Gaultier o Dolce & Gabbana vaporizzati all’esterno di speciali bicchieri che convogliano i profumi verso il viso del bevitore). Dalle 18.30 alle 2 di notte (domenica dalle 18 all’1). Chiuso lunedì

  • PRAVDA VODKA BAR
    Via Carlo Vittadini 6, tel. 347-68.41.176 e 334-33.87.602

    In zona Bocconi c’è questo localino di una sola vetrina, pochi metri quadri e tanto cuore, con al massimo 15 posti tra sedie e sgabelli ma un ampio marciapiede, pareti rosso fuoco e una zona rialzata sul fondo. È dedicato alla vodka (150 etichette diverse) ma c’è anche rum e gin, e il team dei barman è capitanato dai due boss Enrico Contro detto Frog e Andrea Benolli con Stefano Cereghetti, ex Elettrauto. Ovviamente l’happy hour punta sul bere più che sul cibo, quindi niente buffet, ma un piattino di stuzzichini. La “banda” del Pravda ha aperto lì vicino nel settembre 2014 uno spin off del locale, leggermente più grande: lo Zinc Bar (via Cesare Balbo 36. Cocktails: 6/9 €; dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperto), con al bancone Oscar Quagliarini, un “laboratorio” dove sperimentare anche nuovi drink, magari giocando col cibo, come con il Creolo (con cocco e pollo fritto), il Margarita (con pesce spada affumicato) o il Crudo e melone (una specie di martini vodka con melone fresco pestato e prosciutto tostato a dadini). Al Pravda tutti i cocktails (7/8 €) sono a base di frutta fresca: Vodka Sour con ananas e zenzero, fragola e basilico, con lampone o maracuja e tanto altro. Poi c’è il Gimlet (gin o vodka con liquore di lime), la Bruschetta liquida inventata da Frog e tanto altro. Dalle 18.30 all’1 di notte. Sempre aperto

  • RADETZKY CAFE
    Corso Garibaldi 105, tel. 02- 65.72.645

    All’angolo con largo La Foppa dal 1988, è un evergreen della movida meneghina, piccolo e affollato ma con atmosfera glamour e internazionale. I posti a sedere non sono tanti, ma gli habituè stanno volentieri di fuori, nell’area pedonale, a chiacchierare col drink in mano. Happy hour (8/10 €) fino alle 21.30: a buffet ma anche con piattini portati ai tavoli (focacce al sesamo, pizzette, tartine, olive). Lo Spritz c’è in tre versioni: con Campari, Aperol o bianco mentre l’analcolico della casa (7 €) è con succo d’ananas e pompelmo, fragole fresche frullate e soda. Cocktails 8/10 €. Non accettano prenotazioni, neppure per gruppi numerosi. Dalle 8 (festivi dalle 10) all’1.30 di notte. Sempre aperto

  • REBELOT DEL PONT
    Ripa di Porta Ticinese 55, tel. 02-84.19.47.20.

    Fratello minore dello stellato Pont de Ferr ha una buona cucina, ma forse ancor meglio sono i cocktails, rigorosamente da gustare nella bella stagione seduti a uno dei tavoli che affacciano sul Naviglio. Li ha creati quasi tutti il mixologist giramondo Oscar Quagliarini, uno dei migliori d’Europa, che lo scorso settembre ha voluto come suo erede al Rebelot il giovane bar tender Nicolò, che si dichiara felice se i clienti cenano col vino, ma ancor più se lo fanno con un Gin tonic o un Fleur di mal (mezcal, succo di mela, ginger beer, succo di lime, melange di fiori ed erbe di Pantelleria). Fra le tante proposte (costo medio 8/10 €): Mary per Sempre (una variante del Bloody Mary col gin catalano Mare, succo di pomodoro, elisir di capperi e rosmarino fresco), Wanessa Oxida (vodka Wanessa, vermut dry Carpano, sherry fino Tio Pepe ossidato 1 settimana), Speakeasy (whisky Ardberg 10 anni, Galliano, angostura e chocolate bitter con una spruzzata di assenzio) e La vie en rose (gin, tonica, succo di pompelmo, angostura e St. Germain). Dalle 18 alle 2 di notte. Chiuso martedì

  • REFEEL
    Viale Sabotino 20, tel. 02-58.32.42.27

    A Porta Romana dal 2006, ideale per un drink con vista sulle mura spagnole: l’ennesima creatura della ditta Acampora & Bernardez è un american bar che pare un salotto, con divani in pelle e il bancone lungo 12 metri. Happy hour (fino alle 21.30) self service al buffet (8 €) o serviti al tavolo (10 €). Ma il menu è sempre lo stesso: pizze, focacce, affettati e pesce crudo. Tra i 40 cocktails in lista (8/10 €): Osaka (gin, lime, zenzero e pompelmo rosa), Arrogance (limone, pompelmo, vodka, crema di menta bianca, Campari e petali di rosa), Chocolate Tennessee (lime, crema di cacao brown, Tennessee wihiskey, scaglie di cioccolato fondente) e Mamma Mia (limone, pompelmo, maracuja, triple sec, tequila, gin, rum, vodka e ginger ale). Maxischermo per vedere le partite di calcio; ai fumatori è riservata una veranda coperta, d’inverno riscaldata con i funghi. Dalle 7 alle 2 di notte. Sempre aperto

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-ricci

Il Ricci di Piazza della Repubblica, 27

  • RICCI CAFE
    Piazza della Repubblica 27, tel. 02-66.94.269

    Le dieci vetrine di questa storica insegna fondata nel 1896 danno sul portico di via Vittor Pisani, dove la sera i clienti tirano tardi sui divanetti all’aperto o nei due dehors climatizzati. Dentro, il locale è sofisticato e minimal chic, con luci soft e sottofondo musicale del dj resident. Happy hour (fino alle 22) a 10 €, con buffet più un piattino al tavolo con pizze, affettati e sushi. Tra i cocktails (12 €) il Jamaica julep con foglie di menta, frutta fresca tagliata, ghiaccio tritato e rum ambrato (9 €). Dalle 12.30 alle 2 di notte. Chiuso sabato pomeriggio e domenica

  • RITA & COCKTAILS
    Via Angelo Fumagalli 1, tel. 02-83.72.865

    In questo piccolo american bar aperto sui Navigli nel 2002 Edoardo Nono, Gianluca Chiaruttini e Fabio Spinelli eseguono alla perfezione sia i grandi classici sia i drink più creativi con tecniche di mixology. Con loro anche Chiara Beretta, laureata in Lettere, vincitrice della Campari Barman Competition 2014 col suo Priscilla, rivisitazione del Negroni (tequila reposada, Cynar, Campari, angostura, soda aromatizzata con mandarino, finocchietto e zucchero Demerara). Al Rita & Cocktails il Negroni è anche Old style (con Carpano e seltz, oltre a gin e bitter Campari) e nella Versione di Barney (con aggiunta di liquori di china officinale e liquirizia calabrese). Happy hour a 7/9 € (fino alle 21.30) con stuzzichini freddi (crudité, salsine, qualche focaccia) serviti al tavolo. La carta dei cocktails (7/9 €) cambia ogni 2-3 mesi ma molti sono ormai un classico, come il Gin Zen (con gin, lime, zenzero, ghiaccio tritato, soda, zucchero di canna e cordiale al lime). Dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • SERGIO E EFISIO
    Corso Sempione all’altezza del n. 32, tel. 02-31.23.19

    Praticamente in mezzo al viale e frequentato da giornalisti e star della tv (la Rai è lì di fronte), è il Carlo Cracco dei baracchini all’aperto di Milano. Ha un bel po’ di tavoli nel piccolo giardino tutto attorno: molti sono in una verandina riscaldata in inverno. Specialità: Sergio e Efisio, cocktail con midori, vodka e succo d’ananas e cocco (7 €). A richiesta: gran plateau di ostriche. Dalle 11 alle 2.30 di notte. Chiuso lunedì

  • SMOOTH MILANO
    Via Michelangelo Buonarroti 5, tel. 02-48.19.043

    Grazie alla vicinanza a corso Vercelli è ideale per un aperitivo dopo un giro per negozi. All’interno ci sono pochi tavoli mentre col tempo mite si sta benissimo nel dehors tra il verde, con divanetti e poltroncine sotto gli ombrelloni (d’inverno lo coprono con pareti di plastica, ma è tutta un’altra cosa). Allo Smooth non c’è l’aperitivo a buffet: per 8 € ogni cliente riceve un vassoio col drink scelto e un piatto con degli stuzzichini di formaggi e salumi, non troppi ma saporiti. C’è anche la variante sushi. Dalle 7 alle 2 di notte. Sempre aperto

happy-hour-migliori-aperitivi-milano-spritz-navigli

Lo Spritz Navigli di Ripa di Porta Ticinese, 9

  • SPRITZ NAVIGLI
    Ripa di Porta Ticinese 9, tel. 02-83.39.01.92

    Ricavato nel 2008 da una vecchia costruzione ottocentesca, ha due piani, ampie volte, mattoni a vista, tavolini bianchi, divanetti in pelle, cuscinoni. Dehors (solo estivo) a pochi metri dal Naviglio. Specialità della casa è ovviamente lo Spritz, storico aperitivo veneto (che piace tanto alle ragazze) a base di vino bianco o prosecco, bitter e acqua frizzante o seltz, che qui è preparato in almeno 20 versioni, tra classiche e creative. C’è anche una cucina che sforna pizza calda ogni 20 minuti. Il tavolo del buffet per l’happy hour (8/9 €) è agibile sino alle 22. Cocktails da 8/10 €, tra cui lo Strawberry Spritz con spumante e vodka alla fragola. Servizio un po’ troppo sbrigativo. Dalle 18 alle 2 di notte. Sempre aperto

  • TONGS
    Via Vigevano 19, tel. 02-45.49.56.81

    Design e vini doc in zona Navigli, dove minuscole lampadine illuminano come un cielo stellato questo locale aperto nel febbraio 2014 e cresciuto attorno al bancone in cemento armato. Qui si beve bene: vini, birre e cocktails di qualità: da provare l’Hendrick’s Tonic (1 parte di gin Hendrick’s, 3 di Schweppes più lamelle di zenzero fresco, cetriolo, ghiaccio e una spruzzata di lime). Una chicca: la libreria ha la licenza di bookcrossing, cioè chi la frequenta può condividere gratis con gli altri la passione per i libri. Oltre che con la cultura al Tongs ci si sfama col buffet dell’happy hour fino alle 21 (6 €) e poi si beve rilassati. Il giorno degli sconti è il martedì col 3×2 (3 birre o 3 calici di vino a 10 €; 3 cocktail a 14 €). Dalle 17 alle 3 di notte. Chiuso lunedì

  • TURBIGO
    Alzaia Naviglio Grande 8, tel. 02-89.40.04.07

    happy-hour-migliori-aperitivi-milano-turbigoIn un contesto vecchia Milano, sempre sui Navigli, a tre passi da Porta Ticinese. Propone Gin & Green, cocktails dalle note esotiche realizzati con l’inglese Tanqueray Rangpur (creato nel 2006 per il mercato americano), da gustare nel bel cortile-giardino. È l’ennesima apertura, la terza, del gruppo che ha da poco inventato due locali cult in via Solferino: Dry e Pisacco, con gli interventi della stylist Patrizia Cantarella e con opere d’arte contemporanea e di design in bella mostra. Dietro al bancone campeggia e illumina tutto di rosso la grande insegna al neon Specialità Cocktail dell’artista britannico Jonathan Monk. In lista: Mediterraneo (London dry gin, chartreuse jaune, succo d’ananas e sciroppo al rosmarino) ma anche i soft drink alla pera, finocchio e aneto o alla mela verde, lime e menta. Dalle 8 all’1 di notte. Sempre aperto

  • VINYL
    Piazza Archinto, tel. 348-80.84.916

    All’Isola Hot dog strepitosi (a 2 €) che il proprietario Max Aguzzi prepara divinamente. Ottima la birra e buoni i cocktails (tradizionali, con il Mai Tai e il Long Island su tutti). Musica rigorosamente su vinile, un mosaico di tappi corona che adorna la superficie del bancone e di fronte Jimy Hendrix affrescato sul muro. Il locale ha tavolini all’aperto, sulla piazza alberata, dove i clienti approfittano anche dei muretti per sedersi. Dalle 19 alle 2 di notte. Sempre aperto

Guarda anche la classifica aggiornata a ottobre 2015, con nuove entrate

CLASSIFICA 2015-2016

roberto angelino* Roberto Angelino, giornalista, è stato per venticinque anni al settimanale Oggi e, dal 2004 al 2007, vicedirettore di Gente. L’attività dei suoi neuroni curiosi e precisini non è stata intaccata dal pensionamento. Questo è il settimo capitolo della preziosa guida di Roberto Angelino MILANO 50 NELL’ANNO DELL’EXPO dopo le 50 migliori pizzerie, i 50 migliori ristoranti di pesce, le 50 migliori gelaterie, i 50 migliori ristoranti all’aperto, i 50 migliori agriturismi di Milano e provincia e le 50 migliori pasticcerie. E voi lettori quali commenti o suggerimenti avete? Li aspettiamo.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *