I palazzi storici vivranno con energia rinnovabile. Test a Bologna e Bolzano

testo di Giulio Saetta* per Giannella Channel

3encult-casa-della-pesa-bolzano

Bolzano, Casa della Pesa: il primo dei casi di studio per il progetto 3encult.

Conservare innovando. Non è un ossimoro ma la filosofia di 3encult, progetto di ricerca che per 42 mesi, sotto la guida dell’Eurac, l’Accademia europea di Bolzano (www.eurac.it) – centro di ricerca privato nel cuore delle Dolomiti, vero e proprio polo di eccellenza italiano a spiccata vocazione europeista –, ha visto impegnate 22 istituzioni nella difficile sfida di rendere efficienti da un punto di vista energetico i palazzi storici del Vecchio Continente.

Solo mantenendoli “vivi”, questi spazi si possono salvare, ha detto Alexandra Troi, 40 anni, di Bressanone, numero due dell’Istituto per le energie rinnovabili dell’Eurac e coordinatrice di 3encult. “L’obiettivo è produrre linee guida e soluzioni con cui aggiornare i monumenti storici sul piano del consumo energetico grazie a team multidisciplinari di esperti, conservatori e urbanisti pianificatori”.

3encult-palazzina-della-viola-bologna

Palazzina della Viola, Bologna. Il secondo caso di studio di 3encult.

Due palazzi storici di Bologna e uno di Bolzano tra i “case study” di 3encult (guarda i video), che terminerà il prossimo marzo, scelto dalla Commissione europea tra 335 progetti ambientali concorrenti come “esempio di buona pratica”. Il Waaghaus (Casa della pesa) di Bolzano è un edificio del XIII secolo di origine romanica in cui, oltre a una rete di sensori, sono state installate speciali finestre con vetri di spessore ridotto che consentono un alto isolamento mantenendo però inalterata l’estetica complessiva.

Stessa tipologia di intervento non invasivo a Bologna, sul duecentesco Palazzo d’Accursio, di proprietà del Comune. “Abitualmente i punti più critici degli edifici sono le finestre e le loro intelaiature”, ha affermato Camilla Colla, architetto e ingegnere. “Così, generando diverse pressioni all’interno delle stanze e raffrontandole con l’esterno possiamo valutare quanta aria uscirà dall’edificio”.

3encult-palazzo-accursio-bologna

Palazzo d’Accursio, Bologna. Vi è stata installata una rete di sensori e speciali finestre con vetri di spessore ridotto, che consentono un alto isolamento senza perturbare l’estetica del palazzo.

Sempre a Bologna, dopo due anni di lavori e 1,36 milioni di investimenti, nel marzo 2012 si è concluso l’imponente restauro della Palazzina della Viola, risalente al 1497, con affreschi, archi e colonne di notevole pregio storico e artistico. La struttura, di proprietà dell’Università Alma Mater, con una superficie di 1.150 metri quadrati è diventata oggi il quartier generale delle relazioni internazionali dell’ateneo, con una quarantina di dipendenti che ogni anno seguono oltre 5.000 studenti stranieri. Fiore all’occhiello dell’intervento di 3encult, un’estesa e innovativa rete di rilevamento costituita da circa 40 “nodi” distribuiti su tutti i livelli del complesso. Equipaggiati con sensori, questi nodi rilevano e memorizzano continuamente i dati ambientali e strutturali quali i “movimenti” degli impiegati e del pubblico, la distribuzione della luce, la temperatura e l’umidità. Un innovativo sistema di valutazione “in profondità e dall’interno” che rende gli edifici dei veri e propri “laboratori viventi”.

bussola-punto-fine-articolo

Fonte: Giulio Saetta per Giannella Channel. Giornalista professionista, Giulio Saetta è nato nel 1968 a Milano, dove vive e lavora. Cresciuto facendo libri d’arte in Electa, nel 2007 approda a Rcs MediaGroup. Redattore sportivo, enigmista e traduttore, nel 2010 viene chiamato a L’Europeo, dove si specializza nel giornalismo d’inchiesta e d’approfondimento.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!