CerviAmbiente premia
Pio d’Emilia, coraggioso
giornalista della tragedia
nucleare di Fukushima

L’inviato di Sky Tg24 entrò per primo nell’area
della centrale atomica sconvolta dal terremoto
e dallo tsunami del 2011: dal Giappone è arrivato a Cervia
per ritirare il prestigioso riconoscimento che in passato
era stato conferito a scienziati del calibro di Barry Commoner,
Jacques Yves Cousteau e Konrad Lorenz.
Una grande emozione anche per il sottoscritto che, da
direttore del mensile scientifico Genius,
lo scoprì nel lontano 1984

SCIENZE & AMBIENTE

testo di Salvatore Giannella da Cervia (Ravenna)

All’emozione di ritrovarmi nel maestoso Magazzino del Sale di Cervia dove 25 anni fa avevo fatto arrivare, come direttore di Airone, tutti i sindaci dei borghi ideali d’Europa, si è aggiunto sabato 9 settembre il piacere di vedere premiato, con il prestigioso CerviAmbiente 2017, un coraggioso giornalista italiano che scoprii in Giappone nel lontano 1984.

Quell’anno, da vice direttore dell’Europeo, fui chiamato da Eugenio Scalfari e Carlo Caracciolo con Giovanni Valentini che vollero affidarmi il nuovo mensile scientifico del Gruppo Espresso, Genius. La sfida era intrigante: coniugare il migliore giornalismo con un uso esperto della narrazione fotografica per “vivere la civiltà elettronica, scoprire la nuova intelligenza”.

Di quella frontiere dell’informatica un Paese simbolo era il Giappone, terra ferita dalle bombe atomiche e senza risorse naturali, che era riuscito a diventare l’allora seconda potenza industriale del mondo grazie all’esplorazione silenziosa nella miniera dell’intelligenza.

fukushima-nuclear-story

Il vincitore del premio CerviAmbiente 2017 Pio d’Emilia (al centro). A sinistra: il presidente della Fondazione, il biologo marino Attilio Rinaldi e a destra il coordinatore della giornata, Salvatore Giannella. Sullo sfondo, il Magazzino del Sale, simbolo della identità storica di Cervia (Ravenna).

Come avrei potuto raccontare quel mondo tanto lontano e chiuso? Una telefonata all’ambasciata italiana a Tokyo mi indicò una possibile strada. C’era nella capitale giapponese un giovane italiano, laureato in giurisprudenza, che mostrava di essere curioso del Giappone, della sua storia, delle sue storie. Quel giovane si chiamava Pio d’Emilia e avrete capito com’è andata. A un primo servizio sugli alberghi tecnologicamente avanzati sono seguiti reportage che hanno fatto conoscere il Giappone prima e poi gran parte dell’Oriente tutto, dal Sud Est asiatico al Tibet, dalla Birmania a Taiwan, fino alla crisi coreana.

Ma di quella lunga strada finora percorsa dal cronista d’Emilia, sono gli appena 250 chilometri che dividono Tokyo (dove risiede e oggi opera come inviato di Sky Tg24) da Fukushima, l’area del disastro nucleare del marzo 2011, ad aver mostrato il lato anche coraggioso dell’inviato in Estremo Oriente. Pio è stato il primo giornalista straniero a entrare nella cosiddetta “zona proibita”, l’area evacuata per il pericolo di contaminazioni radioattive, e il primo ad avvicinarsi alla centrale nucleare danneggiata e a raccontare, attraverso le sue cronache, la tragedia di una popolazione, gli errori compiuti dai tecnici, la sciatteria e l’arroganza della Tepco (l’azienda che aveva in gestione l’impianto), i dubbi connessi all’energia nucleare, sensibilizzando l’opinione pubblica mondiale.

Lo ha fatto con una serie di straordinari servizi televisivi da Fukushima (Pio è arrivato fino ai cancelli della centrale nucleare: quella che segue è un’eloquente testimonianza tratta da Sky Tg24)

Lo ha fatto con un libro (Tsunami nucleare, edizioni del Manifesto), dove si augura che il Giappone punti su una scelta netta e coraggiosa:

Datsu Genpatsu! Fuori dal nucleare. Adesso. Subito. Il Giappone all’avanguardia della scienza e della tecnologia, il Giappone da sempre pioniere di nuove e geniali applicazioni se lo può permettere. Il Giappone di Hiroshima e Nagasaki, e ora di Fukushima, lo deve a se stesso, al suo popolo, al resto del mondo.

Lo ha fatto con il documentario Fukushima – A Nuclear Story, prodotto da Teatro Primo Studio con la regia di Matteo Gagliardi, che racconta il disastro all’impianto di Fukushima e l’impresa senza precedenti di metterlo in sicurezza, che richiederà ancora decenni di lavoro.

Certo, il pur freddo cronista si è emozionato nel ricevere dal presidente della Fondazione CerviAmbiente, Attilio Rinaldi, dal sindaco di Cervia Luca Coffari e dall’assessora all’Ambiente della Regione Emilia-Romagna Paola Gazzolo il riconoscimento che in passato è stato conferito a scienziati di fama mondiale come Barry Commoner, Jacques Yves Cousteau o Konrad Lorenz. Ma ha contribuito a rendere indimenticabile la mattinata in riviera, prima di ripartire alla volta della bollente Corea, l’abbraccio con l’amico venuto da Cesenatico Alberto Zaccheroni, che dal 2010 al 2014 ha guidato la nazionale di calcio del Giappone, e il paio di scarpe che il suo primo direttore che lo contattò per Genius nel 1984 ha voluto donargli accompagnandolo con le parole di Enzo Biagi:

Un paese normale è quello in cui il giornalismo torna a consumare le suole delle scarpe, guidato da quel sentimento potente che è la curiosità e dalle chiare tendenze, ma sempre dalla buona fede e attento all’umanità.
fukushima-nuclear-story

Pio d’Emilia con Alberto Zaccheroni, arrivato dalla vicina Cesenatico per abbracciare il cronista amico. Zaccheroni dal 2010 al 2014 ha guidato la nazionale di calcio del Giappone: è stato il primo tecnico italiano ad aver conquistato un trofeo internazionale (Coppa d’Asia 2011) alla guida di una nazionale straniera. Era a Tokyo quell’11 marzo 2011, giorno del terremoto e dello tsunami che provocò la tragedia di Fukushima.

Un riconoscimento è andato anche al professor Pierluigi Viaroli, ordinario di ecologia dell’Università di Parma, per i suoi studi decennali sulle acque del Po e sulla loro influenza sulla salute del mare Adriatico. Mentre il bravo fotoreporter Pierpaolo Mittica ha mostrato gli scatti più significativi di un suo racconto fotografico sull’umanità tornata a Chernobyl e sugli effetti di una tragedia nucleare di cui ancora oggi si avvertono i segni. Ma questa è un’altra storia che racconteremo nei prossimi giorni.

bussola-punto-fine-articolo

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!