Addio a Mondonico,
il trainer buono che
lanciò la sedia al cielo

Condividiamo il dolore con la moglie Carla, la sua eroina,
e le figlie Francesca e Clara, generose nella loro amicizia.
L’intervista che mi diede per Sette nella sua cascina (2016)

I NOSTRI LUTTI

testo di Salvatore Giannella

Più volte con mia figlia Valentina e mio genero Massimo, avevamo imboccato la strada di Rivolta d’Adda per andare nella cascina tipo “Albero degli zoccoli” dove ci accoglieva l’amica Franci con la sua famiglia, in primo piano suo padre, Emiliano Mondonico, un gigante dello sport e dell’umanità scomparso ieri mattina, giovedì 29 marzo, a 71 anni dopo una lotta con il cancro cominciata sette anni fa quando allenava l’AlbinoLeffe.

Mondonico è stato prima un calciatore di talento (giocava all’ala) e poi un allenatore garbato e incisivo, che portò la Cremonese in A dopo 54 anni, l’Atalanta in semifinale di Coppa delle Coppe, il Torino a vincere la Coppa Italia. Il calcio che lo piange lo celebra con quel suo gesto diventato un’icona del tifo granata, la sedia sollevata al cielo di Amsterdam nella finale di ritorno contro l’Ajax, Coppa Uefa del ’92, per protestare contro un rigore negato a Cravero. “Un atto rivoluzionario”, scrive Francesco Saverio Intorcia su Repubblica). “La sedia, simbolo del potere, improvvisamente rovesciata e puntata in alto, brandita come arma popolare, trasformata in strumento di lotta”.

Ho ripescato dal mio archivio l’intervista che mi concesse per Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera, in un solare pomeriggio di settembre del 2016 allorché, insieme alla sua eroina, illuminò il suo tenace aggressore.

emiliano-mondonico

Emiliano Mondonico (Rivolta d’Adda, Cremona, 1947 -2018). Come allenatore ha ottenuto 5 promozioni in Serie A con Cremonese, Atalanta (due volte, 1987-88 e 1994-95), Torino e Fiorentina. Girava l’Italia come testimonial della ricerca contro il cancro. Il Corriere della Sera ha pubblicato il suo volume autobiografico “Una sedia al cielo”.
 
(CREDIT Giacomo Giannella / Streamcolors)

Sulla targa posta all’ingresso della Cascina Brusada, nella campagna di Rivolta d’Adda, si legge “via Emiliano Mondonico” ma invano metterete questa via sul navigatore perché è solo il dono che tifosi della Fiorentina, rimasta sua squadra del cuore, gli regalarono alla fine della sua avventura di ‘mister’ dei viola. Il Mondo mi viene incontro nell’aia con la moglie Carla, la presenza dominante nella sua vita ieri e soprattutto oggi che le sue giornate sono senza pallone.

“Per la verità, Carla mi dà la ragione di vivere e governa me e la nostra casa e cascina anche da prima che mi allontanassi dagli stadi da professionista, nel 2011, per via del tumore all’addome che ha richiesto due interventi chirurgici e continui controlli. Ora che la ‘bestia’ sembra ricacciata dal ‘medico-cannoniere’ Alessandro Gronchi, nipote dell’ex capo dello Stato, ho immesso un po’ di pallone nella mia vita come opinionista televisivo e come allenatore no profit: sto allenando con soddisfazione una trentina di ragazzi problematici. Ho accettato la proposta di uno psichiatra, Giorgio Cerizza, convinto che, oltre ai farmaci, i ragazzi reagissero anche a livello corporeo: mi dice che l’allenamento calcistico fa effetto come dieci sedute di psicoterapia. E loro, gli atleti-pazienti, aspettano fiduciosi l’appuntamento con me”.

mondonico-moglie

Carla Novaresi (1950). Ha sposato Emiliano nel 1973. Hanno due figlie: Francesca e Clara.
 
(CREDIT Giacomo Giannella / Streamcolors)

Come hai conosciuto Carla?
“Da quando eravamo ragazzini, lei faceva la quinta elementare e io la seconda media. Suo padre qui in paese vendeva zoccoli (siamo nel paesaggio agreste dell’Albero degli zoccoli di Ermanno Olmi) e io passavo qualche volta nel negozio per ammirarla. Poi sono andato in collegio, non l’ho rivista più fino a quando una sera alle giostre e poi in una cantina ristrutturata per feste, con la colonna sonora di Mogol e Battisti e dei Beatles e Rolling Stones, è scattata la scintilla dell’amore. Ci siamo sposati nel ’73, festa nell’osteria dello zio in riva all’Adda, e io che comincio a fare il pendolare come allenatore tra diverse squadre lombarde e di tutt’Italia, incluse Torino e Fiorentina. Lei, Carla, è stata così brava a rendermi presente nell’educazione delle nostre figlie e dello svolgersi della nostra vita nonostante io fossi spesso lontano e cercassi, portando tanti giocattoli, di compensare la mia assenza. Carla per me è stata una bitta, intorno alla quale in tutte le fasi della nostra vita ho attraccato la mia barca”.

Bella questa immagine di donna-porto…
“Sì, lei è una donna realista e coraggiosa, non si fa condizionare dalle emozioni, mi ha fatto sentire meno fragile durante la malattia. Mi creda, averla a fianco mi dà un motivo in più per pensare, per credere, per reagire, per vivere. Insomma, per essere felici”.

bussola-punto-fine-articolo

Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L’Espresso Genius, il settimanale L’Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri (“Un’Italia da salvare”, “L’Arca dell’arte”, “I Nicola”, “Voglia di cambiare”, “Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte dalle guerre”), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato docu-film per il programma Rai “La storia siamo noi” (clicca qui per approfondire).

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!