Quel terremoto del 1883 che travolse,
con la famiglia di Benedetto Croce,
16 miei concittadini turisti a Ischia

SÌ MI RICORDO

testo di Salvatore Giannella

Il nuovo terremoto che ha sconvolto l’isola di Ischia mi fa riaffiorare alla mente quello precedente, del 1883, che coinvolse tragicamente Benedetto Croce e molti miei concittadini che avevano scelto quell’isola del Golfo di Napoli per trascorrervi un periodo di vacanza. Dobbiamo all’ultima figlia di Benedetto Croce, Lidia, morta a Napoli nel 2015 a 93 anni, il racconto del trauma subìto dal padre a causa del sisma che distrusse Casamicciola Terme, frazione di Ischia, la notte del 28 luglio del 1883. Solo in quella frazione si contarono 1.784 morti (625 erano villeggianti), 2.833 con i Comuni vicini.

Quel sisma segnò profondamente la vita di mio padre. Lui aveva soltanto 17 anni e aveva appena conseguito la licenza liceale ed era in vacanza presso la Villa Verde con la famiglia quando la terra tremò. Morirono sotto le macerie il padre di mio papà, Pasquale; la madre, Luisa e la sorellina Maria di appena 13 anni. Papà si salvò e fu estratto dalle macerie dopo due notti riportando la frattura di una gamba e di un braccio: non ritornò mai più nell’isola d’Ischia.
benedetto-croce-figlia-lidia

Benedetto Croce in una foto con la figlia Lidia.

Tra i villeggianti che perirono quella notte ci furono, scopro in un documentato e appassionato volume che mi manda lo scrittore pugliese Matteo de Musso (Le carte e la memoria, Del Negro, 160 pag.) alcuni miei concittadini arrivati a Casamicciola da Trinitapoli, città del Tavoliere pugliese, “per combattere i propri acciacchi fisici e ottenere da quelle acque termali la salute che da molti anni da qui riportavano la guarigione…”.

Stavano godendosi la frescura notturna all’aperto quando la terra tremò “e quelli del villaggio popolarmente detto Casamicciola, luogo di bagni di Forio d’Ischia, Lacco Ameno e altri, ahi, sotto un terribile culmine di punte sporgenti dei muri furono sepolti…”.

V’erano tra le vittime “16 provenienti da Trinitapoli. Strappati violentemente dal comune destino, mai più fecero ritorno alla propria casa. Tra loro:

  • Michele Torraca fu Giuseppe e Angela Maria Labianca, di anni 48, marito di Elisabetta Valerio;
  • Elisabetta Valerio, dei coniugi defunti Michele e Maria Felicia Sarcina, di anni 47, moglie di Michele Torraca;
  • Angela Arnanno dei coniugi fu Antonio e Lucia Miccolupo, di anni 16;
  • Francesco Di Leo dei coniugi fu Giuseppe e Rosa di Biase, di anni 25, marito di Vincenza Di Toma;
  • Sabino Falcone dei coniugi defunti Francesco e Maddalena Di Gesù, di anni 17;
  • Pasquale Moscatelli dei coniugi defunti Antonio e Loreta Verde, di anni 52, marito di Maria Povino”.
terremoto-ischia-1883-casamicciola

A Casamicciola una delle abitazioni più danneggiate dal terremoto del 1883 fu la casa del vescovo: ecco una foto delle sue rovine.

Ogni parola, ogni rigo dell’antico documento rintracciato nell’archivio parrocchiale sono per noi preziosa fonte di conoscenza storica, sociale e religiosa. Aggiunge De Musso:

Poche vite son ben poca cosa, certo, soprattutto se rapportate alle migliaia di vittime che quel terremoto provocò, ma furono ugualmente tante per un piccolo centro come il nostro che contava all’epoca poche migliaia di anime e dove tutti sapevano tutto dell’altro; ecco perché non ci vuol molto ad immaginare come quella ferale notizia, sparsasi in un baleno, si ripercosse sulla spina dorsale della nostra comunità.

Lì nell’isola d’Ischia vi furono danni e lutti, qui a Trinitapoli la sola consolazione di dover piangere a distanza dei morti… A noi resta il dovere di ricordare e tramandare quel ricordo, perché altri dopo di noi sappiano quali vincoli umani abbiano legato due realtà così diverse e distanti fra loro: Trinitapoli e Casamicciola Terme.

bussola-punto-fine-articolo

Matteo de Musso (Trinitapoli, 1947) è giornalista pubblicista e scrittore, membro della Società di Storia Patria per la Puglia. Ha scritto numerosi e affettuosi libri sul passato della città natale. Tra gli altri: “Patria: un fiore dimenticato”, che ricostruisce l’avventura umana del capitano Leone, concittadino, partigiano sui monti liguri, fucilato dai nazisti. Le ricerche di Matteo portano alla luce notizie curiose, ma storicamente ineccepibili. Contatto: [email protected]
Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L’Espresso Genius, il settimanale L’Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri (“Voglia di cambiare”, “Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte dalle guerre”), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato documentari per il programma Rai “La storia siamo noi” (a questo link la biografia completa).
In apertura, “La bella Napoli” di Christian Wilhelm Allers (1893). Casamicciola 10 anni dopo il terremoto.

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. Quel terremoto fu così violento (decimo grado della Scala Mercalli; 5,8 secondo la Scala Richter) che i nostri nonni nel Tavoliere pugliese lo prendevano a esempio per descrivere il caos: “Qui succede Casamicciola”.

    Un’altra curiosità: quella sera tragica del 28 luglio 1883 era presente a Ischia anche il grande meridionalista Giustino Fortunato.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!