Compie due anni Ruben,
ristorante di Milano dove
la cena costa 1 euro

Messo in piedi dall’ex patron dell’Inter Ernesto Pellegrini,
ha servito 108.300 pasti, più di 30mila
a bambini e ragazzi tra 1 e 16 anni.
Con 400 coperti, è esaurito tutte le sere.
E da quest’anno ha aggiunto un “piatto” speciale:
un aiuto concreto alla ricerca di un lavoro

A TUTTA ITALIA

testo di Gabriella Meroni / Vita*

[jpshare]

(MILANO)

Domenica 2 ottobre c’erano anche il sindaco Giuseppe Sala e gli assessori Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali) e Gabriele Rabaiotti (Casa e Lavori pubblici) a festeggiare, con due giorni di anticipo, i due anni del ristorante solidale “Ruben”, aperto nel quartiere Giambellino dalla Fondazione Ernesto Pellegrini onlus. Intitolato a un giovane senza tetto che l’ex patron dell’Inter conosceva e ha visto morire di stenti, il locale offre cene a 1 euro a persone in difficoltà temporanea, per aver perso il lavoro o per altri motivi, segnalate da una rete di 150 associazioni (tra cui spiccano i tanti sportelli di ascolto Caritas) oltre che dai servizi sociali del Comune. Non una mensa per poveri, ma un vero ristorante con tanto di menu a scelta e chef professionisti, che a oggi ha tesserato 3.800 persone ed erogato 108mila pasti. Ma non solo: i volontari che ogni sera girano tra i tavoli di Ruben cercano di dare una mano che vada oltre il bisogno primario del cibo.

ernesto-pellegrini-inter-ruben

L’imprenditore Ernesto Pellegrini (Milano, 1940), noto per esser stato il presidente dell’Inter dal 1984 al 1995, in una foto al ristorante solidale Ruben. Intitolato a un giovane senza tetto che l’ex patron dell’Inter conosceva e ha visto morire di stenti, il locale offre cene a 1 euro a persone in difficoltà temporanea.

Per rispondere a un’altra fame più profonda, quella di lavoro, è stato varato il progetto «Un lavoro, una casa per Ruben» che intende fornire occasioni di lavoro a chi ne ha bisogno. A inizio settembre un primo gruppo di 40 persone sono state inviate a vendemmiare in Franciacorta e ora, grazie allo sponsor Pwc, disponibile a pagare lo stipendio delle persone che saranno selezionate, e un patto con Comune e Mm, alcuni ospiti di Ruben si occuperanno della manutenzione dei caseggiati popolari di Mm al Giambellino. Una quota minima – 2 o 3 – degli alloggi sfitti recuperati dal lavoro degli ospiti di Ruben potrà poi essere gestito dalla fondazione per i casi di emergenza. Non è finita. Un secondo progetto, «Solidarietà 5.0», cercherà di far incontrare la domanda e l’offerta dei fondi a disposizione delle famiglie in difficoltà. Nel corso dell’incontro di domenica sono stati diffusi anche dei numeri sull’attività di Ruben: la maggioranza dei commensali ha tra i 18 e i 65 anni, il 63% è italiano (il 19% comprende figli di immigrati), il 37% straniero. E il rapporto maschi-femmine è di 56 a 44.

* Fonte: www.vita.it. È il portale nato da Vita, il magazine dedicato al racconto sociale, al volontariato, alla sostenibilità economica e ambientale e al mondo non profit.

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. Èpasta, in un container in piazza

    il business incontra il sociale

    La mano tesa da Pellegrini mi incoraggia a segnalare l’inaugurazione a Milano di Èpasta, “quando il business incontra il sociale”. Un nuovo container mobile che prepara pasta fresca e sughi ottimi, espressi, prodotti e ingredienti selezionati da La tavola Italiana (http://www.cibour.com), un progetto finalizzato a inserire al lavoro persone in situazione di fragilità sotto la guida del Centro di mediazione lavoro del comune di Milano (Assessorato alle politiche sociali), di concerto con cooperative sociali (Celav, Afol e Cooperativa Via Libera).

    Èpasta è una start up innovativa che ha brevettato e realizzato un format di ristorazione di street food di qualità incentrato sulla dieta mediterranea, all’interno di un container marittimo riadattato. Una vera e propria cucina professionale che può essere trasportata su camion, treno e posizionata in strade, piazze e punti di passaggio per offrire il prodotto base della dieta mediterranea italiana; la pasta, riconosciuta dall’UNESCO Patrimonio culturale dell’Umanità. Il format ha vinto una speciale menzione per l’originalità al concorso K-idea del parco tecnologico bergamasco Kilometro rosso. Questa di piazza Cadorna, inaugurata il 29 novembre, è la seconda postazione a Milano ma conta di aprirne altri cinque nel 2017.

    èpasta-container-piazza-cadorna-29-11-2016-phvgiannella

    Piazza Cadorna, Milano: il container di Èpasta, inaugurato il 29 novembre.

    èpasta-piazza-cadorna-street-food-phvgiannella

    Piazza Cadorna, Milano: Èpasta offre ristorazione street food ispirata alla dieta mediterranea.

    Vittorio Giannella, Bussero

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *