Quel Photo Boat a Venezia
e gli stereotipi fermi
nelle menti dei giornalisti

Italiani brave penne

Una lettera al Corriere della Sera da un brillante veneziano che illumina un fenomeno antropologico dei turisti in laguna con ragionevole e costruttiva proposta. E una al nuovo 7, lo storico magazine del Corsera diretto da un mese da Beppe Severgnini, da parte di un antico e ancora vispo redattore capo di via Solferino sugli eterni stereotipi che abitano nelle menti dei giornalisti. Sono le due lettere ai direttori scelte questa settimana per la rubrica “Italiani brave penne”. Leggiamole.

Ai turisti che sui traghetti in laguna pensano solo alle foto

A Venezia sul vaporetto si sta tutti scomodi. I turisti non guardano la meraviglia dei palazzi lungo il Canal Grande (foto in apertura, Ndr): devono fotografarsi e farsi selfie. Perciò (la cabina è vuota) sono tutti impalati come stoccafissi sul ponte a bloccare lo sbarco e l’imbarco. Raccolgono spintoni e insulti, ma non gliene importa: fotografano. Che poi è l’unica vera ragione per venire a Venezia.

Suggerisco di creare un vaporetto-zattera senza pareti e senza tetto, un vero e proprio set fotografico galleggiante e semovente. La “Photo-Boat” eviterebbe ai fotografanti le (per loro) inutili fermate ai pontili e offrirebbe su tutti e quattro i lati (pilota sopraelevato) infinite occasioni di fotografare e fotografarsi senza l’imbarazzante presenza di veneziani che si illudono ancora che il vaporetto sia un mezzo di trasporto.

Franco Bellino, Venezia


Quel mestieraccio di noi giornalisti alle prese con stereotipi eterni

Caro Beppe, ho letto “Luoghi troppo comuni” (7 del 25 maggio) il breviario degli stereotipi e ti ringrazio perché mi hai fatto fare un passo indietro di quasi quarant’anni. Guarda un po’ che cosa scrivevo nel 1978, nel mio libro Il Mestieraccio che ho scritto quando ero redattore capo del Corriere d’Informazione, lì in via Solferino 28.

Com’è la rapina? Sanguinosa. Il furto? Abile. L’inseguimento? Temerario. L’incendio è furioso / La catastrofe immane / L’impresa leggendaria o criminosa (dipende se parliamo di sport o di delitti) / La pioggia torrenziale (o fastidiosa) / Il temporale improvviso / Lo scoppio tremendo / Il gesto inaudito (o nobile) / Il delitto efferato / L’episodio inqualificabile / Il colpo di scena clamoroso. Gli aggettivi nel giornalismo hanno tutti il loro posto e i fatti hanno tutti il loro aggettivo. Buon lavoro e in bocca al lupo!

Lello Gurrado, Cernusco sul Naviglio
[email protected]

bussola-punto-fine-articolo

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!