Caro Salvatore, in questo tempo così gravoso ho scritto una lettera alla mia anima… firmato Brunello Cucinelli

Italiani brave penne

Caro Salvatore, in questo tempo così gravoso ho scritto una lettera alla mia anima… firmato Brunello Cucinelli

Italiani brave penne

Solomeo, 17 Marzo 2022

Oggi, come un anno fa, al ritorno delle rondini, il mio sguardo, in questa mia amata Solomeo, si alza verso i loro volteggi e il loro garrire; adesso il cuore è ancora addolorato come in quel tempo, gravoso, della pandemia, che allora metteva paura, e oggi mi pare in declino.
 
Ma oggi, ancora una volta, gli uomini si sono levati contro gli uomini, e mi sembra impossibile che questo avvenga oltraggiando la nostra umanità. Penso che qualcosa nel mondo stia cercando di sopraffare i valori della fratellanza e della solidarietà, però sono convinto che questo tempo del dolore non avrà durata lunga, perché tutti sapremo come tornare verso la luce, guidati dagli uomini savi che governano il mondo.
 
A loro mi rivolgo, come semplice uomo e come fratello, con lo spirito di Francesco d’Assisi, mio padre ispiratore, genio dei rapporti umani e del dialogo; verso di loro elevo il voto del mio animo, come la voce di tanti altri nel mondo, affinché la discordia ceda il posto alla concordia.
 
Io so che le generazioni future ci giudicheranno sulla misura di quanto sappiamo costruire, e non ameranno le nostre distruzioni, perché dietro ad ogni edificio, ad ogni strada, ad ogni albero, ad ogni officina vi è la forza, la passione, il lavoro di tanti anni e di tante volontà che non possono sparire con la materia, ma continuano a vivere.
 
Saranno i bambini a svegliarci, con la loro innocenza, la loro semplicità, la loro gioia, con la forza che cresce nei piccoli cuori per arrivare un domani ad essere loro a governare il mondo, perché il mondo è cambiato, e credo che le guerre abbiano perso ogni significato se mai ne abbiano avuto uno.
 
Solo così la ricchezza, quella ricchezza che dal Creato possiamo ricevere in dono senza suo danno né danno di alcuno, può diventare patrimonio di tutti. È questa la voce che vorrei giungesse verso coloro che oggi governano il Creato, perché guardino al futuro senza mai dimenticare l’eternità dei valori umani, che sono il lavoro, la famiglia, la spiritualità di qualsiasi religione, anche quella di chi non crede.

Brunello Cucinelli in un ritratto digitale di Giacomo Giannella (Streamcolors) per Sette, lo storico magazine del Corriere della Sera. Nato nel 1953 a Castel Rigone (Perugia) da una famiglia contadina, nel 1978 ha fondato un’impresa con l’idea di colorare il cashmere, coltivando fin dall’inizio l’ideale di un lavoro rispettoso della dignità morale ed economica dell’uomo. Per il suo capitalismo umanistico ha ricevuto molti riconoscimenti in Italia e all’estero. Ha scritto Il sogno di Solomeo (Feltrinelli, 2018) e la prefazione a Benedetto Cotrugli: Arricchirsi con onore (Rizzoli, 2018). Quotata in Borsa dal 2012, l’azienda del cashmere made in Solomeo esporta all’estero l’85% della sua produzione. Sposato nel 1982 con Federica Benda, due figlie: Camilla e Carolina.

Siamo custodi di un’eredità che ha saputo tante volte rinascere dalle proprie ceneri, ma dobbiamo fare tesoro di questa esperienza, per diventare custodi previdenti e premurosi in grado di salvare il mondo prima che diventi nuovamente cenere.
 
Le nostre diverse abitudini di popoli lontani, il nostro comune retaggio umano, son tutte cose che attirano e non separano, perché proprio con la diversità creano vita nuova senza che le singole identità vengano meno.
 
La guerra, spesso, è figlia della paura, e ha paura, a volte, anche chi governa. Oggi il mondo è più vicino che mai, e fino ad oggi non si è mai verificata una circostanza che ci offra la possibilità di amarci nelle nostre alterne costumanze.
 
Se oltre ai popoli anche i savi governanti della terra si convinceranno che le stirpi diverse possono vivere una accanto all’altra perché non vi è una terra di qualcuno, ma la terra è madre di tutti, sono certo che quel futuro radioso nel quale credo è ormai così vicino che basta tendere la mano per farlo diventare realtà viva e duratura.
 
Non so quale lingua parli Dio, ma a tutti i cuori dice la stessa parola: amatevi.

bussola-punto-fine-articolo

Un finanziere umiliato e orgoglioso e il grave rischio della nuova tassa IMU per i borghi della Piccola Italia tra i monti dell’Appennino

Proseguendo nella rubrica dedicata alle lettere più significative colte nelle pagine della posta nei giornali italiani, una sorta di ideale piccolo premio Pulitzer per chi scrive dall'altra parte della barricata, questa volta abbiamo scelto e diamo spazio alle parole...

Per i pass ai disabili l’Italia si allinei all’Europa. E a Londra la Farnesina assuma una libraia meritoria

In questa rubrica dedicata alle lettere più significative colte nelle pagine della posta nei giornali italiani, una sorta di ideale piccolo premio Pulitzer per chi scrive dall’altra parte della barricata, questa volta abbiamo scelto e diamo spazio alle parole di...

Elogio della buona sanità pubblica a Milano e della Biblioteca nazionale centrale di Roma

L'una, sottoposta a trapianto di fegato all'Istituto nazionale dei Tumori a Milano, elogia al Corriere della Sera la squadra medica oltre che per le eccellenze professionali e le attrezzature all'avanguardia anche per quegli elementi (la pazienza, la gentilezza, la...

Innamorati, copiate la sposa di Verdi. E, per la “generazione 2.0”, elogio della pausa Erasmus

Un mantovano che ha spulciato nell'epistolario di Giuseppe Verdi spedendo poi la sua scoperta a Repubblica e una ragazza italiana che dalla Finlandia ha scritto alla rubrica di A, il settimanale femminile della Rcs, per la rubrica "Ventenni, così va il mondo": sono...

La sindachessa casalinga che rifiutò i derivati e il match senza storia tra Germania e Italia

"Sindaci, fate attenzione ai pericolosi derivati": era il 2007 e io stavo facendo il giro in Europa per annotare gli esempi virtuosi degli altri Paesi dell'Unione europea. A Londra mi imbattei appunto nell'allarme derivati. "Il governo inglese aveva ammonito le...

A Berlino per un posto, senza stage o partita Iva e il modello portoghese per attrarre i denari degli stranieri

Ecco le due missive scelte questa settimana per la consueta sezione dedicata alle migliori lettere al direttore. La cultura del lavoro: un abisso tra Germania e Italia "Mi sono trasferito a Berlino nel 1995, quando ancora non era la città del turismo di massa che è...

La crisi del turismo: la scadente offerta di Pompei e le brioches surgelate

A proposito delle preoccupazioni sulla crisi di uno dei pilastri dell'economia italiana, quella del turismo, già oggetto di altri interventi su Giannella Channel, ecco due lettere che affrontano le mancate opportunità di un grande sito patrimonio mondiale dell'umanità...

Gli eroi che riscattano l’Italia
e quelli che la squalificano
lanciando banane al ministro

Abbiamo visto attonite quel lancio di banane al ministro Kyenge   Siamo cittadine di Cervia, sulla riviera romagnola, e abbiamo assistito con sbigottimento e rabbia al lancio di banane avvenuto durante l'incontro con il ministro Kyenge nell'ambito della festa del...

Meno violenza, più buone notizie: la bussola dei lettori per i giornali

uesta settimana sono un farmacista-scrittore di Ro Ferrarese dal cognome famoso (Giuseppe Sgarbi, 93 anni, papà di due protagonisti della nostra scena culturale come Elisabetta e Vittorio Sgarbi) e il...

Le (presunte) chiacchiere e la (vera) gloria

Una lettera al "Corriere della Sera" in cui un dirigente dello Studio Ambrosetti rivendica, con garbata fermezza, l'importanza dei Forum come quello di Cernobbio, che aiutano lodevolmente a diminuire il gap educativo della classe dirigente italiana; e le righe di...