Una finestra sul mondo:
Giannella Channel

Parlano di noi

intervista di Antonio Capitano*

Un Salvatore dell’Arte, un Salvatore della Cultura, un Salvatore della Bellezza. L’incontro con Salvatore Giannella lo ricordo come una delle più belle esperienze della mia vita. Giannella riesce a leggere dentro e oltre. Esamina l’animo umano con grande capacità di ascolto. Conserva tutto e sublima le piccole cose. In una ruga riesce a vedere il trascorso di un uomo e quella ruga è l’espressione di un luogo, del suo calore, del suo colore. Di un intero territorio. Salvatore è capace di farti sentire lo scoppiettio della legna in un camino, il rumore del mare e il grido del vento. Ma è anche capace di portarti in un paese lontano e raccontarti tradizioni e costumi. E magari riuscire a sentire l’odore del pane appena sfornato. Anche in una strada qualsiasi, riesce a trasmettere il momento mentre lo stesso accade. Leggere Salvatore è sempre una emozione sensoriale.

Dopo le sue varie esperienze lavorative di notevole prestigio (ha diretto settimanali come L’Europeo e mensili come Airone, curato le pagine di cultura e scienze di Oggi, scritto libri e curato sceneggiature per la Rai / La Storia siamo noi) vive una seconda giovinezza attraverso il suo sito Giannella Channel che è un cantiere di ricordi e di racconti. Di parole e di sostanza. Con un pensiero a chi, navigante, cerca una bussola utile e civile per l’Italia, per l’Europa e per il mondo. Un Agorà di consigli e di indicazioni. Lo spazio per chi ha costruito e costruisce il futuro. Immagini che diventano immediatamente di ciascuno. Con i grandi che hanno saputo esserlo perché qualcosa di speciale vi era nel loro animo. È la ricerca del bello, delle buone pratiche questo sguardo sul mondo per portarci premendo solo un tasto dove qualcuno ha lasciato qualcosa; una traccia, un pensiero, un sorriso.

Caro Salvatore, il tuo sito Giannella Channel è una delle tue tante creature. Come sono cambiate oggi le parole e che valore ha oggi la parola?

Le parole stanno attraversando un periodo di crisi rispetto all’immagine fissa e in movimento. Mangiamo pasta e immagini e intanto la voce che esce dai televisori riempie i silenzi tra uomo e donna, tra genitori e figli, tra amici. Così bisogna tornare dove la parola è ridata alle nostre bocche e le immagini germogliano nella nostra fantasia.
Questo vale soprattutto per i nostri politici. Nel mio giro nell’Europa efficiente (il diario è nel libro “Voglia di cambiare”, Chiarelettere) ho visto politici che parlano chiaro, senza parole «notabili per la mancanza di contenuti» (linguaggio deprecato già da uno dei padri della nostra Repubblica, Luigi Einaudi), né messaggi in codice destinati a collegare politico a politico passando sulla testa dei cittadini.
A loro, tecnici della perversa strategia degli annunci, ricorderei quelle quattro parole con cui Alcide De Gasperi, altro padre della nostra Repubblica da riscoprire per la sua attualità, sintetizzava il suo pensiero sulla politica: «Politica vuol dire realizzare». E non seminare parole spesso contraddistinte dalla doppiezza. Io sono dalla parte di Zavattini che diceva: “Con buongiorno intendo buongiorno e basta”. E liberale vuol dire veramente liberale e basta. Auspico un Galateo della Comunicazione.

Il tuo sito è una finestra sul mondo e permette di prendere parte a ciò che ci accade attorno con uno sguardo particolare all’Europa.

Un amico brasiliano mi ha rivelato che Giannella in portoghese significa “finestra” e quindi mi viene facile dire che il mio Giannella Channel vuole essere una finestra sul mondo, con un’ottica particolare: quella di familiarizzare con la meglio Europa, continente che purtroppo ha fallito nella sua strategia della comunicazione in quanto oggi è prevalente l’attenzione più sugli aspetti finanziari e sulle sorti dell’euro e meno sui tanti aspetti positivi della nostra convivenza pacifica nell’Unione europea. L’unione europea, il lavoro, i giovani e tutto ciò che di nuovo e utile si muove in questo scenario (basti pensare alla sfida dei fondi comunitari, da noi sempre perduti in gran parte, o ai posti di lavoro presenti nella banca dati della Ue) vuole essere il mosaico principale della mia attenzione.

salvatore-giannella

Salvatore Giannella con Tonino Guerra per la presentazione de La Valle del Kamasutra (26 ottobre 2010).

Tu hai da sempre la capacità di raccontare con attenzione il dettaglio di persone e fatti. In una società complessa senza più dialogo che cosa resta delle piccole cose?

Le piccole cose, se ben approfondite, possono dare forti emozioni. Ti faccio un solo esempio: un giorno sono capitato nella Rocca di Sassocorvaro, nel Montefeltro marchigiano. In una sala di quel capolavoro dell’architettura militare attribuito a Francesco di Giorgio Martini c’era un piccolo rettangolino di legno, grande quanto un pacchetto di sigarette, caduto a terra e avvolto in una ragnatela da un febbrile ragnetto. Raccogliendo quel pezzetto di legno, ho visto che c’era scritto a macchina, in lettere maiuscole:

In queste stanze durante la seconda guerra mondiale ebbero ospitalità e salvezza i principali capolavori dell’arte italiana.

Da quel piccolo segnale ho tratto un libro (L’Arca dell’arte) e un pluripremiato film per la Rai, nel programma la Storia siamo noi, titolo “La lista di Pasquale Rotondi”. La morale è facile da ricavare: occhio alle piccole cose, possono dare grandi soddisfazioni.

Che cosa è per te Giannella Channel e che cosa ti dà ogni giorno?

È scrutare l’orizzonte e condividere le storie scoperte con i miei (pochi) lettori e amici. L’orizzonte è costituito dai giornali che sfoglio ogni giorno e dalla navigazione nel web. Ma anche (forte del monito che mi indicò il mio maestro culturale Tonino Guerra: “Spesso l’orizzonte è alle nostre spalle”) dal mio viaggio in Retropolis, come scherzosamente lo chiama mio figlio Giacomo, artista digitale dalla fervida fantasia. Retropolis è il mio archivio costruito in decine d’anni di lavoro giornalistico in ogni parte del mondo e, adesso che da poco ho raggiunto la pensione, mi è possibile metter mano a quelle carte come se fosse il campo nel Tavoliere pugliese che coltivava mio padre Giacomo. Qui ci sono le mandorle. Laggiù, le olive. Le foglie devono essere tagliate in modo che i frutti possano crescere. A un certo momento devi sfoltire. Lavoro all’archivio come fossi il giardiniere evocato da Joan Mirò. E vedo affiorare da questo orto della memoria parole e storie che ancora oggi conservano la loro attualità e mi emozionano. Mi sorregge una frase di Baricco:

Non avrai completamente chiuso con il mestiere di giornalista

finché avrai una storia da raccontare e due orecchie pronte ad ascoltarti

bussola-punto-fine-articolo

Fonte: www.forniche.net. Antonio Capitano è funzionario comunale laureato in Scienze politiche. Ha pubblicato contributi su materie giuridiche, di economia della cultura, di analisi sociali e politiche. Cura un blog sul Fatto quotidiano. ha scritto per Il riformista e collabora con diverse riviste on line e cartacee (Critica Liberale, Bookavenue, Leggi Oggi, Tafter, Quotidiano arte, Rivista Siti Unesco, Rivista di Politica).

Formiche è un progetto culturale ed editoriale fondato a Roma da Paolo Messa nel 2004 e animato da trentenni con passione civile e curiosità per tutto ciò che è politica, economia, geografia, ambiente e cultura. Nata come rivista cartacea, oggi l’iniziativa Formiche è articolata attraverso il mensile (disponibile anche in versione elettronica), la testata quotidiana on-line formiche.net, un sito di informazione europea in lingua inglese anthill.eu, una collana di libri con la casa editrice Marsilio, un programma di seminari a porte chiuse Landscapes e una Fondazione onlus. Formiche ha l’orgoglio di essere un progetto indipendente che non gode del finanziamento pubblico e che non è organo di alcun partito. Direttore della rivista: Flavia Giacobbe.

Author: admin

Share This Post On

2 Comments

  1. Credo che abbia ragione. Altrimenti non si spiega come mai tu sei un cacciatore di storie e tuo fratello Vittorio di scatti di vita

    Post a Reply
  2. Perché, dopo la nativa Toscana

    e l’operosa Milano, ho scelto

    di gettare l’ancora in Sicilia

    Gentilissimo Salvatore Giannella,

    è da qualche anno che seguo il suo blog e leggo sempre con attenzione e interesse gli argomenti che tratta e pubblica… poi, ogni volta, il confronto con questa bella riflessione: “in viaggio verso il bello del mondo, i valori della vita, i segni positivi per il futuro”, e la mia storia e quella della mia famiglia mi appare all’improvviso.

    Mi chiamo Maria Cristina Picciolini, sono nata e cresciuta in Toscana fino in giovane età. Mi sono trasferita poi in Germania per amore, dove ho vissuto e lavorato per 23 anni. Sono un artista, ho superato da poco i 50 anni, e sono felicemente mamma, di tre figli.

    Otto anni fa mio marito, originario di Monaco di Baviera, accetta un trasferimento di lavoro da Monaco a Milano. Ero convinta che fosse la scelta giusta per lui, curioso e amante delle sfide, ma non per me che mi ero costruita un piccolo mondo italo-germanico, che mi aveva offerta tutto quello che avevo desiderato dalla vita fino a quel momento. Da brava moglie e da mamma super organizzata, decido con il terzo figlio, di seguire mio marito nel suo nuovo progetto di vita con l’idea che avrei cercato di cogliere la bellezza delle cose nascoste del nord Italia.

    Milano e la sua bella Brera, sembrava offrirmi il mondo ai miei piedi, invece, mi chiedeva di sapermi destreggiare con molta abilità se volevo far notare il mio operato. Passano tre anni e la frenesia della città indaffarata tra gli affari suoi, e io che non amo troppo i rumori, iniziava a pesarmi, a differenza di mio marito dove le soddisfazioni erano molteplici.

    Una mattina di inverno del 2015 passeggiando in Via Madonnina, rimango attratta da un negozio dal nome “i profumi di Ortigia” (purtroppo adesso non esiste più), entro e rimango attratta da fragranze quasi orientali e da fotografie di chiese barocche, vicoli colmi di sole e di ritratti segnati dalla salsedine.

    Non ero mai stata in Sicilia, nonostante all’Accademia di Belle Arti avessi fatto la tesi su Guttuso.

    A marzo, d’accordo con mio marito, partii con mio figlio, per 4 settimane con l’idea di visitare la Sicilia, sostando più a lungo nella bella Ortigia conosciuta a Via Madonnina. Arrivata sul posto, la magia della luce, il profumo delle mura antiche e la forza del mare mi hanno fatto “sganciare l’ancora”.

    Da quella primavera, a Milano sono tornata solo per fare il trasloco. Vivo a Siracusa con il terzo figlio, mentre mio marito fa il pendolare da Milano tutti i fine settimana.

    Ho deciso di rimanere in Sicilia per il piacere di vivere ad altri ritmi, per crescere un figlio, oggi di quasi 9 anni tra il mare, il sole e bambini che parlano una lingua per noi a volte nuova, ma che ci incuriosisce e ci stimola a capire quello che c’è oltre quel modo di dire e di fare in mezzo alle loro tradizioni.

    Ho anche capito nel tempo, che è bello, nel mio piccolo, essere testimone di quella Sicilia che vuole rinascere e si impegna per valorizzare il capitale storico, paesaggistico e umano, che la rende unica.

    Nell’internazionalità di Siracusa, tra turisti che arrivano da tutto il mondo, ho deciso di promuovere la bellezza umana del territorio siciliano, quella autentica e produttiva, quella che mi ha fatto innamorare ripensando ai miei nonni contadini, quella che fatica e quella dove le generazioni che sono andate fuori a studiare, tornano e vogliono rimanere.

    Ah dimenticavo, i nostri primi due figli, di 28 e 23 anni, grandi e indipendenti, vivono tra Germania e Spagna e ci raggiungono appena possono. Chissà che un giorno non abbiano voglia di emigrare, verso il bello del mondo, verso i valori della vita, e i segni positivi per il futuro di questo meraviglioso, sud!

    La mia Sicilia: lifexperiencesicily.it

    La ringrazio di cuore per la sua attenzione, le invio un caloroso saluto da Siracusa e tanti auguri per il suo blog.

    Maria Cristina Picciolini

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

graziano-pozzetto-frutti-dimenticati

Non perderti nulla

Iscriviti a "Nel mese", la newsletter 
con le migliori pubblicazioni
di Giannella Channel

La tua iscrizione è andata a buon fine. Grazie!