Sostegno per valorizzare e promuovere prodotti turistici tematici transnazionali sostenibili. Bando 2013

di Maria Grazia Gotti*

La sede del Parlamento UE a Bruxelles

La sede del Parlamento UE a Bruxelles

Per “prodotto turistico tematico” si intende una combinazione di destinazioni / attrazioni / servizi che prendono la forma di percorso/itinerario / viaggio / offerta turistica transnazionale, sia fisica (cioè basata su un’infrastruttura fisica) sia concettuale (che colleghi luoghi / destinazioni / attrazioni) che abbia un tema comune e un alto potenziale di sviluppo del turismo sostenibile.

  • Fonte. Commissione europea – Sito Web Europa 70/G/ENT/CIP/13/B/N03S04
  • Ente Erogatore. Commissione europea
  • Obiettivo
    • Obiettivi generali:
      • sostenere la valorizzazione e la promozione di prodotti turistici tematici transnazionali sostenibili che contribuiscono allo sviluppo e alla promozione del turismo sostenibile in Europa, migliorandone la visibilità e la diffusione sul mercato.
      • contribuire alla creazione di un ambiente favorevole alla cooperazione transnazionale tra stakeholder (portatori di interesse) dei settori turistici, con particolare attenzione per le piccole e micro imprese.
    • Obiettivi specifici:
      • Rafforzare la cooperazione trans-nazionale in materia di turismo sostenibile;
      • Incoraggiare una maggiore partecipazione delle piccole e micro imprese e delle autorità locali;
      • Stimolare la competitività del settore turistico per mezzo di una maggiore attenzione sulla diversificazione dei prodotti turistici tematici sostenibili.
  • Azioni.Le azioni dovranno comprendere attività all’interno di queste aree:
    • rafforzare i prodotti turistici tematici transnazionali sostenibili, compreso lo sviluppo di offerte/pacchetti per agevolare la loro accoglienza da parte del mercato quando il cofinanziamento del progetto sarà terminato;
    • promuovere e migliorare la visibilità dei prodotti turistici tematici transnazionali sostenibili attraverso attività congiunte transnazionali di promozione-comunicazione e offrendo, tra le altre cose, informazioni pratiche ed esaurienti ai potenziali turisti e agli stakeholder del settore,
    • agevolare i partenariati pubblico-privati e l’integrazione delle imprese collegate al settore del turismo, in particolare le piccole e micro imprese come anche le autorità locali, nella catena dell’offerta dei prodotti turistici tematici transnazionali come nelle strategie di promozione dello sviluppo regionale e del turismo.

    Una proposta progettuale deve coprire almeno 4 Paesi, svilupparsi attorno a un tema comune e promuovere l’espansione sul mercato di un prodotto che ha già raggiunto un certo grado di sviluppo. Deve inoltre avere alte potenzialità per lo sviluppo del turismo sostenibile.

    Una proposta progettuale dovrebbe concentrarsi sulla promozione di un prodotto turistico tematico transnazionale concreto basato su una tipologia di turismo (turismo culturale, cicloturismo, eco-turismo, turismo enogastronomico, turismo della salute, turismo storico, turismo naturale, pellegrinaggi turistici, agri-turismo, turismo rurale, turismo marittimo, turismo del patrimonio culturale subacqueo, turismo del patrimonio industriale, ecc.).

  • Beneficiari. Autorità pubbliche governative e loro reti/associazioni a livello europeo, internazionale, nazionale, regionale e locale o altre organizzazioni che agiscono per conto di un’autorità pubblica governativa; istituti di istruzione/ formazione accademica, organizzazioni di gestione delle destinazioni e loro reti/associazioni, agenzie di viaggio e Tour Operator e loro associazioni, Camere del commercio e dell’industria, camere dell’artigianato o organismi analoghi e loro associazioni, organizzazioni no-profit/ONG, organizzazioni della società civile, fondazioni, think-tank e loro associazioni; reti o federazioni di enti pubblici o privati la cui attività principale rientra nei settori: turismo, sviluppo regionale o altri campi strettamente collegati ai temi del bando; associazioni/organizzazioni internazionali, europee e nazionali attive nel turismo e settori collegati, federazioni e associazioni che operano in partnership ai confini di un certo numero di paesi con una comprovata estensione transfrontaliera; imprese di dimensioni piccole e medie (PMI) che operano nel settore del turismo e precisamente nei campi della ricettività turistica, della ristorazione, delle agenzie di viaggio o dei tour operator, delle attrazioni, del tempo libero (attività ricreative, culturali e sportive), dei trasporti turistici, ecc.E inoltre: organizzazioni turistiche nazionali, regionali, locali, agenzie pubbliche e private per la promozione del turismo, enti pubblici e privati la cui attività principale rientri nei settori del turismo, dello sviluppo regionale o in qualsiasi altro campo strettamente collegato all’oggetto della proposta.
  • Entità contributo. Il contributo comunitario può coprire fino al 75% delle spese ammissibili per un massimo di 250.000 euro; saranno finanziati al massimo 5 progetti (7 se il budget disponibile sarà aumentato a 1.500.000 euro).
  • Modalità e procedura. Il proponente deve operare nel contesto di un partenariato transnazionale di almeno 5 diversi attori (proponente più 4 partner) provenienti da almeno 4 diversi Stati ammissibili. Fra i membri del partenariato ci deve essere almeno una PMI che opera nel settore turistico, una autorità nazionale (Ministero nazionale del turismo e/o sviluppo regionale o altro con la competenza sui temi oggetto della proposta o un’organizzazione nazionale per il turismo) e un’autorità pubblica regionale o locale o una rete o associazione di autorità pubbliche regionali o locali.La durata massima prevista dei progetti è di 18 mesi; le attività dovrebbero cominciare indicativamente verso marzo 2014.

    Ai progetti possono partecipare anche partner dei Paesi EFTA/SEE e di altri Paesi ammissibili al cofinanziamento di CIP ovvero: Croazia, Ex repubblica iugoslava di Macedonia, Turchia, Serbia, Montenegro, Albania e Israele.

    La documentazione per la preparazione delle proposte progettuali è reperibile sulla pagina web indicata negli Indirizzi utili (più sotto)

  • Scadenza. 03/07/2013
  • Referente. Commissione europea – DG Imprese e industria
  • Risorse finanziarie disponibili: 1.500.000 euro
  • Indirizzi utili
  • Formulari e documenti: Call text (file .pdf)

* Fonte: Europafacile, la newsletter mensile on-line sulle tematiche europee realizzata da Ervet Spa in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *