L'arte rubata riappare dalla sabbia vulcanica di Valerie: e al Maio di Cassina, alle porte di Milano, riparte il progetto del museo dei capolavori perduti

Arti & Culture | I cento turismi

testo di Salvatore Giannella – foto di Cinzia Bracco per Giannella Channel

L'arte rubata riappare dalla sabbia vulcanica di Valerie: e al Maio di Cassina, alle porte di Milano, riparte il progetto del museo dei capolavori perduti

Arti & Culture | I cento turismi

testo di Salvatore Giannella – foto di Cinzia Bracco per Giannella Channel

Dopo il periodo di riposo dovuto alla pandemia, il Maio (Museo dell’arte in ostaggio e delle grafiche visionarie), sorto nel 2015 a Cassina de’ Pecchi, alle porte di Milano, con l’intento di ricordare agli italiani le opere d’arte razziate principalmente dai nazisti durante l’ultimo conflitto mondiale e ancora “prigioniere di guerra”, è tornato a ospitare artisti di levatura internazionale. È stata la volta di Valérie Rauchbach, parigina, “artista della sabbia” e anche scrittrice e docente all’Ecole Nationale Supérieure d’Architecture Paris-Val de Seine, rimasta colpita dalla visita al piccolo ma suggestivo museo della memoria (visita guidata dall’ideatore del Maio, Salvatore Giannella: foto in apertura) fatta due anni fa. La scultrice francese ha voluto portare nel torrione seicentesco di via Trieste, nella corte Pacchioni e Rotondi, la sua personale mostra “Rinascere”.

Il torrione seicentesco dove è ospitato il MAIO, museo dell'arte in ostaggio a Cassina de' Pecchi (Milano). Per seguire gli eventi: museomaio.it

La Valérie ha esposto opere ispirate ai capolavori trafugati, realizzate con la tecnica della “sabbia nera” dei vulcani che l’ha resa famosa nel mondo. Fra le “riletture” ha colpito i visitatori quella del Fauno ridente, prima scultura di Michelangelo, rubata dai nazisti della 305° divisione di fanteria nella notte tra il 22 e 23 agosto 1944 dal castello dei conti Guidi a Poppi (Arezzo). L’opera è considerata il simbolo delle 1.641 opere scomparse e capolista nell’elenco esposto nel Maio, in continuo aggiornamento.
Distruggere vite e rubare opere d’arte”, così la Valérie all’inaugurazione con le autorità comunali, sindaco Elisa Balconi e assessore alla Cultura Lucia Marino in primo piano, “furono due aspetti della follia egemonica di settant’anni fa. Alcuni dei tesori dell’umanità sono scomparsi per sempre ma sono sopravvissuti nei ricordi. Ed è l’intento di non far spegnere il ricordo che ha guidato anche la mia opera”.
Valerie Rauchbach e Elisa Balconi - Cassina de' Pecchi

Valérie Rauchbach (con il cappello) ripresa con il sindaco di Cassina de' Pecchi, Elisa Balconi, tra le sue due opere evocanti il Fauno ridente di Michelangelo e Ritratto di giovane donna di Lorenzo di Credi, lasciate dall'artista parigina in comodato d'uso al Maio, il Museo dell'arte in ostaggio.

La Valérie ha esposto opere ispirate ai capolavori trafugati, realizzate con la tecnica della “sabbia nera” dei vulcani che l’ha resa famosa nel mondo. Fra le “riletture” ha colpito i visitatori quella del Fauno ridente, prima scultura di Michelangelo, rubata dai nazisti della 305° divisione di fanteria nella notte tra il 22 e 23 agosto 1944 dal castello dei conti Guidi a Poppi (Arezzo). L’opera è considerata il simbolo delle 1.641 opere scomparse e capolista nell’elenco esposto nel Maio, in continuo aggiornamento.
Distruggere vite e rubare opere d’arte”, così la Valérie all’inaugurazione con le autorità comunali, sindaco Elisa Balconi e assessore alla Cultura Lucia Marino in primo piano, “furono due aspetti della follia egemonica di settant’anni fa. Alcuni dei tesori dell’umanità sono scomparsi per sempre ma sono sopravvissuti nei ricordi. Ed è l’intento di non far spegnere il ricordo che ha guidato anche la mia opera”.
Valerie Rauchbach e Elisa Balconi - Cassina de' Pecchi

Valérie Rauchbach (con il cappello) ripresa con il sindaco di Cassina de' Pecchi, Elisa Balconi, tra le sue due opere evocanti il Fauno ridente di Michelangelo e Ritratto di giovane donna di Lorenzo di Credi, lasciate dall'artista parigina in comodato d'uso al Maio, il Museo dell'arte in ostaggio.

Proprio per sottolineare il suo impegno a favore dell’arte perduta, Valérie ha voluto lasciare in comodato d’uso al Maio il suo Fauno ridente insieme al Ritratto di giovane donna di Lorenzo di Credi. Esse vanno a costituire l’iniziale innesco dell’arricchimento del Maio con un supplementare Museo dell’arte perduta e costituisce un esempio per gli altri artisti chiamati a esporre nel Torrione di via Trieste una propria opera ispirata dai capolavori scomparsi: a ricordare agli italiani che la loro identità, rimasta a lungo offuscata, non è del tutto perduta ma in attesa di essere riportata alla luce.

bussola-punto-fine-articolo

Salvatore Giannella, giornalista che ha ideato e cura con passione questo blog che vuole essere una bussola verso un futuro amico, ha diretto il mensile scientifico del Gruppo L'Espresso Genius, il settimanale L'Europeo, il primo mensile di natura e civiltà Airone (1986-1994), BBC History Italia e ha curato le pagine di cultura e scienza del settimanale Oggi (2000-2007). Ha scritto libri ("Un'Italia da salvare", "L'Arca dell'arte", "I Nicola", "Voglia di cambiare", "Operazione Salvataggio: gli eroi sconosciuti che hanno salvato l'arte dalle guerre", "Guida ai paesi dipinti di Lombardia", "In viaggio con i maestri. Come 68 personaggi hanno guidato i grandi del nostro tempo", "Terra ultima chiamata" e "Acqua ultima chiamata" (Edizioni Antiga, 2020 e 2022), a quattro mani con Maria Rita Parsi "Manifesto contro il potere distruttivo" (Chiarelettere, 2019) e, con Valentina Galli, "Gianni, il civismo è il profumo della vita" (Edizioni Affinità Elettive, 2022), curato volumi di Tonino Guerra ed Enzo Biagi e sceneggiato docu-film per il programma Rai "La storia siamo noi" (clicca qui per approfondire).

FOTOGALLERY

Il torrione dove
si è rifugiata
l’arte scomparsa

Il Maio di Cassina
con gli occhi di Cinzia Bracco

Il torrione dove si è rifugiata l’arte scomparsa

Il Maio di Cassina con gli occhi di Cinzia Bracco

Maio, museo arte in ostaggio - Cassina de' Pecchi
Maio, museo arte in ostaggio - Cassina de' Pecchi
Maio, museo arte in ostaggio - Cassina de' Pecchi
Maio, museo arte in ostaggio - Cassina de' Pecchi
Maio, museo arte in ostaggio - Cassina de' Pecchi
Cinzia Bracco

Cinzia Bracco

Fotografa

Cinzia Bracco è fotografa, pittrice, restauratrice per passione. Amante della natura, le piace scrivere per le riviste della Martesana sui temi ambientali. Ha vissuto sino a 28 anni a Cassina de’ Pecchi e, in precedenza, a Pioltello prima che enormi palazzi occupassero il verde. Ricorda: “Passavo il mio tempo a giocare su casette costruite sugli alberi e fra le montagne di fieno… Bei tempi”. Amante dalla corsa sin da giovane, coltiva due passioni: la montagna e la musica (suonava il pianoforte).

A PROPOSITO

Valérie, l’artista della sabbia

accolta con queste parole

Il manifesto comunale per la mostra

della scultrice parigina

Valérie, l’artista della sabbia accolta con queste parole

Il manifesto comunale per la mostra della scultrice parigina

Valérie Rauchbach tra i pannelli che, nel MAIO di Cassina de’ Pecchi, ricordano le opere d’arte trafugate. Dopo aver letto in Francia su una rivista vietnamita un articolo dedicato al nostro MAIO, era venuta in visita per scoprire l’unico museo italiano dedicato alle opere d’arte ancora “prigioniere di guerra” e si era offerta per contribuire attivamente al progetto.

Settanta anni fa il mondo scoprì l’orrore assoluto che, come un potere odioso e furioso, si era impegnato a distruggere le esistenze e le culture che non erano di suo gradimento.

Distruggere vite e rubare opere d’arte erano due aspetti della follia egemonica. Alcuni dei tesori dell’umanità, che componevano la ricchezza culturale dell’Italia, sono quindi scomparsi per sempre.

Ma non proprio, perché sono sopravvissuti nei ricordi.

È con questo intento, quello di non far spegnere il ricordo, che Valérie Rauchbach torna al MAIO con la sua mostra personale, dando giustizia alle opere scomparse, non copiandole da fac-simili, ma mettendo al loro servizio il suo grande talento di artista internazionale, in una vera e propria ricreazione, con il suo sguardo e la sua tecnica contemporanea.

Rinomata per l’utilizzo di sabbia nera vulcanica, che riesce a rendere estremamente punteggiata di estrema brillantezza, condividerà al MAIO le sue emozioni silenziose. I visitatori avranno così la sensazione di ritrovare gli artisti e le loro opere trafugate, tra di loro Michelangelo, Di Credi, Raffaello… A queste si aggiunge il dipinto di Modigliani rubato nel 2010, per ricordare che la pittura italiana anche oggi resta vittima dell’osio.

Le opere di sabbia nera di Valérie Rauchbach faranno come riapparire le opere trafugate, così che tutti possano rivivere questi capolavori scomparsi, con l’intento di farli riemergere dall’oscurità, dove la barbarie voleva condurle.

bussola-punto-fine-articolo

Fotogallery

Sapessi quant’è strano
un dipinto basato sul vulcano

Il “Fauno ridente” di Michelangelo e altre opere create da Valérie
con sabbia vulcanica ed esposte al MAIO

Fotogallery

Sapessi quant’è strano un dipinto basato sul vulcano

Il “Fauno ridente” di Michelangelo e altre opere create da Valérie con sabbia vulcanica ed esposte al MAIO

Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica
Alcune opere create da Valérie Rauchbach con sabbia nera vulcanica

La Tempesta nella tempesta della guerra e altre storie di eroici salvatori dell’arte

Nel nuovo libro di Salvatore Giannella i "Monuments men" italiani (come Pasquale Rotondi, che sottrasse ai nazisti Giorgione e altre 6.509 opere di valore) e gli altri coraggiosi che, a rischio della vita, hanno protetto i capolavori durante la Seconda guerra mondiale...

Pur sfigurata dalla guerra, ai soldati “aggiustaveneri” l’Italia sembrò bellissima

Giornalista e traduttrice, Ilaria Dagnini Brey è nata a Padova ma da un quarto di secolo vive a New York (il marito è primo violoncellista alla New York Philharmonic). Il suo primo libro è stato Salvate Venere! La storia sconosciuta dei soldati alleati che salvarono...

Fu trafugata dai nazisti nel 1943,
la “Carica dei bersaglieri”
torna alla Garibaldi

I lettori di Giannella Channel sanno dell'appello lanciato anche attraverso il mio nuovo libro ("Operazione Salvataggio. Le storie degli eroi che hanno salvato l'arte dalle guerre", edito da Chiarelettere) perché non siano dimenticate le oltre 1.600 opere d'arte...

La Venere di San Giovanni in Perareto
torna a Rimini dopo mezzo secolo

opo 50 anni il Museo di Rimini ha finalmente ottenuto la restituzione del bronzetto della Venere di San Giovanni in Perareto (località a nord della città romagnola, dove il reperto fu trovato nel 1941),...

Prossimamente incontro i lettori

Salvatore Giannella, autore del libro “Operazione Salvataggio. Le storie degli eroi sconosciuti che hanno salvato l’arte nelle guerre” (Chiarelettere, 2014) incontra i suoi lettori a: BELLINZAGO LOMBARDO (Milano), martedì 28 ottobre, c/o cinema Arcadia. PAESTUM...

Sergio Romano elogia Giuseppe Bottai, paladino
della cultura: “Era convinto che il nostro patrimonio
fosse la prova dell’esistenza di una nazione italiana”

Caro Romano, in un incontro di Bookcity dedicato agli eroi che riportarono a casa i tesori d’arte di Milano, è stato evocato un suo prezioso libretto (L’arte in guerra) che fa capire perché l’arte possa essere amata, ma anche odiata, conquistata… “Per le opere d’arte...

Chi li ha visti? I tesori
di Piemonte e Lombardia
ancora prigionieri di guerra

Sono tornato a Firenze per rivisitare un singolare museo: la Casa Siviero, sul lungarno Serristori, nel quartiere di Oltrarno. Nel mio libro, “Operazione Salvataggio” (Chiarelettere) dedico a questo 007 dell’arte un capitolo perché al suo nome è legato il recupero di...

Chi li ha visti? I tesori d’arte della Toscana ancora prigionieri di guerra

Continua la campagna di Giannella Channel per ritrovare il patrimonio artistico disperso all'epoca della Seconda guerra mondiale: a fine testo altri link utili, pubblicati in precedenza. In questa puntata, grazie alle testimonianze scritte e visive raccolte nella...

CHI LI HA VISTI? I primi 60 tesori d’arte di Firenze ancora prigionieri di guerra

Continua la campagna di Giannella Channel per ritrovare il patrimonio artistico disperso all’epoca della Seconda guerra mondiale: a fine testo altri link utili, pubblicati in precedenza. In questa puntata, grazie alle testimonianze scritte e visive raccolte nella...

A Cassina, alle porte di Milano, ha aperto il MAIO, il Museo dell’Arte in Ostaggio

Immagini e storie delle 1.651 opere trafugate dai nazisti e ancora introvabili. C’è anche la “Testa di Fauno”, prima scultura di Michelangelo testo di Tina Lepri* / Giornale dell’Arte on line fotocronaca inaugurazione di Vittorio GiannellaHa...