Dalle terre amate da Rigoni Stern ed Ermanno Olmi alla Fiera del Libro di Roma: Grazia Francescato presenta il mio “Terra ultima chiamata” e invita i punti luce a farsi costellazione

Dicono di noi

introduzione di Salvatore Giannella – testo di Grazia Francescato

Dalle terre amate da Rigoni Stern ed Ermanno Olmi alla Fiera del Libro di Roma: Grazia Francescato presenta il mio “Terra ultima chiamata” e invita i punti luce a farsi costellazione

Dicono di noi

introduzione di Salvatore Giannella - testo di Grazia Francescato

C’è un appuntamento annuale cui guardo con studiosa curiosità: “Più libri, più liberi”, la Fiera nazionale della Piccola e Media Editoria che si tiene a Roma ogni anno, a inizi dicembre. Quest’anno la Fiera si è tenuta in presenza e ha festeggiato i suoi primi vent’anni di attività con numeri incoraggianti per quanti tifano per la biblio-diversità: 484 espositori e oltre 4.000 appuntamenti.
 
In questa edizione una finestra c’è stata anche per il libro da me curato: Terra ultima chiamata (Antiga Edizioni, 2020). L’ha presentato (con il direttore editoriale della casa editrice veneta, Andrea Simionato) una pioniera dell’ambientalismo scientifico: Grazia Francescato, nota per la sua lunga attività a favore dell’ambiente e di Madre Terra (nella foto a lato, di Daniele Pellegrini). Qui i brani centrali della presentazione di Grazia, alleggeriti dalla serie di denunce e di esempi citati. (S.Gian.)
grazia-francescato-Patagonia-Carrettera-1992
C’è un appuntamento annuale cui guardo con studiosa curiosità: “Più libri, più liberi”, la Fiera nazionale della Piccola e Media Editoria che si tiene a Roma ogni anno, a inizi dicembre. Quest’anno la Fiera si è tenuta in presenza e ha festeggiato i suoi primi vent’anni di attività con numeri incoraggianti per quanti tifano per la biblio-diversità: 484 espositori e oltre 4.000 appuntamenti.
 
In questa edizione una finestra c’è stata anche per il libro da me curato: Terra ultima chiamata (Antiga Edizioni, 2020). L’ha presentato (con il direttore editoriale della casa editrice veneta, Andrea Simionato) una pioniera dell’ambientalismo scientifico: Grazia Francescato, nota per la sua lunga attività a favore dell’ambiente e di Madre Terra (nella foto sotto, di Daniele Pellegrini). Qui i brani centrali della presentazione di Grazia, alleggeriti dalla serie di denunce e di esempi citati. (S.Gian.)
grazia-francescato-Patagonia-Carrettera-1992

Salvatore Giannella, Terra ultima chiamata (Antiga Edizioni).

Quello di Salvatore Giannella è un libro GLOCAL. Ben radicato nel territorio d’origine (l’altopiano di Asiago, le montagne venete, con i riferimenti culturali DOC quali Mario Rigoni Stern, Dino Buzzati, Ermanno Olmi e in primis, il trevigiano Giuseppe Mazzotti nel cui nome l’Associazione di San Polo di Piave ha organizzato il seminario di Asiago nel 2019. Ma capace di uno sguardo planetario, oggi indispensabile per risolvere i problemi globali che ci troviamo davanti (cambiamento climatico, declino della biodiversità, naturale e culturale, eccetera).

È un libro ERETICO, nel senso etimologico del termine (eresia significa scelta, ovviamente controcorrente rispetto al pensiero dominante). In questo caso é felicemente eretica la scelta di “fare MEMORIA”, oggi che la memoria é in estinzione più del panda… A cominciare dalla rievocazione/riflessione sul convegno di Asiago che é l’occasione per ripercorrere il cammino dell’ambientalismo, costruito proprio da illustri “eretici” (da Giulia Maria Crespi a Gianfranco Bologna, da Franco Iseppi a Luca Mercalli a Giannella stesso, mettendo in prima linea tutti i lampadieri dell’ambiente – qui ho letto la bella definizione di Tom Benetollo, che ben conoscevo, a pag. 22).

È un libro PROATTIVO. Non basta “fare memoria”, l’orologio doomsday, quel segnatempo dell’Apocalisse curato dagli scienziati dell’Università di Chicago, ritratto in copertina, ci avverte che il tempo sta per scadere ed é fondamentale un salto di qualità della coscienza collettiva. Soprattutto dopo la pandemia, che ci ha fatto capire che non c’è più un prima a cui tornare, ma un dopo da costruire insieme. Condotti da tre stelle comete, il concetto di cura, di interconnessione tra salute del pianeta e salute umana e di autentica sostenibilità, ambientale, sociale ed economica.

Dunque il libro è una CHIAMATA ALL’AZIONE, ricco di proposte e suggerimenti, capace di unire i dati della ricerca scientifica e le suggestioni dell’arte, della letteratura, della musica, quindi in grado di parlare al cuore e alla mente. Di tutti, ovviamente, ma soprattutto della generazione giovane, quella dei Fridays for future, dei ragazzi e dei bambini cui spetta l’arduo compito di salvare la casa comune. (Bene hanno fatto i sindaci veneti che hanno donato copie del volume ai ragazzi delle scuole nel proprio territorio).

Infine, non va tralasciato un accenno alla grafica e alla forma del libro, molto originale e creativa (disegni, a cura della giovane Ilaria Ferri, e non la solita foto per ritrarre gli autori; lo struggente fotoreportage di Paolo Spigarol sulla foresta del Cansiglio ferita da Vaia, la pulizia ed eleganza della copertina). D’altronde non ci si poteva aspettare di meno da Antiga Edizioni, che é molto più di una normale casa editrice: è un “punto luce”…

I punti luce, che nella mia esperienza personale sto trovando dovunque, in Italia e fuori, sono persone, organizzazioni, imprese che fanno bene le cose buone, che costruiscono ogni giorno la vera sostenibilità che tanti si limitando a predicare (il green washing, l’ecologismo di facciata, impazza!). Ma questi punti luce non fanno ancora costellazione, spesso non si conoscono, non si mettono insieme, non costruiscono un ruolo comune rilevante. Ecco, un libro come Terra ultima chiamata ed eventi come questo della presentazione in cornici importanti come la Fiera di Roma sono altrettante occasioni per aiutare i punti luce a… fare costellazione!

bussola-punto-fine-articolo

Grazia Francescato è giornalista e leader ambientalista, già presidente del WWF Italia, dei Verdi italiani ed europei; già responsabile rapporti internazionali di Greenaccord. Membro del Consiglio Generale di Aspen Institute, collabora attualmente a Women 20, il filone del G20 che ha come protagoniste le donne e continua il suo impegno nel dialogo tra fedi ed ecologia. Ha scritto un saggio sulla Laudato Sì, pubblicato dalla LEV (Libreria Editrice Vaticana) nel 2016 e due libri sul rapporto tra Natura e Spiritualità: In viaggio con l’Arcangelo e Lo sguardo dell’anima, pubblicati da Edizioni Mediterranee.
Grazia Francescato (nella foto a lato, con il principe Filippo arrivato in visita a Roma nel 1995) è giornalista e leader ambientalista, già presidente del WWF Italia, dei Verdi italiani ed europei; già responsabile rapporti internazionali di Greenaccord. Membro del Consiglio Generale di Aspen Institute, collabora attualmente a Women 20, il filone del G20 che ha come protagoniste le donne e continua il suo impegno nel dialogo tra fedi ed ecologia. Ha scritto un saggio sulla Laudato Sì, pubblicato dalla LEV (Libreria Editrice Vaticana) nel 2016 e due libri sul rapporto tra Natura e Spiritualità: In viaggio con l’Arcangelo e Lo sguardo dell’anima, pubblicati da Edizioni Mediterranee.
Grazia Francescato, Presidente WWF, con Principe Filippo - 1995

CHE C’E’ DI NUOVO

Intanto a Treviso, la città d’acqua di Bepi Mazzotti, nasce il Manifesto a difesa dell’oro blu

Dopo il convegno di Asiago del 2019, l’Associazione Premio Letterario Giuseppe Mazzotti (premiomazzotti.it) ha organizzato il 29 ottobre 2021 a Treviso una nuova giornata di studi, coordinata da Salvatore Giannella, dal titolo “L’orologio dell’acqua”, con CAI – Club Alpino Italiano e Touring Club. Il nuovo seminario, tra l’altro, ha dato vita a un documento finale in cui si riassumono i princìpi per una buona gestione delle risorse idriche e vengono indicate alcune azioni fondamentali per un utilizzo più attento. Servirà a sensibilizzare istituzioni e associazioni di categoria e a costruire insieme una comune “coscienza idrica”. I primi firmatari del Manifesto, elaborato dal presidente dell’Associazione Pier Francesco Ghetti, sono i tre vincitori del Premio Mazzotti Contemporaneo “Lampadiere dell’Ambiente”, eredi e attuatori dei valori mazzottiani di tutela e salvaguardia della natura: il romano Edoardo Borgomeo, Honorary Research Associate all’Università di Oxford, il veneziano Eriberto Eulisse, coordinatore della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua, e la pugliese Claudia Laricchia, Climate Leader del “The Climate Reality Project” dell’ex vicepresidente statunitense Al Gore. A breve saranno disponibili gli atti, in un nuovo libro in lavorazione presso Grafiche Antiga.

Qui il testo del Manifesto a difesa dell’acqua e come sottoscriverlo.

Ricostruiamo il nuovo atlante delle piccole case editrici e i loro fiori all’occhiello. Per ringraziarli della grande offerta culturale che ci offrono e per aiutarli in un mercato in crisi

  I piccoli editori sono in grave crisi e molti rischiano di scomparire. Rischiamo di perdere un grande mosaico di ricchezza culturale. Sentite la diagnosi che ha fatto Enrico Iacometti, presidente del gruppo Piccoli e medi editori dell'Aie (Associazione italiana...

V come Vicolo di Cesena: se lo stampatore degli artisti si siede a tavola

  Galeotto fu, vent’anni fa, il bando di concorso per un catalogo d’arte di una mostra organizzata a Cesena. Marisa Zattini (una laurea in architettura a Firenze con una tesi in Restauro e consolidamento dei monumenti, grandi soddisfazioni come artista, poetessa,...

F come Felici di Pisa:
libri preziosi
che raccolgono l’ingegno
delle università

Che cosa hanno in comune gente famosa anche in campo internazionale e dalla carriera eccellente nei vari campi come Giuliano Amato e Tiziano Terzani, Antonio e Sabino Cassese, l’ambasciatore Marcello Spatafora e gli scienziati Lamberto Maffei, Piergiorgio Strata ed...

A come Armando di Roma:
con i nostri libri
insegniamo ai maestri che insegnano

Anche le case editrici sono strumento di cultura. Per quello che ci riguarda possiamo affrontare a fronte alta che abbiamo l'ambizione di concorrere, nella modestia delle nostre forze, al determinarsi di una situazione socio-culturale, nella scuola italiana,...

P come Progedit di Bari. Un calamaio che ha messo radici e germoglia, questo è un Dato

  In quel freddo pomeriggio d'inverno, gennaio 1997, mentre la macchina procedeva verso lo studio del notaio, il paesaggio innevato della Murgia barese folgorò Gino Dato del ricordo degli altri “biancori” della sua vita. Il bianco dei libri e delle cartelle...

K come Kurumuny. Nel Salento vogliono far tornare protagonisti gli invisibili e la loro umanità

  Kurumuny dal griko, lingua parlata nell'area ellenofona del Salento, è il germoglio dell'albero d'ulivo. Kurumuny Edizioni nasce a Calimera (Lecce), un piccolo centro della Grecìa salentina, nel gennaio 2004 a opera di Luigi e Giovanni Chiriatti: il primo è uno...

A come AdArte: la bussola per entrare
nelle città più intime e segrete,
navigando nel mare delle arti

I dieci anni, che la casa editrice AdArte compie nel 2013, sono già un importante traguardo per una vocazione editoriale controcorrente, un po' all'antica: ad artes… e cioè con l'obiettivo di pubblicare solo qualcosa di importante, di originale, qualcosa che...

C come CB Edizioni. Dalla Toscana educare nel segno di Leonardo e Michelangelo

  Questo vecchio adagio, spesso dimenticato, è un monito a che abbiamo deciso di tenere ben a mente ogni volta che...

D come Dedalo / La carica dei mille titoli: più qualità per vincere (non solo) nelle università

La casa editrice Dedalo, indipendente e di tradizione familiare, fondata da Raimondo Coga, ha iniziato la sua attività nel 1965 come affiliata della Dedalo Litostampa che ne è tuttora la società controllante. È nel 1960, infatti, che Raimondo Coga, dopo vari lavori...

DR come Di Renzo. La signora delle stelle, Margherita Hack, fece da passaparola e fu subito un successo

La casa editrice Di Renzo Editore è nata nel 1985 a Roma, quando il chimico e psicologo Sante Di Renzo, dopo aver tentato senza successo di far ripubblicare un libro del matematico italiano Luigi Fantappié, ormai introvabile, decise di ristamparlo in proprio....