Fiocco azzurro in Olanda: nasce Depot, il primo deposito d'arte al mondo accessibile al pubblico

Sabato 6 novembre apre il “Depot Boijmans Van Beuningen” a Rotterdam. Qui i visitatori avranno la possibilità di guardare nel retroscena dell’intera collezione del museo omonimo che si trova a poca distanza

Arti & Culture | La meglio Europa

testo di Anna Malagoli¹ per Giannella Channel

Fiocco azzurro in Olanda: nasce Depot, il primo deposito d'arte al mondo accessibile al pubblico

Sabato 6 novembre apre il “Depot Boijmans Van Beuningen” a Rotterdam. Qui i visitatori avranno la possibilità di guardare nel retroscena dell’intera collezione del museo omonimo che si trova a poca distanza

Arti & Culture | La meglio Europa

testo di Anna Malagoli¹ per Giannella Channel

È tutto pronto: il prossimo sabato 6 novembre 2021 sarà inaugurato nel Museumpark di Rotterdam il “Depot Boijmans Van Beuningen”, il più grande deposito di arte al mondo aperto al pubblico, dove i visitatori avranno la possibilità di guardare nel retroscena dell’intera collezione del vicino museo Boijmans Van Beuningen. Il ricco patrimonio del museo era infatti goduto solo in parte a causa degli spazi limitati, insufficienti per poter esporre l’intera collezione. Da qui è nata la bella idea del Depot.

I più grandi musei al mondo sono infatti in grado di esporre solo dal 6 al 10% delle proprie collezioni; il resto è custodito in magazzini ampi e sicuri, ovviamente non accessibili al pubblico. “Depot Boijmans Van Beuningen” rompe questa tradizione e rende visibili le opere d’arte invisibili.

Un unicum mondiale

Progettato dallo studio MVRDV di Rotterdam, il Depot è impostato su una dinamica diversa da quella dei musei tradizionali, perché non ospita mostre o esposizioni a tema, ma permette di aggirarsi fra le 151 mila opere d’arte della collezione, e di osservare da vicino le operazioni di conservazione e restauro. Il pubblico potrà finalmente scoprire quello che accade dietro alle quinte di un museo.

La collezione è distribuita in diversi “sotto-depositi”, ognuno dei quali dispone di un proprio impianto climatico con livelli di temperatura e umidità impostati secondo le esigenze delle diverse opere d’arte. Queste, infatti, saranno raggruppate secondo un criterio originale: non per epoca, per artista, per stile, ma sulla base delle esigenze climatiche che le accomunano.

Gli oggetti sono avvolti, appesi o esposti in vetrine; i pezzi forti sono esposti in una delle tredici grandi vetrine sospese nell’atrio. Il percorso tra un magazzino e l’altro e tra una sala e l’altra, si svolge all’interno di un atrio a tutt’altezza dotato di rampe e ascensori.

Il design

Il progetto, realizzato dal rinomato studio di architettura MVRDV sotto la guida del co-fondatore Winy Maas, raggiunge un’altezza di 39,5 metri, la stessa altezza della torre dell’adiacente Museo Boijmans van Beuningen. La sua forma ovoidale lo rende un edificio aperto in ogni direzione con una base piccola e l’area del tetto più ampia possibile.

L’edificio completamente a specchio è composto da 6.609 metri quadrati di vetro, divisi in 1.664 pannelli a specchio che riflettono il paesaggio urbano circostante creando uno stretto dialogo con la città.

Non solo opere d’arte

A 35 metri di altezza, sul tetto della struttura, si gode di una bellissima vista panoramica sullo skyline di Rotterdam. Qui si trovano un giardino pensile popolato da 75 betulle a più fusti appositamente coltivate e 25 abeti, oltre a un accogliente spazio per eventi “Coert” e il ristorante “Renilde”, gestito dal pluripremiato chef Jim de Jong.

L’assessore Bert Wijbenga: “Con questi 75 alberi sul tetto del Depot e l’ulteriore piantumazione nella zona, stiamo aggiungendo un altro bellissimo spazio verde alla città, dimostrando quanto siamo creativi nell’utilizzare lo spazio all’interno della città. Dove c’è costruzione, ci sono anche spazi verdi!”.

Il particolarissimo edificio alto più di 39 metri è l’ennesimo esempio, nella dinamica città portuale di Rotterdam, di sinergia tra pubblico e privato: l’operazione vede infatti coinvolti il Consiglio comunale di Rotterdam, il Museo Boijmans Van Beuningen e lo Stichting De Verre Bergen, un’organizzazione filantropica che dal 2011 sostiene progetti per il miglioramento della qualità della vita in città.

bussola-punto-fine-articolo

BUONO A SAPERSI

Web

Indirizzo

Depot Boijmans Van Beuningen
Museumpark 24
NL 3015 CX Rotterdam

Per ulteriori informazioni: Anna Malagoli, [email protected]

Dalla Cerignola di Mascagni
alla Digione delle civette:
la Francia ci insegna come valorizzare
i sentieri della Storia

A Cerignola, città agricola del Tavoliere pugliese, mi assegnano il premio Zingarelli alla carriera e questo riconoscimento mi offre lo spunto per approfondire la storia di quella comunità. Così trovo che, insieme all'aver dato i natali al linguista Nicola Zingarelli...

Biblioteche: una brutta storia a Napoli e una figura luminosa, Luigi Malkowski, ricordata a Ravenna

Il bravo inviato ed editorialista del Corriere della Sera, Gian Antonio Stella, riporta nella sua rubrica odierna, mercoledì 20 giugno 2012, la brutta storia della biblioteca napoletana di Giovanni Battista Vico, la Girolamini, svuotata di almeno  2.202 libri antichi...

Catania che s’illumina di immenso Led e i Comuni rinnovabili: grazie Italia, che sali con energia sul treno dell’Europa virtuosa

Una buona notizia arriva da Catania: il Comune, in  base a un progetto della società Gemmo diretta dall'ingegnere catanese con studi in Bocconi Giuseppe Tomarchio, ha sostituito i Led (una nuova tecnologia, la sigla sta a indicare i diodi emittenti luce) alle...

Etilotest obbligatorio in Francia

Dal primo luglio 2012 in Francia è obbligatorio per tutti gli automobilisti e motociclisti avere con sé un etilotest portatile con cui misurare il tasso alcolico nel sangue in caso di bisogno. Per i trasgressori sono previste multe di 11 euro, che verranno inflitte...

Dal tormentone estivo contro la Liguria poco ospitale prendiamo spunto per far tornare la nostra Italia sul podio mondiale del turismo

Stanno spopolando su Internet i video pubblicati su YouTube che indicano nella Liguria una terra non ospitale per i turisti, argomento cui dedica mezza pagina il Corriere della Sera odierno (13 agosto 2012). Si tratta di due spezzoni video (primo e secondo), montati...

Facciamo gli Stati Uniti d’Europa.
La proposta “euroutopica” di Alfred Heineken,
futurologo inascoltato

In economia (ma anche in diplomazia o semplicemente nell’amministrazione) le dimensioni di un Paese contano. Quelle degli Stati dell’Unione europea, troppo piccoli su scala mondiale, non sono più adatte. La soluzione? Applicare all’Europa il modello degli Stati Uniti....

Marinaleda, Spagna: l’oasi socialista che sfida la crisi

  Questa cittadina in Andalusia non conosce disoccupazione e prospera all’ombra della sua cooperativa agricola. Mentre la politica d’austerity imperversa in tutta la Spagna, il sindaco della città, Juan Manuel Sanchez Gordillo, si è messo alla testa di un...

Germania: qui Kassel, la città salvata da Documenta, mostra d’arte contemporanea

Kassel, Orangerie, visione d'insieme della splendida vista da NNE. Le città sono come persone: hanno un loro carattere, ci piacciono, ci sono simpatiche o ci innervosiscono. Tanto che si legge perfino sulle magliette “I love New York”. Nel dire così – amo Berlino,...

Qui Parigi: sangue blu in difesa dei gitani

Originario dei quartieri alti, istruito in un college inglese, studente di diritto: nulla predestinava Louis de Gouyon Matignon a diventare presidente di un’associazione in difesa della cultura gitana. E invece questo nipote di un marchese, assistente di un senatore...

Qui Stoccolma: fare soldi con i rifiuti, anzi con “l’oro di Napoli”

In Svezia il business delle biomasse ricavate dalla spazzatura genera ingenti profitti. La materia prima è talmente ricercata che le imprese cominciano a rivolgersi all'estero a chi ne ha in abbondanza. Esattamente cento anni fa la Svezia inaugurava il suo primo...