La protesta sdraiata: ai giovani cinesi quest’uomo sta insegnando un modo di vivere “liberi dall'ansia”

La filosofia del tang ping invita la generazione dei millennials orientali a rallentare e a lasciarsi indietro la frenesia della competizione esasperata, il superlavoro e il frenetico consumismo: una rivolta quieta e individuale. A seguire: una giovane ricercatrice italiana, Carlotta Clivio, ci aggiorna su come Xi Jinping sta avviando la Cina verso la civiltà ecologica della nuova era

Economia & Sostenibilità

La protesta sdraiata: ai giovani cinesi quest’uomo sta insegnando un modo di vivere “liberi dall'ansia”

La filosofia del tang ping invita la generazione dei millennials orientali a rallentare e a lasciarsi indietro la frenesia della competizione esasperata, il superlavoro e il frenetico consumismo: una rivolta quieta e individuale. A seguire: una giovane ricercatrice italiana, Carlotta Clivio, ci aggiorna su come Xi Jinping sta avviando la Cina verso la civiltà ecologica della nuova era

Economia & Sostenibilità

cina-tang-ping-lavoro-millennialsStare sdraiati per prendere posizione contro il superlavoro, l’ipercompetitività e il consumismo. È la filosofia del “tang ping”, che in cinese significa “stare lungo disteso”, un movimento di protesta, a cui stanno aderendo soprattutto giovani, che è emerso in Cina nei mesi scorsi.

Rallentare. Tutto è cominciato cinque anni fa, quando Luo Huazhong, 31 enne, ha deciso di licenziarsi dalla fabbrica in cui lavorava, percorrere oltre duemila chilometri in bici dal Sichuan al Tibet e poi vivere con i genitori, mantenendosi per l’indispensabile con lavori saltuari, tra cui quello di comparsa cinematografica. Ad aprile di quest’anno ha raccontato in un post la sua scelta. “Non mi sembra che ci sia qualcosa che non vada”, afferma, sottolineando al New York Times che lavorare in una fabbrica 12 ore al giorno per sei giorni a settimana non è un modo migliore di trascorrere l’esistenza.

Anticonformisti, a conti fatti. A dispetto della censura governativa, il fenomeno dei tang ping si sta diffondendo perché i giovani cinesi stanno facendo i conti con l’essere la prima generazione che, nonostante il superlavoro, non riesce a stare al passo con il costo della vita e vede quindi sfumare il mito del benessere. Gli effetti di questo desiderio di non conformarsi, inoltre, riguardano anche le scelte affettive e familiari.

Rivolta silenziosa. I tang ping sostengono che la loro sia solo una selezione di ciò in cui vale la pena investire tempo ed energie. Agli occhi del partito, è una forma di rivolta quieta e individuale, ma anche più difficile da contrastare di una protesta di piazza e che potrebbe mettere alla prova il modello di comportamento dominante (Scmp).

bussola-punto-fine-articolo

* Fonte: Internazionale del 31 ottobre 2021. Tratto dalle notizie del giorno scelte dalla redazione di Good Morning Italia, newsletter d’informazione quotidiana.

A PROPOSITO/ Sul comodino di SALVATORE GIANNELLA

Così Xi Jinping avvia la Cina
verso la civiltà ecologica
della nuova era

'Cina. Prospettive di un paese in trasformazione' di Giovanni Adornino

Giovanni Adornino, Cina. Prospettive di un paese in trasformazione. 2021, editrice Mulino.

Un libro del Mulino (Cina. Prospettive di un paese in trasformazione) ci aggiorna puntualmente e utilmente sulle prospettive di quel pianeta d’Oriente in frenetica crescita in questi “ruggenti anni Venti della transione ecologica” (come li ha definiti Ursula von der Leyen). E, nella folta squadra dei valenti collaboratori coordinati da Giovanni B. Andornino², la ricercatrice Carlotta Clivio¹ ci aggiorna sullo sviluppo delle energie rinnovabili, capitolo di grande attualità visto la vaghezza che ha caratterizzato (l’assente) Cina al vertice del G20 di Roma. Questi i brani centrali del testo di Carlotta in un volume decisivo, anche per l’Italia, per impostare relazioni efficaci e sostenibili.

“Il Programma per lo sviluppo delle energie rinnovabili prevede l’incremento della quota di fonti di combustibili non-fossili nel consumo totale di energia primaria della Cina del 20% entro il 2030, l’incremento di 680 GW di potenza installata a fonte rinnovabile, 210 GW dei quali di sola potenza da fonte eolica. Il Programma prevede inoltre lo sviluppo dell’eolico offshore e il supporto allo sviluppo dell’industria delle energie rinnovabili in Cina, con una conseguente riduzione della dipendenza dalle attività di aziende estere attive nel settore. (Più info a questo link).

Il Piano di azione triennale (conosciuto anche come Piano d’azione triennale per vincere la battaglia difensiva del cielo blu) prevede questi cambiamenti principali: l’esplicita indicazione a coordinare le politiche di gestione dell’inquinamento atmosferico con quelle sulla riduzione delle emissioni di gas serra e la ridefinizione delle regioni cinesi che hanno raggiunto i livelli di inquinamento atmosferico più alti. Sul primo punto i due ambiti di policy (cambiamento climatico e inquinamenti) sono sempre stati trattati separatamente nel contesto istituzionale cinese fino alla fondazione del Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente nell’aprile 2018. Sul secondo, alla regione del Delta del Fiume delle Perle, segnalata come regione dagli elevati livelli di inquinamento atmosferico nel Piano d’azione del 2013, si è sostituita la pianura compresa tra i fiumi Fen e Wei: una regione comprendente la città di Xi’An e parte delle province di Shaanxi, Henan e Shanxi e che si unisce alle già individuate regioni di Pechino-Tianjin-Hebei e del Delta del fiume Yangtze. Tra il 2015 e il 2017, la pianura ha registrato i più alti livelli di anidride solforosa della Cina, oltre ad aver assistito a un incremento del 27% dei suoi livelli di particolato fine (PM 2.5). Non a caso il Piano d’azione comprende anche obiettivi specificamente mirati alla riduzione delle emissioni di anidride solforosa, ossidi di azoto e composti organici volatili (COV) a livello nazionale, prevedendo una diminuzione nelle emissioni dei primi due gas serra…”. (Più info a questo link).

bussola-punto-fine-articolo

¹ Carlotta Clivio è junior research fellow del programma Global China de Torino World Affairs Institute. È dottoranda di ricerca in Relazioni internazionali presso la London School of Economics and Political Science. Ha collaborato come consulente politica del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite in Cina (UNDP China) per lo sviluppo sostenibile di progetti realizzati nell’ambito della Via della Seta. Qui un suo reportage sulla nuova fisionomia politica e socio-economica della Cina in quella che il suo leader, Xi Jinping, chiama la “nuova era”.
² Giovanni B. Andornino è docente di Relazioni internazionali dell’Asia orientale presso l’Università di Torino, dove dirige il TOChina Centre del Dipartimento di Culture, Politica e Società. È vicepresidente del Torino World Affairs Institute e direttore di OrizzonteCina. Nel 2019 ha co-fondato il China-Italy Philanthropy Forum e scritto numerose pubblicazioni.

Qui Atene:
una cura cinese
per il porto del Pireo

Da quando ha assunto il controllo di una parte del porto greco, la compagnia cinese Cosco ha abbattuto i costi e raddoppiato il volume del traffico. I greci temono le conseguenze per le condizioni di lavoro. Pireo. Il capitano osserva il molo dal suo elegante ufficio...

Quel viaggio in funicolare sulla cima di Hong Kong
che ti racconta la salita
di un tempio del capitalismo mondiale

"In su la cima": la Pasquetta 2013 l'ho passata in compagnia di mia moglie Manuela, memore del motto di Arnoldo Mondadori, sulla vetta più alta di Hong Kong, il Peak, 500 metri sul livello del mare. Ci sono arrivato dopo una fila chilometrica, già spettacolare essa...

Suonate musica
con i vostri cannoni!

“Suonate musica con i vostri cannoni” è il messaggio che la Post War Orchestra lancia con il suo progetto: riciclare armi trasformandole in strumenti musicali. In questo modo contribuiscono a eliminare dalla circolazione ordigni bellici, tramutandoli in simboli di...

“Le politiche ambientali fanno bene anche all’economia”. Parola di Cristiana

Cristiana Fragola è il direttore generale per l’Europa di C-40 Cities, la rete delle grandi città del mondo attive per la riduzione dei gas serra. All’organizzazione fanno capo sette iniziative tematiche, a loro volta articolate in reti di collaborazione, attraverso...

Cinque milioni di contadini urbani. E i balconi si riempiono di orti

Continua a crescere il numero di persone e famiglie che iniziano a coltivare un piccolo appezzamento di terreno o un balcone. Mentre crollano i consumi, cresce l'autoproduzione. E aumentano le soluzioni create ad hoc per la città: eccone alcune Questo verrà ricordato...

Con la crisi, la Grecia si è scoperta razzista

Conosco una famiglia, due giovani genitori, meno di trenta anni, e tre figli. Madre greca, padre nigeriano (insieme nella foto a destra), buon livello culturale. Vivono ad Atene, ma sull'isola che frequento lei ha i genitori. Perfettamente bilingui tra inglese e greco...

Le dieci cose che si gusta un viaggiatore ibrido

Il piacere della guida, la scoperta di percorsi verdi, la consapevolezza di spostarsi con un occhio di riguardo al piacere della natura e all’amore per il pianeta. Ecco come viaggia il guidatore di un’auto ibrida Ogni viaggio è connesso con i più preziosi elementi...

Google lancia l’incubatore di startup per neo-mamme

Nasce Tel Aviv Campus for Moms, il primo incubatore d’impresa dedicato alle neo-mamme, che trasforma la maternità in un momento di crescita professionale decisivo L’arredamento è informale, simile a quello di altri incubatori di startup, anche se qui ci sono molti più...

Imparare il Cinese con i video della emittente CCTV

el sito ufficiale, l’emittente cinese CCTV mette a disposizione tantissimi video (link) che aiutano a imparare il mandarino. Per tutti coloro interessati a sviluppare la propria carriera in ambito cinese,...

Per chi ha figli che avranno 20 anni nel 2030: ecco 46 nuovi lavori per il futuro

  Qui di seguito, tutte le professioni che tra 20 anni hanno le maggiori probabilità di essere le più diffuse nei paesi industrializzati, secondo le previsioni di alcuni fra i principali centri studi in campo occupazionale, a partire dal Bureau of labor...