La crisi diplomatica in Qatar incide sulla cultura. A rischio musei e rapporti internazionali
Giu28

La crisi diplomatica in Qatar
incide sulla cultura. A rischio
musei e rapporti internazionali

L’accusa di fiancheggiare il terrorismo da parte dell’Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Yemen, Bahrein (e del presidente statunitense Trump, che contemporaneamente e strabicamente vende 36 aerei caccia F-15 americani a Doha, una commessa da 12 miliardi di dollari che «rafforza la sicurezza nella regione», afferma il Pentagono in un comunicato) fa piombare il Qatar in una condizione di isolamento non solo politico ed...

Read More
La crisi della stampa in Italia raccontata attraverso alcuni numeri e infografiche
Set06

La crisi della stampa in Italia
raccontata attraverso
alcuni numeri e infografiche

L’analisi di New Tabloid sintetizzata da DataMediaHub. E la mia dolorosa scoperta dell’assenza dei giornali negli autogrill da Bari verso il Nord, una conferma al fatto che gli editori sono ostaggio dei distributori “Non solo il web uccide i giornali”, questo il titolo dell’inchiesta di 27 pagine che accompagna l’uscita dell’ultimo numero cartaceo di New Tabloid, il trimestrale dell’Ordine dei giornalisti di...

Read More
Hollywood ricorda Tonino Guerra e a me viene in mente quella “riga di pietra” di Olimpia da dove partirà la corsa di Grecia e Italia contro la povertà ingiusta
Lug05

Hollywood ricorda Tonino Guerra
e a me viene in mente
quella “riga di pietra” di Olimpia
da dove partirà
la corsa di Grecia e Italia
contro la povertà ingiusta

[jpshare] Nella notte delle stelle a Los Angeles, il 25 febbraio 2013, tra un premio Oscar e l’altro, George Clooney nella sezione “In memoriam” ha scandito, per la miriade di star presenti, due nomi di italiani da esportazione che nel corso del 2012 ci hanno lasciati e che già ci mancano tanto: il poeta e sceneggiatore Tonino Guerra (sulle cui spalle da gigante mi sono spesso inerpicato per allargare i miei orizzonti) e il papà...

Read More
Chi ha una passione, la segua
Ott31

Chi ha una passione, la segua

Il famoso detto “impara l’arte e mettila da parte” potrebbe rappresentare sul serio una soluzione efficace contro lo spettro della disoccupazione. Stiamo parlando dei classici lavori manuali, ‘di bottega’. Quelli che, per intenderci, siamo abituati a vedere quando posizioniamo le statuine del presepe a Natale. Quei tipi di mestieri che si apprende dopo un lungo periodo di stretto contatto col...

Read More
Quando Venezia si salvò puntando su bellezza, restauro e agricoltura
Set08

Quando Venezia si salvò puntando su bellezza, restauro e agricoltura

Per far ripartire la macchina inceppata dell’Italia, una lezione fondamentale può venirci oggi dalla storia di Venezia e dalle mosse del suo doge Andrea Gritti il quale puntò su bellezza, restauro e agricoltura dell’entroterra. La città lagunare nel XVI secolo usciva da una grave sconfitta militare e da un’altrettanta grave crisi economica. Sentite che cosa scrive Giuseppe Barbieri, professore di storia...

Read More
Uscire dall’euro sarebbe una resa, l’8 settembre dell’Europa
Mag24

Uscire dall’euro sarebbe una resa, l’8 settembre dell’Europa

A te non interessa che io sia nato a Parigi e tu in Germania, tu sei una povera mucca e io un povero soldato e facciamo del nostro meglio Jean Renoir, La grande illusione “Dì bianco, ancora, ancora”. incalzavamo. “Bianco, bianco, bianco, bianco…” “Di che colore è il tuorlo?” “Bianco”. Non è così difficile. Dite che la colpa è dell’Europa, ripetetelo per anni, tanto lei non ha voce. Per il debito, la crisi, il degrado civile, quello...

Read More
Nel Sudafrica dopo Mandela (3): una economia moderna, che non sente la crisi testo di Letizia Magnani per Giannella Channel
Mag04

Nel Sudafrica dopo Mandela (3): una economia moderna, che non sente la crisi

testo di Letizia Magnani per Giannella Channel

Johannesburg “Silenzio e rispetto” è il claim di una pagina pubblicitaria della principale banca americana che opera in Sudafrica. Sopra, in mezzo al foglio bianco c’è la foto di Madiba, il papà della nazione. I giornali e le strade di tutte le città del Sudafrica sono stati ricoperti per giorni e settimane, dopo la morte di Mandela, con pubblicità come questa. L’immagine di Mandela campeggia ovunque nel Sudafrica da anni, ma dal...

Read More
Cala la fiducia degli italiani verso l’Europa
Gen01

Cala la fiducia degli italiani verso l’Europa

Dei tanti, preoccupanti dati affiorati oggi, lunedì 30 dicembre 2013, dalla XVI indagine Demos per Repubblica (crolla la fiducia nei partiti e nelle istituzioni, persino nel Presidente della Repubblica) c’è uno in particolare che colpisce il curatore di Giannella Channel, che auspica da sempre più Europa virtuosa in Italia e più Italia efficiente in Europa. Si tratta del calo di fiducia (-11,2%) degli italiani nei confronti...

Read More
Un brutto segno. “Presseurop” addio: «Si chiude una finestra sulla vita degli europei»
Dic20

Un brutto segno. “Presseurop” addio: «Si chiude una finestra sulla vita degli europei»

Lanciato nel maggio 2009, Presseurop chiude oggi, 20 dicembre 2013, per mancanza di finanziamenti. A nulla sono valsi gli appelli, incluso quello di Giannella Channel (link) in favore del rinnovo dei finanziamenti. È la fine di un’esperienza giornalistica a portata di cittadino, commenta la stampa europea. È un doloroso segnale per tutti quelli, e io sono tra loro, i quali credono che più Europa di qualità sia la conseguenza di...

Read More
Per uscire dalla crisi servono forti dosi di creatività. Parola di Hubert Jaoui
Nov29

Per uscire dalla crisi servono forti dosi di creatività. Parola di Hubert Jaoui

“La vita è un intreccio intimo di routine e di creatività”, ha scritto il grande psicologo statunitense Abraham Maslow. La routine nel senso positivo della parola contiene tutte le conoscenze, le competenze e i comportamenti che abbiamo appreso e attraverso l’educazione e l’esperienza diventano spesso condizionamenti. La creatività è invece la capacità di agire per cambiare la realtà, per inventare risposte che nessuno ci...

Read More
Stampa on line, in Francia il messaggio è “Cavarsela insieme”
Nov19

Stampa on line, in Francia il messaggio è “Cavarsela insieme”

Dopo le Assises du journalisme a Metz segnate dalla depressione generale, è toccato alla giornata della stampa on line ridare morale alle truppe. Missione riuscita a metà, ma ennesima conferma che la stampa on line transalpina è viva e determinata più che mai a vendere cara la pelle Si è tenuta venerdì 14 novembre a Parigi la 4a giornata della stampa on line organizzata dal sindacato Spiil che riunisce molti dei siti web di...

Read More
La creatività negletta nel paese che fu il più creativo al mondo
Ago25

La creatività negletta nel paese che fu il più creativo al mondo

Fino a pochi anni fa, qui in Italia, creatività e creativo erano parole impronunciabili. Tali da evocare, nella migliore delle ipotesi, persone e attività vanitose e modaiole, e nella peggiore un’ampia gamma di comportamenti non solo irritanti ma disdicevoli (la finanza creativa, per dire truffaldina. Le soluzioni creative, per dire abborracciate, improbabili e inefficaci). Storicamente del tutto differenti l’attenzione e...

Read More
Gli “Sbornia Bond”: così la crisi diventa semplice da comprendere
Lug22

Gli “Sbornia Bond”: così la crisi diventa semplice da comprendere

Costanza è la proprietaria di un bar, il Bar Sport, di quelli dove si beve forte. Rendendosi conto che quasi tutti i suoi clienti sono disoccupati e che quindi dovranno ridurre le consumazioni e frequentazioni, escogita un geniale piano di marketing, consentendo loro di bere subito e pagare in seguito. Segna quindi le bevute su un libro che diventa il libro dei crediti (cioè dei debiti dei clienti). La formula “bevi ora, paga...

Read More
Con la crisi, la Grecia si è scoperta razzista
Giu28

Con la crisi, la Grecia si è scoperta razzista

Conosco una famiglia, due giovani genitori, meno di trenta anni, e tre figli. Madre greca, padre nigeriano (insieme nella foto a destra), buon livello culturale. Vivono ad Atene, ma sull’isola che frequento lei ha i genitori. Perfettamente bilingui tra inglese e greco stanno progettando l’emigrazione in Australia, ma la ragione principale non è che le varie attività di lavoro seguite in questi anni sono ora tranciate dalla...

Read More
Londra: la crisi picchia duro anche su Scotland Yard. In vendita la sede
Giu03

Londra: la crisi picchia duro anche su Scotland Yard. In vendita la sede

Bye-bye nebbia, Sherlock Holmes, Jack lo Squartatore… Scotland Yard, dopo quasi due secoli di indagini, si è rifatta il trucco. Vuoi per la crisi, vuoi per la globalizzazione, il simbolo della Londra vittoriana, «che negli ultimi 184 anni è entrato in quasi tutte le più famose storie poliziesche» come si legge nel sito ufficiale (link), si è messo al passo coi tempi. Prima parola d’ordine: sfruttare il brand. La via era stata segnata...

Read More
Islanda: salvati dall’architettura
Mag13

Islanda: salvati dall’architettura

L’auditorium Harpa di Reykjavik è il simbolo della rinascita del paese dopo la crisi finanziaria del 2008. Anche per questo è stato scelto come vincitore del premio Mies van der Rohe Spigoloso, translucido, traforato, teatro di un gioco d’ombra e di luci, dominato da elementi quali l’aria e l’acqua, in armonia con l’anima e la tradizione della vita quotidiana in Islanda: l’Harpa, sala da concerti e centro congressi di Reykjavik, il 29...

Read More
La libertà di stampa solo una illusione con giornalisti sfruttati e minacciati
Mag04

La libertà di stampa solo una illusione con giornalisti sfruttati e minacciati

Un esercito di venticinquemila precari che produce il 60 per cento delle notizie di un qualsiasi giornale, online o cartaceo che sia. Un esercito che se posasse la penna e spegnesse il pc, metterebbe in ginocchio l’intero sistema dell’Informazione. Nel resto del mondo questi “soldati” si chiamano freelance e sono sinonimo di notizie indipendenti, libere, alternative. Da noi sono semplicemente giornalisti precari, o più brutalmente:...

Read More
Islanda: la cultura è la soluzione per uscire dalla crisi
Mar25

Islanda: la cultura è la soluzione per uscire dalla crisi

Invece di piegarsi all’austerity, l’isola ha reagito alla crisi continuando a investire in settori alternativi come la musica e il cinema. Così ha rilanciato l’economia e scongiurato l’esclusione sociale Se il tracollo finanziario del 2008 in Islanda spesso è stato interpretato come un segno premonitore della crisi europea, forse adesso è ora di ispirarsi alle soluzioni adottate dal paese. A differenza del sud dell’Europa, dove i...

Read More
Jorge Mario Bergoglio contro il terrorismo dell’economia speculativa che stava affamando Argentina e Sud America
Mar24

Jorge Mario Bergoglio contro il terrorismo dell’economia speculativa che stava affamando Argentina e Sud America

«Il nuovo imperialismo del denaro toglie di mezzo addirittura il lavoro, che è il modo in cui si esprime la dignità dell’uomo, la sua creatività, che è l’immagine della creatività di Dio. L’economia speculativa insegue l’idolo del denaro che si produce da se stesso. Per questo non si hanno remore a trasformare in disoccupati milioni di lavoratori». Un’intervista molto significativa con l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio,...

Read More
Mentre i giornali italiani piangono, il “New York Times” triplica gli utili e il colosso tedesco Springer con il digitale chiude bilanci redditizi
Feb12

Mentre i giornali italiani piangono, il “New York Times” triplica gli utili e il colosso tedesco Springer con il digitale chiude bilanci redditizi

Nello stesso giorno in cui Rcs Mediagroup annuncia il drammatico taglio di 800 lavoratori tra giornalisti, grafici editoriali, poligrafici e personale amministrativo e la vendita o chiusura di 10 periodici (tra i quali il mio amato mensile L’Europeo) e il trasferimento del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport da via Solferino (con la cancellazione di oltre un secolo di storia), leggo una notizia controtendenza in...

Read More