Migranti, il sindaco di Riace
nella classifica dei 50 leader
più influenti al mondo
secondo il magazine Fortune

IL LATO BELLO DEL SUD

di Donata Marrazzo / Il Sole 24 Ore*

[jpshare]

riace-citta-accoglienza

Riace, comune di 1.820 abitanti della provincia di Reggio Calabria, è assurto agli onori della cronaca per il ritrovamento, nel 1972, di due statue bronzee di epoca greca, oggi noti come i Bronzi di Riace.

A Riace tutto arriva nel mare. I pirati turchi nell’antichità, i due guerrieri nudi modellati da Fidia o da maestri della sua bottega – quei sensazionali Bronzi rinvenuti sui fondali da un sub a otto metri di profondità – e un veliero carico di curdi, che nel 1998 ha trasformato uno sbarco di profughi in un’opportunità. Era estate, le quattro del mattino, e la costa ionica calabrese non sarebbe stata più la stessa: l’immigrazione di quegli 800 uomini (e donne e bambini), provenienti da Afghanistan e Iraq, ha risvegliato un borgo fantasma. Che oggi è un esempio di accoglienza. Domenico Lucano allora era a capo dell’associazione Città Futura, dedicata a don Giuseppe Puglisi, ma già elaborava nuove forme di convivenza. Oggi, che è sindaco di Riace da tre mandati, è per il Fortune Magazine uno dei 50 leader più influenti del mondo. Prima di Melinda Gates (moglie di Bill), dopo Angela Merkel, Aung San Suu Kyu, Papa Francesco e Christine Lagarde.

domenico-lucano-riace

Domenico Lucano, sindaco di Riace.

Mimmo Lucano, il sindaco visionario. A lui interessa poco. Non è snobismo o falsa modestia, ma il suo modo per restare visionario: “Non ne sapevo nulla e mi chiedo come abbiano fatto i giornalisti della rivista americana a scoprire questa estrema periferia del mondo”, afferma concitato (come sempre), mentre scende alla marina dal centro storico. Domenico Lucano, 59 anni, ex maestro di scuola, “ha realizzato un modello di ospitalità studiato in tutta Europa”, si legge nel profilo dei World’s 50 Greatest Leaders. Un programma di integrazione sostenibile che ha rivitalizzato l’economia e il tessuto sociale di un borgo destinato a svuotarsi.

“Riace, una comunità felice”. “Non ci sono ricette, misure, programmi definiti. Non so nemmeno se quello che ho fatto è replicabile altrove. Forse è tutto una casualità, un’avventura umana di cui all’inizio non conoscevo i rischi e nemmeno i limiti. E’ stata l’occasione che mi ha guidato”. Mimmo, detto “u curdu”, però va fiero dei risultati: “La mia è una comunità felice, perché l’inclusione conviene a tutti. Ne godono i residenti, qui riaprono scuole e ristoranti. La natalità supera la mortalità. Ne gioiscono i rifugiati che trovano case e botteghe. Tessono, ricamano, lavorano il vetro, il legno, il cioccolato. Così è rinato il centro storico. E io sono felice di sentirmi utile: non voglio poltrone, ma solo fare il bene della mia gente”.

riace-paese-accoglienza

Dal 2004 ad oggi, Riace è stato al centro di politiche di accoglienza degli immigrati. Sono circa 150 gli immigrati accolti dalla popolazione locale, che supportati da politiche sociali sono stati inseriti nel mondo del lavoro, contribuendo allo sviluppo dell’economia del borgo.

riace-paese-accoglienza

Il regista e produttore Wim Wenders (Düsseldorf, 1945).

Il volo di Wenders, da Scilla a Riace. Che Mimmo Lucano avesse stoffa, se ne era accorto anche Wim Wenders. Il regista tedesco avrebbe dovuto girare le riprese del suo cortometraggio in 3D “Il volo” a Scilla. Storie di rifugiati, di una Locride ospitale, di un altro Sud. Voleva simulare uno sbarco sulle coste e aveva bisogno di reclutare naufraghi. Il sindaco di Riace si mette a sua disposizione, lo porta nel suo borgo, a otto chilometri dal mare. Gli presenta Ramadullah, il bambino afghano di otto anni che durante la fuga dal suo paese ha perso tutta la famiglia. Ha tanto da raccontare, però non è disposto a spostarsi ogni giorno a Scilla per fare il cinema. Così Wenders si trasferisce con la troupe a Riace. Ben Gazzara nella prima parte del docufilm è Mimmo Lucano. Nella seconda, il regista tedesco intervista il sindaco in persona. Presentando il suo lavoro a Berlino, Wenders ha dichiarato che “in Calabria cadono muri ancora più importanti di quello abbattuto 27 anni fa in Germania”.

La nuova Locride, tra accoglienza e turismo solidale. L’esperienza di Riace è contagiosa: Caulonia e Stignano aprono ai profughi le case disabitate. Offrono assistenza sanitaria e legale. Tutt’intorno si allarga la Rete dei comuni solidali. Diverse associazioni lavorano per l’integrazione: a sud di Lampedusa, Il Girasole, Real Riace e Riace Accoglie. Più di 6.000 i rifugiati accolti negli anni nel paesino dell’alta Locride, 400 quelli presenti in pianta stabile nel centro storico. Sono il 50% della popolazione locale. Il flusso è continuo: i progetti di solidarietà di Riace sono legati al Sistema di protezione dei richiedenti asilo del ministero degli Interni. Sempre connessi alla rinascita del paese. Ed è boom di turismo solidale: i visitatori della costa ionica possono soggiornare nelle case recuperate del borgo, condividendo parte della proprie giornate con gli abitanti del luogo, compresi quelli di 20 etnie diverse.

* Fonte: Il Sole 24 Ore è il quotidiano voce ufficiale della Confindustria italiana. Il suo sito on line è qui: ilsole24ore.com

Author: admin

Share This Post On

3 Comments

  1. C’è voluta la rivista americana Fortune per illuminare un gigante del Sud tra i primi 50 leader del mondo… E a me viene in mente una poesia del paesologo Franco Arminio (Bisaccia, Avellino, 1960), da me conosciuto su Giannella Channel (link).

    dal titolo:

    “Chi non sa nulla del Sud stia zitto,
    parli chi ha il coraggio di starci dentro
    di attraversarlo lentamente”. Ecco i versi:

    “Non toccate la Lucania
    e non toccate i contadini, quelli di adesso
    e quelli che furono macellati a Caporetto,
    non toccate quelli che presero le navi
    per andare in America,
    non toccate chi ha lavorato in Svizzera
    e chi è rimasto innocente
    in questi paesi
    in cui ogni disperazione
    è sola nel suo fosso,
    ditelo a chi è rimasto
    che bisogna salutarsi con gioia
    che bisogna pulire fuori dalla nostra casa
    prima che dentro,
    ditelo che non bisogna chiedere favori,
    ditelo che non siamo in vendita
    e chi ci ha rubato le braccia
    ora ci ruba il vento e l’acqua
    e il petrolio.
    Chi non sa nulla del Sud stia zitto,
    parli chi ha il coraggio di starci dentro
    di attraversarlo lentamente”.
    Stia zitto chi fa il giornalista nei salotti.
    Non servono
    i mestieranti dello sdegno,
    i mercanti del frastuono,
    per raccontare certi luoghi ci vuole la poesia,
    il teatro, il canto.”

    Post a Reply
  2. A proposito del sindaco di Riace incluso da “Fortune” nella lista delle personalità più influenti al mondo: alcuni giorni fa ho incontrato quel Sindaco, Mimmo Lucano, durante un incontro organizzato presso il Municipio di Locri (Reggio Calabria) intitolato “Girotondo intorno al mondo”. Venivano presentate iniziative di solidarietà realizzate in Italia e dall’Italia verso il mondo. La testimonianza del Sindaco Lucano è stato il completamento della strofa della poesia La Ronde di Paul Fort quando diceva “SE TUTTI I BAMBINI SI DESSERO LA MANO”.

    Di Riace si dice che è un “Comune solidale”, ma è molto di più: è la solidarietà realizzata non per i migranti, ma con i migranti, un azione condivisa, fatta insieme, ecco il concetto di tenersi per mano. Questa condivisione ha fatto in modo che la solidarietà divenisse uno stile di vita quotidiano da cui è nata un integrazione reale. Uno dei risultati, fra i tanti, è stato quello di coinvolgere i migranti nelle attività degli abitanti, inseriti anche nelle attività artigiane, tramandando mestieri, tradizioni, capacità lavorative e anche risorse economiche, impedendo così la scomparsa di mestieri e tradizioni. Ecco che dal dramma dei migranti scaturisce una risorsa per il territorio. Quello di Riace è un esempio che dovrebbero seguire altri comuni, penso per esempio a quelli lungo la dorsale alpina e appenninica.

    Post a Reply
    • Fortune ha acceso i riflettori su Riace e su Mimmo Lucano il suo Sindaco. Trasportato dal suo profondo senso di accoglienza ed ospitalità verso i più bisognosi, ha avuto una grande intuizione: i migranti possono rappresentare una opportunità storica per la sua Riace: ritornare ad essere vivi in un mondo vuoto senza futuro, “pertanto indecidibile”. C’è da farsi una domanda del perché questi curdi sono sbarcati in un territorio non abituale agli sbarchi in Calabria e per Mimmo Lucano ciò deve essere considerata come una “chiamata” il dover impegnarsi per questi disperati. Si aprono le case vuote dei migranti di Riace ai nuovi migranti, si riempiono i vuoti del suo paese, scuola, piazza, bar. Nel frattempo vengono ospitati circa 6000 migranti di 20 nazioni diverse e 400 rimangono a vivere stabilmente nel paese. E Riace impara e insegna che non bisogna pensare alla pericolosità del “diverso”, ma alla vera integrazione che può determinare una ricchezza culturale per ognuno. Riace non è un paese con monumenti o chiese da visitare, i suoi Bronzi sono al museo di Reggio, ma allo stesso modo è un paese che bisogna andare a visitarlo per i suoi laboratori artigianali che vedono protagonisti giovani del luogo con gli stessi migranti, per la raccolta dei rifiuti porta a porta con l’aiuto degli asinelli, per l’utilizzo di soldi di vario taglio da utilizzare solo all’interno della comunità di Riace, per ascoltare le storie dei migranti e degli vecchi abitanti. E tante altre esperienze di vita di comunità ormai ben organizzata. Se si ha poi la fortuna di avere come guida Mimmo Lucano si rimarrà attratti dal suo singolare modo di raccontare la sua esperienza di questi anni passati al servizio di Riace. Prima di Fortune Mimmo Lucano era già conosciuto in tutto il mondo tanto da meritare nel 2010 un prestigioso riconoscimento secondo City Majors.

      31 luglio 2016
      Roberto Trunfio, Pediatra, Locri

      Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

PASSAPAROLA

Se questo articolo è stato di tuo gradimento, consigliane la lettura anche ai tuoi contatti

Shares