Ciao Mandela, ti ricordiamo con la poesia che leggesti ogni giorno nella tua cella

nelson-mandela-poesia-prigione-robben-island

Nelson Mandela (1918 – 2013) fotografato durante una visita alla sua cella
di Robben Island. Situata al largo di Città del Capo, l’isola-prigione è diventata luogo di pellegrinaggio per migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.
Qui Mandela ha trascorso 18 dei suoi 27 anni di reclusione
durante il regime di Apartheid.

Ciao Nelson Mandela, il mondo perde un suo eroe. E noi illuminiamo le parole poetiche che tu leggesti ogni giorno dei tuoi 27 anni di prigionia a Robben Island.

Invictus

Dal profondo della notte che mi avvolge,

buia come un pozzo che va da un polo all’altro,

ringrazio qualunque dio esista

per l’indomabile anima mia.

 

Nella feroce stretta delle circostanze

non mi sono tirato indietro né ho gridato.

Sotto i colpi d’ascia della sorte

il mio capo è sanguinante, ma indomito.

 

Oltre questo luogo d’ira e di lacrime

si profila il solo Orrore delle ombre,

e ancora la minaccia degli anni

mi trova e mi troverà senza paura.

 

Non importa quanto stretto sia il passaggio,

quanto piena di castighi la vita.

Io sono il padrone del mio destino:

io sono il capitano della mia anima.

Author: admin

Share This Post On

1 Comment

  1. E’di questi uomini che il pianeta ha bisogno ;
    di amministratori di alto rigore morale e di alta onestà intellettuale, candidi. Una poesia che dovrebbe essere scritta su pietra dura in ogni parlamento.
    Mi inchino a questo grande uomo che mai ha rinunciato al suo grande sogno , al suo grande progetto, che, nonostante le mille difficoltà, ha raggiunto. Mio nonno Salvatore amava dire : purchè la morte ci raggiunga carichi di anni, di soddisfazioni ma soprattutto di meriti. Grazie Signor Mandela

    vittorio

    Post a Reply

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: