E Paolo mi confidò: “Se sono andato lassù, nello spazio, devo dire grazie a Oriana Fallaci”

Festeggiamo l’anno della cultura italiana in America con i personaggi incontrati (6)

di Salvatore Giannella

Incontrai l’astronauta italiano con il record di permanenza nello spazio (174 giorni) alla vigilia del suo primo volo, quando alla Nasa gli diedero il permesso di raggiungere la casa materna in Brianza. E lì, a sorpresa, raccolsi queste parole: “Fu proprio la grande giornalista, che conobbi in Libano quando ero sergente dell’ Esercito, a spingermi a coltivare il sogno di volare tra le stelle. E ad aiutarmi negli studi, in America”

Stampa

Paolo Nespoli (Milano, 6 aprile 1957).E' l'astronauta italiano con il record di permanenza nello spazio: 174 giorni.

Paolo Nespoli (Milano, 6 aprile 1957).
E’ l’astronauta italiano con il record di permanenza nello spazio: 174 giorni.

Era l’aprile del 2007: taccuino alla mano andai, per Oggi n. 15, in una villa a Verano Brianza, alle porte di Milano. Lì mi aspettava Paolo Nespoli, alla vigilia del suo ritorno “in isolamento” a Houston per poi affrontare il primo volo cosmico. “A settembre, unico europeo a bordo dello Space Shuttle, sarò il regista della missione che porterà in orbita un pezzo importante della Stazione spaziale internazionale. Finalmente coronerò il mio sogno da bambino: volare nello spazio. E, con commozione, penserò alla donna che ha reso possibile il raggiungimento di questo traguardo: Oriana Fallaci”. Oriana? E che c’entra la scrittrice e giornalista de L’Europeo famosa nel mondo, scomparsa sette mesi prima, con questo militare brianzolo, classe 1957, ex paracadutista e incursore del battaglione d’assalto “Col Moschin” ? C’entra, c’entra. Lui, Paolo Nespoli, quinto italiano sulla rampa di lancio della Nasa, confessa che deve proprio a Oriana se è diventato astronauta. La sua è una storia straordinaria che sembra una favola: una storia dentro la quale trovi di tutto, il Caso e il Coraggio, la Volontà e la Guerra, la Fatica e la Determinazione, quella titanica volontà che fa concretizzare qualsiasi utopia. Una testimonianza che ogni genitore e maestro, in questi tempi grigi e nemici dei sogni, dovrebbe leggere ai suoi figli o allievi.

Paolo Nespoli ha scritto un libro, edito da Mondadori, Dall'alto i problemi sembrano più piccoli, in cui racconta la sua esperienza nello spazio e le lezioni di vita che ne ha ricavato.

Paolo Nespoli ha scritto un libro, edito da Mondadori, Dall’alto i problemi sembrano più piccoli, in cui racconta la sua esperienza nello spazio e le lezioni di vita che ne ha ricavato.

In principio fu la missione italiana in Libano. A Beirut Paolo, sergente di 25 anni, viene chiamato a fare da “guardiaspalle” del generale Franco Angioni e fotografo ufficiale della squadra con le stellette. Siamo nel 1982, nel vicino Oriente c’è appena stato il massacro nei campi profughi palestinesi di Sabra e Chatila e l’Italia invia un contingente militare in Libano: è la prima missione militare italiana all’estero dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Cediamo la parola a lui: “Confesso che all’inizio della missione la presi male. Andò così. Un bel giorno il comandante della mia compagnia mi chiama e mi dice: ti cerca Condor. Condor era il nome in codice del generale Angioni. Angioni cerca me, un piccolo sergente? E perché mai? Così, stupito, mi presentai dal generale. Ho bisogno di un fotografo per il Libano, mi disse Angioni. Come, dissi io, mi sono addestrato per fare l’incursore e lei mi fa fare il fotografo? Capii subito, però, che il generale desiderava solo circondarsi di gente fidata. Partii così per il Libano, dove ho fatto di tutto. Su 15 mila militari che si sono succeduti nella missione durata un anno e mezzo solo 6 sono rimasti in Libano dal primo all’ ultimo giorno. Io sono uno di quei 6”.

Il pieno di umanità. L’esperienza oltreconfine si rivela fruttifera per il giovane sergente che fa il pieno di umanità. “In Libano ho conosciuto tante persone, in particolare giornalisti perché Angioni mi aveva chiesto di dare una mano agli inviati che arrivavano dall’Italia”, continua Paolo. “Alcune di loro sono state fondamentali per la mia vita. Sopra tutte, la Fallaci, che faceva la corrispondente di guerra per L’Europeo e che in Libano ambientò la trama del suo straordinario romanzo Insciallah. Molti hanno ravvisato il sottoscritto nel personaggio principale del libro. C’è qualcosa di vero, ma anche molto di romanzesco. Per esempio è romanzesca l’ipotesi che possa esserci stata qualche implicazione di tipo sentimentale. È vero, invece, che Oriana ebbe una grande influenza su di me. Un giorno, a missione ormai conclusa, mentre tornavamo con la stessa nave in Italia Oriana mi dice: “Che pensi di fare da grande?”. Be’, risposi io, scavando nei miei sogni da bambino, quando vidi in casa dei nonni le immagini dello sbarco sulla luna: mi piacerebbe fare l’astronauta, saltellare sulla Luna. Pensavo di giocare, invece lei mi guarda seria e dice: “Perché no?”. Oriana aveva un amico italiano a New York, George Pugliarello, rettore della Polytechnic University, che avrebbe potuto aiutarlo. “Ma io non avevo la laurea e non conoscevo l’inglese. La prospettiva, però, mi accendeva di entusiasmo: così ho chiesto l’aspettativa dall’Esercito e coi soldi racimolati in Libano sono andato due mesi a Londra a imparare l’inglese. Ho seguito corsi diurni e serali, e poi, congedatomi, sono partito per New York per frequentare l’università”.

Oriana Fallaci (Firenze, 29 giugno 1929 – 15 settembre 2006)

Oriana Fallaci (Firenze, 29 giugno 1929 – 15 settembre 2006)

Tanti successi e un fallimento. Qui il curriculum di Paolo si infittisce di straordinari, ravvicinati successi. 1988, master in Scienza e Ingegneria Aerospaziale. 1989, l’ateneo di Firenze gli dà una laurea in Ingegneria Meccanica. Nel capoluogo toscano trova lavoro in un laboratorio di ricerca nel settore spaziale. Nel ’91 partecipa a un concorso dell’Agenzia Spaziale Italiana ma qui c’è il primo, umano stop: Nespoli arriva ottavo e non viene selezionato. “A questo punto si interrompono i miei contatti con Oriana. Da quel giorno non l’ho più vista né sentita. Sparita. Vede, Oriana era un personaggio speciale. Il mio fallimento, in quell’occasione, lo prese come suo fallimento e, obbedendo a una specie di senso di colpa, ha troncato i rapporti con me. Ma la mia riconoscenza nei suoi confronti è totale: lei per me è stata una madre, un’amica, una confidente. La delusione del concorso fallito potrebbe essere stata ampliata nel suo inconscio perché forse lei stessa voleva fare l’astronauta. Come provano il suo bel libro Se il Sole muore dedicato ai cosmonauti e l’intervista al “padre dei razzi”, von Braun”.

Un amore a Mosca. Dal silenzio di Oriana ai giorni nostri, le tappe della carriera di Paolo si susseguono a ritmo incalzante: “A fine ’91 vinco un concorso all’Agenzia Spaziale Europea, a Colonia, come ingegnere addetto all’addestramento degli astronauti. Nel ’96 vengo distaccato al Johnson Space Center della Nasa, a Houston. Nel ’98 partecipo a un nuovo concorso per astronauti italiani. Su 427 aspiranti ne selezionano due: Roberto Vittori e il sottoscritto. Poi sono di nuovo a Houston, a seguire i corsi per la qualifica di astronauta. Nel 2000 ho avuto disco verde per essere assegnato a una missione a bordo di uno Shuttle e alla Stazione spaziale. Nel 2001 ho completato con successo il corso di addestramento per comandare il braccio robotico dello Shuttle. Nel 2003 ho completato il corso avanzato per le attività extraveicolari, le “passeggiate spaziali”. Nel 2004 sono stato assegnato al centro di addestramento per cosmonauti nella Città delle Stelle, presso Mosca, dove conobbi Aleksandra, oggi mia moglie. Tornato in America, mi hanno assegnato all’equipaggio della missione STS 120 dello Shuttle, dedita a completare la costruzione della stazione. Installeremo il Nodo 2, modulo italiano che espanderà il laboratorio e faciliterà i passi dell’ uomo nello spazio: ritorno sulla Luna nel 2015, volo verso Marte (un anno di viaggio) nel 2020. Ma questo sarà un obiettivo per astronauti più giovani”.

Peccato che l’Alieno (così la Fallaci chiamava il cancro) abbia spento Oriana prima di questo volo di Paolo tra le stelle. Avrebbe scritto un altro dei suoi libri di successo, la storia del sergente sognatore che invita i giovani a puntare sempre più in alto: “In fondo le stelle non sono così lontane!”.

A PROPOSITO

L’addio dallo spazio alla madre

Dopo aver perduto il padre nel 2007, Paolo Nespoli ha subìto il grave lutto della perdita della madre Maria Motta di 78 anni il 2 maggio 2011, durante il periodo di permanenza sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Durante i funerali, avvenuti nel primo pomeriggio del 4 maggio, nel momento di un transito della Stazione Spaziale Internazionale sull’Italia (a 400 chilometri dalla Terra, a una velocità di 28.500 km/h), è stato osservato per l’occasione un minuto di silenzio e di sospensione di tutte le attività di bordo.

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

PASSAPAROLA

Se questo articolo è stato di tuo gradimento, consigliane la lettura anche ai tuoi contatti

Shares